Gruppo Iren: investimenti per 3 miliardi al 2023


Investimenti per 3 miliardi di euro, incremento della marginalità con Ebitda (margine operativo lordo) a oltre 1 miliardo e un miglioramento dei dividendi distribuiti con un incremento del valore della cedola del 20% quest’anno, e del 10% annuo negli anni successivi. Sono i principali obiettivi del Piano industriale 2018-2023 di Gruppo Iren, presentato a Milano dal presidente Paolo Peveraro e dall’amministratore delegato Massimiliano Bianco.
Piano che, sulla base dei risultati ottenuti negli ultimi quattro anni, si presenta molto orientato sullo sviluppo, puntando sui pilastri strategici del Gruppo, con focus prioritario su reti, ambiente e teleriscaldamento, supportati dalla digitalizzazione e dagli investimenti sul personale. Un piano fortemente espansivo, dunque, che conferma l’impianto di quello precedente e che, anzi, proprio dai risultati raggiunti con quest’ultimo, tra i quali la flessibilità finanziaria, aggiunge nuove opportunità di crescita e consente maggiori investimenti per 500 milioni di euro.
Guardando agli investimenti, quelli previsti nei settori regolati ammontano a circa 1,4 miliardi di euro, dei quali circa 1 miliardo destinati al potenziamento del ciclo idrico, attraverso efficientamento, per la riduzione delle perdite, lo sviluppo della rete, l’innovazione tecnologica, attraverso l’uso di contatori intelligenti, e la realizzazione di impianti di trattamento acque.
Agli investimenti di sviluppo, associati al teleriscaldamento, all’efficienza energetica, agli impianti di trattamento e alla riconferma delle concessioni della distribuzione gas, sono riservati circa 900 milioni di euro. Più nello specifico, 680 milioni di euro sono volti a consolidare la leadership di Iren nel settore del teleriscaldamento (+10 mmc di volumetrie teleriscaldate), allo sviluppo dei sistemi di accumulo di calore ed elettricità e a rinforzare e migliorare la flessibilità degli impianti. Infine, sono previsti circa 700 milioni di euro di manutenzione ordinaria sulle attività non regolate.
Oltre 200 milioni sono destinati ai progetti di digitalizzazione, trasversali a tutte le aree di business, mentre sotto il profilo della sostenibilità, oltre la metà degli investimenti complessivi è indirizzato al raggiungimento degli impegni presi nei confronti degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni unite (Sdgs), con attenzione rivolta principalmente all’uso delle risorse idriche e all’economia circolare.
L’impiego medio annuo previsto dal piano degli investimenti è pari a circa 500 milioni di euro, leggermente superiore nel primo triennio a supporto del teleriscaldamento, degli impianti di trattamento e dell’efficienza energetica.


Leggi anche

L’appuntamento è a Torino il 19 e 20 novembre 2018. L’intento di SMAT è porre l’attenzione sui risultati raggiunti nel campo dell’innovazione tecnologica applicata al ciclo idrico integrato e mantenere vivace il dibattito su tematiche di forte attualità per lo sviluppo dei servizi idrici…

Leggi tutto…

Il futuro del settore idrico prende casa nel nuovo Centro Ricerche di Gruppo CAP – Salazzurra, inaugurato venerdì 28 settembre, presso il Parco Idroscalo di Milano dove, oltre ai laboratori di analisi della monoutility pubblica, convergeranno start up, università, centri di ricerca e progetti internazionali per dar vita a un nuovo centro all’avanguardia dove far confluire le migliori competenze e know-how anche internazionali…

Leggi tutto…

Nuovo acquedotto a servizio della città di Oristano e di cinque comuni limitrofi. Mentre, ad Alghero, sarà rinnovato l’anello di distribuzione idrica, pari a un chilometro di condotte, che scorre lungo viale Giovanni XXIII. Un tratto di rete caratterizzato da un elevato livello di perdite e causa di frequenti interventi di riparazione…

Leggi tutto…

Un mega progetto dal costo di 67 milioni di euro. È quello che porterà avanti nei prossimi quattro anni l’azienda nel comune bresciano, per realizzare le infrastrutture idriche del tutto assenti: una rete acquedottistica, un collettore fognario e un impianto di depurazione con una capacità di trattamento pari a 13.000 abitanti equivalenti. A oggi il fabbisogno idrico è assicurato da oltre 3000 pozzi privati…

Leggi tutto…

Gruppo CAP, il gestore del servizio idrico integrato nella Città metropolitana di Milano, partecipa a MeetMeTonight 2018, l’evento organizzato da Politecnico di Milano, Università degli Studi di Milano, Università Bicocca e Comune di Milano nell’ambito della Notte dei ricercatori, l’iniziativa promossa dalla Commissione Europea con l’obiettivo di diffondere la cultura scientifica e la conoscenza delle professioni della ricerca in un contesto informale e stimolante….

Leggi tutto…