Case history: i risultati della ricerca perdite nella rete ACDA utilizzando la tecnologia satellitare Utilis

Una problematica, quella della manutenzione e salvaguardia della rete idrica, che non è certamente solo italiana, ma riguarda, in misure diverse, le reti idriche di tutto il mondo. Da Israele, la start up Utilis Corp., ha brevettato una tecnologia innovativa che si sta rivelando uno strumento particolarmente efficace per affrontare questa annosa situazione.

Il sistema Utilis utilizza la tecnologia satellitare, acquisendo le immagini grezze dell’area interessata attraverso un satellite orbitante a 638 km di altezza, lavorandole poi mediante analisi algoritmica e correzioni radiometriche, per rendere possibile la visualizzazione delle potenziali perdite in rapporti GIS user friendly che ne mostrano l’esatta posizione sul territorio.

Si tratta di una tecnologia arrivata anche in Italia grazie a Hera Group che, dopo averla sperimentata con successo sulla rete di Ferrara, ne ha esteso l’utilizzo a tutti i 27.000 km di rete che gestisce complessivamente la multiutility emiliana, attiva oggi in oltre 300 comuni d’Italia.

Nel 2017 c’è stato il passo decisivo per la diffusione in Italia della tecnologia Utilis, con l’individuazione di 2f Water Venture srl quale distributore esclusivo di questo sistema. In poco più di un anno sono stati avviati 18 progetti con partners quali Acea, Acque Bresciane, ATS – Alto Trevigiano Servizi, Ingegnerie Toscane e Multiservizi solo per citare alcune delle water utilities che hanno dato fiducia a 2f Water Venture e Utilis.

 

All’ing. Massimo Ramazzotto, Product Manager 2f Water Venture, chiediamo come si sviluppa l’approccio di 2f con il mercato italiano?

“Cerchiamo clienti fra le water utilities. Presentiamo la tecnologia Utilis, spieghiamo come funziona e qual è il nostro obiettivo. Trovare perdite idriche fornendo uno strumento per ottimizzare nel tempo la gestione della rete. Suggeriamo un progetto pilota iniziale su circa 600 km di rete idrica, che equivalgono a circa 70 buffer da consegnare e quindi un servizio di 2 o 3 scansioni all’anno su più di 1000 km di rete.”



Quali sono i risultati conseguiti con i progetti pilota più recenti?

“Fra i progetti pilota conclusi nei primi mesi 2018, una case history interessante riguarda Acda (Azienda cuneese dell’Acqua), che gestisce il ciclo idrico integrato in 100 comuni nel cuneese. Nei 9 giorni dedicati al progetto abbiamo ottenuto risultati in linea con le nostre aspettative e quelle del cliente –
ci spiega Ramazzotto – sono stati indagati – 879 km della rete, prelocalizzati 69 buffer in cui sono state trovate 34 perdite, per una media di 3,8 perdite trovate al giorno, che, rispetto a poco più di una singola perdita al giorno trovata mediamente con i sistemi acustici tradizionali, rappresenta un miglioramento epocale sul mercato della ricerca delle perdite idriche.


Fonti Utilis ci rivelano che i già sorprendenti risultati di questa tecnologia sono in continuo miglioramento per effetto del progressivo affinamento dell’analisi algoritmica in riferimento all’attività sulle aree su cui la tecnologia Utilis opera con continuità.


Leggi anche

L’importante investimento di Acquedotto Pugliese servirà a dotare i 60 depuratori gestiti dall’azienda di stazioni di disidratazione dei fanghi. L’obiettivo è ridurre il volume dei fanghi generato dagli impianti, che attualmente si attesta sulle 244.000 tonnellate l’anno, i cui costi di smaltimento sono una delle principali voci di spesa per la società, pari a oltre 29 milioni annui. …

Leggi tutto…

La Regione mette in campo un programma straordinario per contrastare lo spreco di acqua dalle reti di distribuzione. 98 milioni in totale le risorse a supporto di interventi di manutenzione straordinaria e opere strutturali. A definire il programma sarà Egas, l’ente di governo dell’ambito unico della Sardegna, sulla base delle indicazioni fornite da Abbanoa, che sarà il soggetto attuatore…

Leggi tutto…

Dopo 50 anni, si sono conclusi i lavori per lo schema idrico del Menta, una fiumara dell’Aspromonte le cui acque raccolte in una diga verranno ora trattate da un impianto di potabilizzazione ed erogate alla città e al suo hinterland. Un’opera infinita, realizzata con un investimento di 230 milioni di euro che finalmente porrà fine ai problemi di approvvigionamento idrico dell’area…

Leggi tutto…

BFBios, Ronsas e Toasd sono i tre progetti che si propongono, rispettivamente, l’estrazione di biometano e la produzione di gessi di defecazione dai fanghi di depurazione e il monitoraggio e controllo delle emissioni odorigene che il gestore idrico porterà avanti in alcuni suoi impianti, grazie a 7,5 milioni di euro della Regione. L’obiettivo è abbattere i costi per allo smaltimento dei fanghi, con soluzioni innovative che consentano di ridurne la produzione e consentirne il riutilizzo…

Leggi tutto…

L’incontro, previsto per il 16 luglio, è fortemente voluto da Andrea Guerrini, Presidente di ASA SpA, in collaborazione con il centro studi WaMaTeRC dell’Università di Verona, rientra nell’ambito del programma che ha come obiettivo quello di far riflettere sui nuovi scenari che il settore idrico offre

Leggi tutto…