AQP: 30 milioni per ridurre i fanghi di depurazione

Servirà a garantire l’ulteriore potenziamento dei depuratori gestiti l’investimento di 30 milioni di euro appena deliberato dal Consiglio di amministrazione di Acquedotto Pugliese (AQP). Più nello specifico, le risorse serviranno per installare presso gli impianti 60 stazioni di disidratazione dei fanghi di ultima generazione. «Una scelta per la sostenibilità e per la riduzione dei costi di esercizio a beneficio dell’ambiente e delle comunità servite – ha commentato Nicola De Sanctis, amministratore delegato di AQP. L’investimento si inserisce in un ben più vasto piano di interventi e di sperimentazioni promosso da Regione Puglia e che vede coinvolti attivamente Autorità idrica pugliese e l’Agenzia regionale per i rifiuti».
Le nuove stazioni di disidratazione dei fanghi, delle gigantesche centrifughe, saranno dotate di sistema di telecontrollo e garantiranno una sostanziale riduzione del volume dei fanghi. A regime, secondo i calcoli della società, saranno circa 35.000 le tonnellate all’anno in meno. Un risultato che sarà ottenuto grazie alla drastica riduzione della frazione umida. Il risparmio all’anno, calcolato in termini di minori spese per l’allontanamento dei fanghi dagli impianti di depurazione, sarà di circa 5 milioni di euro.
E proprio questo è uno degli altri obiettivi cui mira il progetto. Il costo relativo allo smaltimento dei fanghi della depurazione, il volume dei quali è pari a 244.000 tonnellate l’anno, è tra le voci più significative del bilancio dell’azienda e, di conseguenza, della bolletta idrica a carico dei cittadini: ben 29 milioni di euro. Costi che Acquedotto Pugliese è impegnato a contenere, congiuntamente a Regione Puglia, Autorità idrica pugliese e Agenzia regionale per i rifiuti. L’obiettivo è ridurre i fanghi e puntare sul loro miglior riutilizzo in agricoltura, grazie a tecnologie innovative e a cicli lavorativi rispettosi dell’ambiente. Un passo significativo sulla strada dell’ottimizzazione delle spese a tutto beneficio anche dell’ambiente.


Leggi anche

BFBios, Ronsas e Toasd sono i tre progetti che si propongono, rispettivamente, l’estrazione di biometano e la produzione di gessi di defecazione dai fanghi di depurazione e il monitoraggio e controllo delle emissioni odorigene che il gestore idrico porterà avanti in alcuni suoi impianti, grazie a 7,5 milioni di euro della Regione. L’obiettivo è abbattere i costi per allo smaltimento dei fanghi, con soluzioni innovative che consentano di ridurne la produzione e consentirne il riutilizzo…

Leggi tutto…

L’incontro, previsto per il 16 luglio, è fortemente voluto da Andrea Guerrini, Presidente di ASA SpA, in collaborazione con il centro studi WaMaTeRC dell’Università di Verona, rientra nell’ambito del programma che ha come obiettivo quello di far riflettere sui nuovi scenari che il settore idrico offre

Leggi tutto…

L’azienda ha sottoposto all’assemblea dei sindaci la richiesta di un’ulteriore dotazione, pari a 5 milioni all’anno, per le attività di ricerca delle perdite sulla rete e la sostituzione delle vecchie condotte ammalorate per dare così soluzione al problema. Molti tratti dell’infrastruttura idrica gestita, in totale 7000 km di tubazioni è ormai vetusta e richiede interventi strutturali

Leggi tutto…

E’ stata inaugurata ieri la Centrale dell’Acqua di Via Cenisio,39 alla presenza del Sindaco di Milano Giuseppe Sala, dell’Assessore Marco Granelli e del Presidente di MM spa Davide Corritore e del Direttore Generale di MM spa Stefano Cetti. La città di Milano ha da oggi un nuovo spazio dedicato ai saperi dell’acqua

Leggi tutto…

All’assemblea di Utilitalia, svoltasi a Roma il 27 giugno scorso, tutti gli organi nominati sono stati eletti all’unanimità. Giovanni Valotti è stato confermato presidente per altri tre anni. “E’ fondamentale – si legge nel documento approvato dall’Assemblea – declinare le strategie nazionali, nelle scelte regionali e locali, specialmente nei comparti dell’energia, dell’ambiente e delle risorse idriche.

Leggi tutto…