BrianzAcque estende la rete fognaria tra Desio e Bovisio Masciago

È un grande intervento quello pianificato da BrianzAcque, il gestore del servizio idrico della provincia di Monza e Brianza, per estendere la rete fognaria in un’ampia zona contigua tra il territorio dei comuni di Desio e Bovisio Masciago.

I lavori, che hanno appena preso il via, si protrarranno per un anno e prevedono la posa in totale di circa 4,5 chilometri di condotte. Per accelerare i tempi di realizzazione a partire da settembre saranno due le squadre che opereranno in contemporanea. 

Obiettivo dell’opera è dotare della rete di fognatura nera una serie di strade da poco acquisite al patrimonio comunale sulle quali insistono diversi nuclei abitativi e, in piccola parte, anche insediamenti produttivi attualmente del tutto privi di sistema di raccolta dei reflui. Un gap che sarà colmato attraverso la realizzazione di un sistema di condotte in grado di convogliare e di canalizzare i reflui verso il depuratore San Rocco di Monza.

L’intervento, che sarà portato avanti con impegno economico di 3 milioni di euro, coinvolgerà nel complesso 11 strade, 7 delle quali sono situate nel territorio comunale di Bovisio Masciago e le restanti 4 in quello di Desio. Una volta realizzati, i nuovi 4,5 chilometri di nuova fognatura andranno ad aggiungersi ai 3.188 già esistenti nell’area.

«L’importante intervento fognario che interessa i comuni di Bovisio Masciago e Desio è una significativa attuazione, per ora la più qualificante, di un programma condiviso strategicamente da BrianzAcque e Ato Monza Brianza per dotare i territori della provincia, che ne sono privi, di infrastrutture, quali le reti fognarie, in grado di rigenerare, non solo sotto il profilo ambientale, brani di tessuto urbano esistenti», ha commentato Silverio Clerici, presidente Ato Monza e Brianza.


Leggi anche

Dopo l’impiego della scansione satellitare per la ricerca perdite idriche, la multiutility, fra le prime in Italia, sperimenta la tecnologia anche per il monitoraggio delle reti fognarie, utilizzando i dati dell’Agenzia spaziale europea. Già avviato nel modenese, il nuovo sistema sarà testato anche nel bolognese, per un totale di totale di oltre 6.200 km di rete, con l’obiettivo di prevenire eventuali cedimenti dei collettori fognari…

Leggi tutto…

Il gestore toscano ha presentato all’Unione Comunale del Chianti Fiorentino il programma di investimenti per il prossimo triennio. Previste diverse opere per rafforzare l’interconnessione dei sistemi idrici, con l’obiettivo di garantire 120 litri al secondo di disponibilità media annua di acqua ai cittadini. Su raccolta e trattamento delle acque reflue, il principale intervento sarà la costruzione del depuratore di San Casciano, per una spesa di 14 milioni

Leggi tutto…

Il progetto prevede la posa di oltre 4 km di condotte destinate alla raccolta delle acque nere nella frazione di Povolaro, in modo da destinare la rete esistente alle acque meteoriche. I lavori, del valore di 2 milioni di euro, partiranno il prossimo autunno e andranno avanti per circa un anno e mezzo e consentiranno di porre fine allo scarico dei reflui in una roggia che attraversa il centro abitato

Leggi tutto…

La cooperativa emiliano-romagnola, con un’offerta di 4,2 milioni di euro, si è aggiudicata il bando indetto da Sogesid per la progettazione e l’esecuzione degli interventi di risanamento igienico e ambientale della collina dei Camaldoli. Le opere prevedono la posa di 6 chilometri di condotte, di 4 impianti di sollevamento e il risanamento di un collettore

Leggi tutto…

La cittadina che sorge alle porte di Salerno ha ottenuto un finanziamento di 1,7 milioni di euro dalla Regione per la costruzione di un collettore fognario e la sistemazione della rete dei reflui, ormai vetusta e ammalorata. I lavori interesseranno sia il centro storico sia alcune frazioni, dove sarà realizzato anche uno sfioratore per porre fino al problema degli allagamenti

Leggi tutto…