Da Amag Reti Idriche un depuratore all’avanguardia per Acqui Terme


In dirittura d’arrivo i lavori di potenziamento del depuratore di Acqui Terme (Alessandria) condotti da Amag Reti Idriche, la società che gestisce il servizio idrico in Piemonte, in una vasta area tra l’Alessandrino, l’Acquese, la Valle Bormida e la Langa Astigiana.
Oltre 2 milioni le risorse, messe a disposizione da Regione Piemonte, per l’intervento sull’impianto, progettato per trattare da 600 mc/ora fino a più di 1.500 mc/ora di reflui, garantendo sempre i trattamenti primari, quali la grigliatura grossolana, la grigliatura fine e la sedimentazione della sabbia, anche in caso di forti piogge.
Iniziati nel 2014, i lavori hanno visto la realizzazione di un nuovo sollevamento iniziale delle acque reflue, con il potenziamento dei trattamenti primari (grigliatura grossolana e fine e dissabbiatura), l’adeguamento delle tre vasche per i trattamenti ossidativi, la costruzione di una nuova vasca per il trattamento dei fanghi e di una nuova vasca di sedimentazione e l’ampliamento del comparto di disinfezione finale. Inoltre, è stato realizzato anche un capannone insonorizzato per i compressori dell’aria, per eliminare le emissioni acustiche.
L’impianto dispone di tecnologie all’avanguardia che riducono l’impatto ambientale e i consumi energetici, ed è stato dotato di soluzioni per abbattere le emissioni odorigene e acustiche.
Le nuove linee di depurazione utilizzano infatti la metodologia a cicli alternati per rimuovere l’azoto, grazie alla quale le fasi di nitrificazione e denitrificazione dei fanghi sono condotte nella stessa vasca, mentre in passato ogni processo utilizzava una vasca dedicata, consentendo così un notevole risparmio di energia e di spazio e una diminuzione dei fanghi in uscita.
Attualmente in fase di avviamento e gestione provvisoria, il nuovo depuratore vedrà nei prossimi mesi il completamento delle opere accessorie e l’esecuzione dei collaudi per arrivare al funzionamento a pieno regime entro fine anno.


Leggi anche

L’utilizzo della tecnologia No-Dig permetterà di risanare la condotta idrica ammalorata, del diametro di 450 mm, che attraversa i resti dell’antica fortificazione aragonese nel centro della città. Un intervento complesso che consentirà di porre fine ai continui allagamenti dell’importante sito archeologico generati dalle perdite della vecchia tubazione…

Leggi tutto…

L’amministratore comunale ha presentato un progetto per rendere più efficiente il sistema di illuminazione della città del valore di 5 milioni di euro, da finanziare in gran parte, circa 3,8 milioni, con fondi europei. Prevede la sostituzione di 5000 corpi illuminanti del centro storico con nuove lampade a Led e di 135 quadri elettrici…

Leggi tutto…

Settembre sarà un mese di grandi appuntamenti per Servizi a Rete. Le iscrizioni per partecipare alle nostre Giornate Tecniche sono già aperte…

Leggi tutto…

La relazione annuale di Arera sottolinea l’impegno della società nel garantire i più alti standard di sicurezza. L’azienda del Gruppo Estra attiva nella distribuzione del gas si segnala infatti per l’azione di ispezione sistematica della propria rete, che viene controllata interamente 3,4 all’anno a fronte di una media nazionale di 2,3, e per il basso numero di dispersioni riscontrate…

Leggi tutto…

La gestione della rete idrica in Calabria è a un punto di svolta. La Regione Calabria ha infatti promosso e cofinanziato, tramite fondi POR, l’ingegnerizzazione delle reti idriche che sta interessando in questi mesi la città di Catanzaro e, prossimamente, riguarderà anche Crotone e Vibo Valentia. …

Leggi tutto…