Engie estende la rete del teleriscaldamento di Settimo Torinese


Nel settembre dello scorso anno Engie acquisiva la gestione della rete di teleriscaldamento di Settimo Torinese. Dopo aver assicurato ai cittadini del comune piemontese la continuità del servizio, messa a rischio dal fallimento del precedente gestore, ora la società si spinge ancora più avanti. È suo obiettivo, infatti, procedere con un’estensione dell’infrastruttura che attualmente è lunga 47 chilometri.
Il progetto di Engie prevede la posa di ulteriori 4 chilometri di condotte preisolate, per portare il servizio anche nel quartiere di San Gallo, che si trova nella parte est della cittadina. Progetto che prevede anche l’attraversamento dei binari ferroviari, a tutto beneficio della zona dove, tra l’altro, sorgono diverse scuole, tra materne, elementari e medie, oltre a diversi altri luoghi di aggregazione dedicati ai ragazzi, quindi a tutto vantaggio dei giovani che potranno godere di calore generato da energia pulita.
Infatti, a fornire energia termica al sistema è il calore di risulta della centrale termoelettrica di Leinì, sempre di proprietà di Engie, integrato con quello prodotto dall’impianto a biomasse di Solis, che fa sì che il teleriscaldamento di Settimo benefici di un processo di produzione del calore molto efficiente che si tradurrà, per la zona di San Gallo, in una considerevole riduzione delle emissioni di CO2, pari a oltre il 37% rispetto alla situazione attuale.
Engie gestisce attualmente 11 reti di teleriscaldamento, delle quali 6 in Piemonte: oltre a quella di Settimo Torinese, quelle di Biella, Saluzzo, Fossano, Racconigi e quella a servizio del Villaggio Olimpico di Torino, consentendo di evitare oltre 40.000 tonnellate di CO2 ogni anno.


Leggi anche

Consuntabile online la mappatura delle aree idonee per la realizzazione di reti per distribuire il calore. L’utilizzo di tali reti per distribuire il calore è sempre più diffuso in Ticino. Il calore viene prodotto prevalentemente in centrali alimentate a legna o a gas, ma anche sfruttando il calore residuo da processi industriali o quello ambientale tramite pompe di calore…

Leggi tutto…

L’azienda presenta all’International Symposium on District Heating and Cooling, il principale evento mondiale dedicato al teleriscaldamento e teleraffrescamento, la nuova procedura messa a punto per la stima e la quantificazione delle perdite di rete. Un sistema efficiente implementato su tutta l’infrastruttura a servizio di Brescia…

Leggi tutto…

Allo studio del Mise, il decreto definirà il sistema di incentivazioni per le rinnovabili, in particolare biomassa e biogas. La Federazione dei produttori di energia da fonte rinnovabile ne sottolinea l’urgenza e la necessità di aprire un confronto sulle prospettive degli impianti a biogas e dei sistemi di teleriscaldamento a biomassa vicini al termine del periodo di incentivazione…

Leggi tutto…

Via libera dalla giunta comunale alla nuova convenzione con la multiutility per la gestione del teleriscaldamento. In base all’accordo, della durata di 12 anni, Hera verserà annualmente nelle casse del Comune un milione di euro, cifra alla quale si aggiungeranno altri 300.000 euro (per sei anni) che la stessa società utilizzerà per incentivare l’allacciamento alla rete di nuove utenze, con l’obiettivo di incrementare di 24 GWh la quantità di energia termica distribuita…

Leggi tutto…

L’opera prevede la posa di 5 chilometri di rete che alimenterà diverse utenze pubbliche della cittadina in provincia di Brescia. Ad alimentare l’infrastruttura il calore recuperato dai forni dell’impianto siderurgico di Feralpi, protagonista del progetto insieme al colosso dell’energia Engie. Per la realizzazione dell’intero sistema le due realtà hanno stanziato un investimento di 4 milioni di euro …

Leggi tutto…