In Calabria il primo impianto biogas connesso alla rete Snam del Centro-Sud


È il primo impianto di biometano del Centro-Sud connesso alla rete nazionale del gas naturale di Snam. Sorge a Rende, a pochi chilometri da Cosenza, presso il sito di Calabra Maceri, azienda specializzata nel recupero e smaltimento dei rifiuti urbani, ed è in grado di trasformare 40.000 tonnellate annue di rifiuti provenienti dalla raccolta differenziata in 4,5 milioni di metri cubi di biometano, oltre a produrre 10.000 tonnellate di ammendante compostato, un fertilizzante ideale per l’agricoltura biologica. Una quantità di gas che, utilizzato per autotrazione consente di percorrere 90.000.000 km che, calcolando una media di 20.000 km annui a mezzo di trasporto, significa alimentare fino a 4.500 autovetture, con un risparmio complessivo di oltre 16,2 tonnellate di CO2 all’anno (3.600 kg per auto), oppure, se riferito a consumi domestici, ovvero gas per cucina e riscaldamento, è in grado di soddisfare il fabbisogno energetico annuale di circa 5000 famiglie.
Esempio di riutilizzo delle risorse in un’ottica di economia circolare, cuore del sistema è il biodigestore nato da due anni di ricerca condotti dall’azienda in collaborazione con ingegneri, chimici e tecnici italiani ed esteri. È in grado di trasformare il biogas prodotto dalla digestione anaerobica della frazione organica dei rifiuti urbani in biometano, gas rinnovabile e chimicamente indistinguibile dal metano tradizionale, in grado di sfruttare le infrastrutture esistenti. Già connesso alla rete Snam, costituisce una soluzione ottimale per il territorio calabrese, che ha visto negli ultimi anni l’attivazione di sistemi di raccolta differenziata, spesso dettati da condizioni legislative ignare dell’infrastruttura necessaria a supportarli.


Leggi anche

L’appuntamento è a Torino il 19 e 20 novembre 2018. L’intento di SMAT è porre l’attenzione sui risultati raggiunti nel campo dell’innovazione tecnologica applicata al ciclo idrico integrato e mantenere vivace il dibattito su tematiche di forte attualità per lo sviluppo dei servizi idrici…

Leggi tutto…

Settembre sarà un mese di grandi appuntamenti per Servizi a Rete. Le iscrizioni per partecipare alle nostre Giornate Tecniche sono già aperte…

Leggi tutto…

La relazione annuale di Arera sottolinea l’impegno della società nel garantire i più alti standard di sicurezza. L’azienda del Gruppo Estra attiva nella distribuzione del gas si segnala infatti per l’azione di ispezione sistematica della propria rete, che viene controllata interamente 3,4 all’anno a fronte di una media nazionale di 2,3, e per il basso numero di dispersioni riscontrate…

Leggi tutto…

La gestione della rete idrica in Calabria è a un punto di svolta. La Regione Calabria ha infatti promosso e cofinanziato, tramite fondi POR, l’ingegnerizzazione delle reti idriche che sta interessando in questi mesi la città di Catanzaro e, prossimamente, riguarderà anche Crotone e Vibo Valentia. …

Leggi tutto…

Lotta alle perdite, il Progetto Oliena portato come esempio sulla stampa Britannica. Dopo il riconoscimento tra le best practices a livello nazionale, il piano di recupero delle perdite arriva in Inghilterra. “L’utilizzo di una tecnologia intelligente per risolvere la carenza di acqua globale”, è il titolo dell’articolo del Telegraph che analizza il progetto realizzato da Abbanoa con la collaborazione di Hitachi, a Oliena. …

Leggi tutto…