Il calore delle acciaierie di Alfa Acciai riscalderà Brescia


Un’evoluzione verso le smart city che prende il via dalla gestione intelligente dell’energia termica, collegando i siti delle varie attività che producono calore ai quartieri delle città, attraverso le reti di teleriscaldamento. Area territoriale scelta per il progetto pilota è la città di Brescia. È quanto prevede l’Accordo per la ricerca del progetto Smart Grid: bando energEtico appena approvato dalla giunta di Regione Lombardia.
Il progetto ha come capofila A2a Calore & Servizi, alla guida di un partenariato composto da Siat Italia, Società industriale apparecchiature termiche di Rho (Milano), Alfa Acciai di Brescia, Dh Planet di Carpenedolo (Brescia) e il centro di ricerca Università degli Studi di Brescia.
Elemento qualificante del progetto è il recupero dell’energia termica prodotta dagli impianti siderurgici, per questo sede operativa sarà il sito di Alfa Acciai, tra le maggiori realtà attive nella produzione di acciaio per cemento armato. Energia che sarà immessa nella rete di teleriscaldamento cittadina di A2a Calore & Servizi, e distribuita in modo “intelligente”, ovvero rispondendo in maniera efficace alle curve di richiesta termica degli utenti.
Un ciclo virtuoso che consente il riutilizzo dei cascami termici a bassa temperatura, evitando lo spreco di una risorsa che altrimenti andrebbe dispersa in atmosfera. Non a caso tale tipo di energia è considerata, anche nelle direttive europee di riferimento, assimilabile alle fonti rinnovabili, in quanto nonostante sia generata da fonte fossili, il suo recupero rappresenta una pratica green, che non richiede l’impego di altre fonti dello stesso genere.
Il sistema che sarà messo a punto, una volta maturo, sarà scalabile e replicabile con vantaggi per l’intero territorio lombardo, che conta diversi impianti siderurgici. Entro aprile 2020 verrà effettuato lo studio e saranno realizzati gli impianti pilota.


Leggi anche

L’opera prevede la posa di 5 chilometri di rete che alimenterà diverse utenze pubbliche della cittadina in provincia di Brescia. Ad alimentare l’infrastruttura il calore recuperato dai forni dell’impianto siderurgico di Feralpi, protagonista del progetto insieme al colosso dell’energia Engie. Per la realizzazione dell’intero sistema le due realtà hanno stanziato un investimento di 4 milioni di euro …

Leggi tutto…

L’intesa, siglata da Iren Energia, Iren Mercato con l’Unione industriale, nasce per promuovere il teleriscaldamento come soluzione efficiente ed economicamente sostenibile per la riqualificazione energetica degli edifici della Città metropolitana di Torino. In particolare, garantirà alle imprese un’offerta di servizi a condizioni chiare, uniformi e competitive …

Leggi tutto…

Silea sta mettendo a punto il bando di project financing per il sistema di distribuzione del calore a servizio dei tre comuni. Previsto un investimento di circa 40 milioni di euro per a realizzazione della centrale e della rete a fronte della concessione della gestione del servizio per 35 anni. Inoltre, fino al 2032, l’infrastruttura dovrebbe essere alimentata dal calore generato dall’inceneritore di Valmadrera …

Leggi tutto…

Il progetto prevede la posa di ulteriori quattro chilometri di rete per garantire il servizio anche al quartiere San Gallo, nella zona est della cittadina piemontese. La rete di Settimo, che la società gestisce dal settembre dello scorso anno, si estende per 47 chilometri ed è alimentata dal calore di recupero dalla centrale termoelettrica di Leinì e dall’impianto a biomasse di Solis…

Leggi tutto…

Prosegue l’ampliamento della rete di distribuzione del calore progettato da Iren con un investimento di oltre 10 milioni di euro. Progetto che prevede la realizzazione di ulteriori 10 km di dorsali dalle quali si dipartiranno le ramificazioni che forniranno calore ad altri 100 edifici, raddoppiando la volumetria servita dall’attuale milione a 2 milioni di metri cubi…

Leggi tutto…