Finiti entro l’estate i lavori per il sito di stoccaggio gas a Cornegliano


Sarà chiuso entro la fine dell’estate il cantiere del mega sito di stoccaggio del gas a Cornegliano Laudense, in provincia di Lodi. Successivamente, tra settembre e ottobre, verranno effettuati i test in modo da mettere l’opera in esercizio per la fine dell’anno. È questo il cronoprogramma degli ultimi interventi necessari per vedere in funzione uno dei depositi gas più grandi d’Italia, realizzato in un ex giacimento Eni, vuoto dal 1997, dalla società Ital gas storage.
L’impianto ha infatti una capacità di accumulo pari a 2,2 miliardi di metri cubi di gas metano, dei quali 1,3 miliardi destinati allo stoccaggio, equivalenti a un incremento dell’8% dell’attuale capacità di stoccaggio e del 10% degli attuali volumi di stoccaggio giornalieri, e poco meno di un miliardo di gas “cuscinetto” necessario al funzionamento dell’impianto, e potrà scambiare fino a 27 milioni di metri cubi di gas al giorno direttamente sulla rete nazionale. Il deposito sarà collegato alla rete del gas di Cervignano d’Adda da un metanodotto dell’estensione di 9.800 metri, in via di completamento, costituito da condotte in acciaio, garantendo così lo scambio di metano in tutto il Nord Italia.
Imponente quanto l’opera l’investimento necessario alla sua realizzazione. Ital gas storage, controllata da una società statunitense che a sua volta fa capo a Morgan Stanley Infrastructure Inc. e da Whysol Investments, per la progettazione e costruzione dell’impianto ha firmato un contratto di finanziamento da un miliardo e 56 milioni di euro.
L’impianto è costituito da due cluster, Cluster A e Cluster B, da ciascuno dei quali partono pozzi sotterranei, che servono a collegare il giacimento con l’impianto di trattamento e compressione, minimizzando l’impatto sul suolo.
La sua costruzione è frutto di un lungo iter autorizzativo, che prese il via nel 2003 per terminare nel marzo del 2011, quando Ital gas storage ha ottenuto una concessione di 40 anni per la trasformazione e la messa in esercizio dell’impianto. L’ultimo decisivo via libera è arrivato a fine dello scorso anno quando il Governo con una delibera ha concesso l’ok all’allacciamento alla rete nazionale, superando così il divieto di Regione Lombardia che si era opposta, nel 2015, all’attivazione della centrale.


Leggi anche

Ben 4 miliardi investimenti, più 1,6 miliardi per le gare d’ambito. È quanto previsto da nuovo piano industriale al 2024 presentato dall’amministratore delegato Paolo Gallo. I 4 miliardi sono destinati allo sviluppo e miglioramento della rete, tra i quali la metanizzazione della Sardegna, i progetti di innovazione e digitalizzazione e le operazioni di acquisizione di altri player

Leggi tutto…

Stipulato l’atto di fusione che chiude il percorso che ha portato all’integrazione di diverse multiutility lombarde, tra le quali quelle attive a Monza, Como, Lecco, Varese, Sondrio. Prende così vita un nuovo gruppo, intorno al soggetto aggregante Acsm-Agam e che ha come partner industriale il colosso A2a, che rappresenta uno dei principali player italiani nel campo dell’energia

Leggi tutto…

La multiutility albese ha presentato il nuovo logo e il nuovo claim, che le danno un’immagine più moderna, ma senza rottura con i valori e la storia del gruppo, sottolineando anzi ancora di più il legame e la vicinanza con i territori serviti. Altra novità la scelta di utilizzare veicoli aziendali alimentati a metano, iniziativa che si aggiunge a diversi progetti già avviati nel campo della mobilità sostenibile, come l’impiego di mezzi elettrici per i servizi ambientali

Leggi tutto…

Sono stati avviati a Sulmona, in località Case Pente, i carotaggi sui terreni dove verrà costruita una centrale di compressione del gas, struttura complementare al progetto Rete Adriatica, grande opera di Snam per il trasporto del gas naturale lungo la Penisola

Leggi tutto…

Il convegno “Dagli scarti al biometano. Traiettorie concrete per un settore in espansione” – organizzato da LE2C – Lombardy Energy Cleantech Cluster lo scorso 14 maggio presso il Palazzo Lombardia – ha messo a fuoco problematiche e fatto emergere nuove opportunità lavorative per un settore, quello del biometano, in espansione con grandi potenzialità industriali e ambientali. Una fonte energetica rinnovabile, versatile, efficiente e flessibile che contribuisce alla economia circolare. La Lombardia ha una base solida che può essere ulteriormente sviluppata

Leggi tutto…