Allo studio il bando per il teleriscaldamento di Lecco, Malgrate e Valmadrera

Sarebbero sei le società che avrebbero avanzato la loro candidatura per il progetto di teleriscaldamento a servizio dei comuni di Malgrate, Lecco e Valmadrera promosso da Silea, la società pubblica che gestisce il servizio di raccolta e smaltimento rifiuti in provincia di Lecco.
La formula prevista per la realizzazione dell’opera è il project financing, per il quale Silea sta predisponendo l’apposito bando. In pratica, la società che si aggiudicherà il bando dovrà farsi carico della progettazione e costruzione della centrale di alimentazione e della rete, della loro manutenzione e di tutte le attività di ricerca e contrattualizzazione degli utenti a fronte della concessione del servizio per 35 anni.
Il bando prevede anche che la società vincitrice presenti uno studio di fattibilità riguardo sistemi alternativi di alimentazione dell’infrastruttura. Come prima ipotesi, infatti, a fornire l’energia termica dovrebbe essere l’impianto di combustione dei rifiuti situato a Valmadrera, da riconvertire, del quale l’Autorizzazione integrale ambientale (Aia) scade nel 2032. A quella data però non è detto che l’Aia venga prorogata.
Un impegno sostanzioso con un investimento previsto di 29.400.000 euro per la rete e 10.110.000 per la centrale. Inoltre, il concessionario è tenuto ad acquistare da Silea anche tutta l’energia termica prodotta dall’impianto di Valmadrera, di proprietà di Silea stessa, a una tariffa di 15,5 euro/MWht, almeno fino a quando l’inceneritore resterà in servizio. Da quella data, se l’impianto non dovesse più ottenere il nulla osta al suo funzionamento, sarà il gestore a dover produrre autonomamente tutto il fabbisogno termico della rete.


Leggi anche

Presentato il Piano industriale 2018-2023: fortemente orientato allo sviluppo, punta a portare il margine operativo lordo oltre il miliardo. Tutto ciò supportato da un mega investimento di 3 miliardi di euro, con focus prioritario su reti, con circa un miliardo dedicato alle infrastrutture idriche, ambiente e teleriscaldamento, comparto quest’ultimo cui vanno circa 680 milioni …

Leggi tutto…

Regione Lombardia ha approvato il progetto pilota che prevede il recupero del calore di scarto generato dal sito siderurgico e la sua immissione nella rete di teleriscaldamento cittadina. Capofila del progetto A2a Calore & Servizi, che punta a creare un sistema intelligente per la gestione dell’energia termica, scalabile e replicabile sull’intero territorio lombardo…

Leggi tutto…

Ha optato per le tecnologie no dig Hera per realizzare un tratto di rete nell’ambito delle opere di estensione dell’infrastruttura di distribuzione del calore al centro città. Si tratta nello specifico della tecnica del microtunnelling, che l’azienda sta utilizzando per completare un tratto di rete di 400 metri, avanzando con la trivellazione a una media di circa 6 metri al giorno…

Leggi tutto…

Consuntabile online la mappatura delle aree idonee per la realizzazione di reti per distribuire il calore. L’utilizzo di tali reti per distribuire il calore è sempre più diffuso in Ticino. Il calore viene prodotto prevalentemente in centrali alimentate a legna o a gas, ma anche sfruttando il calore residuo da processi industriali o quello ambientale tramite pompe di calore…

Leggi tutto…

L’azienda presenta all’International Symposium on District Heating and Cooling, il principale evento mondiale dedicato al teleriscaldamento e teleraffrescamento, la nuova procedura messa a punto per la stima e la quantificazione delle perdite di rete. Un sistema efficiente implementato su tutta l’infrastruttura a servizio di Brescia…

Leggi tutto…