Inaugurato il nuovo Centro Ricerche di Gruppo CAP


Presenti alla cerimonia il Presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana, la Vicesindaca della Città Metropolitana di Milano Arianna Censi, l’on. Federica Daga, i Sindaci dei Comuni della Martesana tra cui il Sindaco di Peschiera Borromeo, Segrate e Sesto San Giovanni, il Consigliere di amministrazione di Fondazione Cariplo, Sonia Cantoni. E il presidente di Gruppo CAP Alessandro Russo, che ha fatto gli onori di casa. Madrina della serata: Licia Colò.

“Gruppo CAP è un’azienda pubblica che ha fatto dell’innovazione e della ricerca scientifica coniugate alla sostenibilità ambientale uno dei suoi tratti distintivi. E Salazzurra è il luogo dove il lavoro di tutti questi anni prende forma e si concretizza: un polo di ricerca sulle nuove tecnologie legate all’acqua e all’ambiente, afferma Alessandro Russo, presidente e amministratore delegato di Gruppo CAP, dove metteremo al centro le nuove generazioni di innovatori, dando loro l’opportunità di mettere a frutto le loro idee nel settore idrico e ambientale”.

L’obiettivo è creare un polo dell’innovazione per la gestione sostenibile dell’acqua, in cui si elaborino soluzioni all’avanguardia in grado di fronteggiare le numerose sfide che il futuro del settore impone; un centro di ricerca per lo studio e l’innovazione del settore idrico in un’ottica di sapere condiviso. Non Solo, Salazzurra sarà uno spazio di open innovation dove far crescere le migliori start up impegnate nello sviluppo dell’economia circolare; un luogo di “sharing knowledge” e di co-ricerca in cui sperimentare forme di collaborazione tra pubblico e privato. Ma anche un luogo aperto ai visitatori e alle scuole, in cui laboratori e ricercatori si renderanno disponibili a condividere il loro background con i cittadini e gli studenti.

La hall della sala è stata appositamente allestita con pannelli touchscreen, video wall e visori VR per far conoscere lo straordinario viaggio che ogni giorno l’acqua intraprende dalla sorgente per arrivare alle nostre case, fino al suo ritorno nell’ambiente.

Salazzurra diventa a tutti gli effetti “start up incubator”, ponte tra le nuove realtà imprenditoriali e i mercati globali. Attraverso veri e propri percorsi di incubazione, l’azienda pubblica che ogni anno porta nelle case di 2,5 milioni di abitanti oltre 220 milioni di metri cubi di acqua, darà, attraverso la sua fondazione e in collaborazione con Fondazione Cariplo, la possibilità ai giovani imprenditori di sviluppare i progetti più innovativi nel settore idrico. Al centro di ogni percorso, il patrimonio di competenze di settore e il know-how di Gruppo CAP con il supporto strategico e la rete di contatti e competenze messi a disposizione da Seeds&Chips, il summit internazionale sull’innovazione globale legata all’agroalimentare.

In Salazzurra saranno collocati anche i laboratori di analisi delle acque potabili e gli uffici geologia che si occupano dell’analisi integrata del sottosuolo per la gestione sostenibile delle risorse idriche, attraverso un modello tridimensionale. Tanti i progetti legati alla gestione delle acque e allo sviluppo di sistemi di economia circolare già avviati in collaborazione con le principali università italiane e molti altri in fase di avviamento.

Salazzurra sarà un polo di ricerca e innovazione che Gruppo CAP vuole condividere anche con la cittadinanza, e le scuole in particolare, attraverso percorsi guidati alla scoperta dei laboratori di analisi delle acque potabili, dove annualmente vengono analizzati oltre 26.000 campioni per determinare quasi 750.000 parametri chimici e microbiologici. Durante le visite, sarà possibile ripercorrere il viaggio che fa un campione di acqua potabile, dal momento in cui entra in laboratorio fino all’emissione del risultato finale e vedere le tecniche di analisi e l’organizzazione dei controlli che ogni giorno rendono l’acqua che beviamo sicura e buona


Leggi anche

Nei prossimi mesi Acquedotto Pugliese avvierà un piano decennale di sostituzione dell’intero parco contatori, costituito da un milione di apparecchiature, con contatori intelligenti gestiti in telelettura, per un investimento annuo di 15 milioni di Euro. Il progetto di telelettura, pimo in Italia per numero ed estensione territoriale, si chiama Smart Metering AQP…

Leggi tutto…

L’appuntamento è a Torino il 19 e 20 novembre 2018. L’intento di SMAT è porre l’attenzione sui risultati raggiunti nel campo dell’innovazione tecnologica applicata al ciclo idrico integrato e mantenere vivace il dibattito su tematiche di forte attualità per lo sviluppo dei servizi idrici…

Leggi tutto…

Presentato il Piano industriale 2018-2023: fortemente orientato allo sviluppo, punta a portare il margine operativo lordo oltre il miliardo. Tutto ciò supportato da un mega investimento di 3 miliardi di euro, con focus prioritario su reti, con circa un miliardo dedicato alle infrastrutture idriche, ambiente e teleriscaldamento, comparto quest’ultimo cui vanno circa 680 milioni …

Leggi tutto…

Nuovo acquedotto a servizio della città di Oristano e di cinque comuni limitrofi. Mentre, ad Alghero, sarà rinnovato l’anello di distribuzione idrica, pari a un chilometro di condotte, che scorre lungo viale Giovanni XXIII. Un tratto di rete caratterizzato da un elevato livello di perdite e causa di frequenti interventi di riparazione…

Leggi tutto…

Un mega progetto dal costo di 67 milioni di euro. È quello che porterà avanti nei prossimi quattro anni l’azienda nel comune bresciano, per realizzare le infrastrutture idriche del tutto assenti: una rete acquedottistica, un collettore fognario e un impianto di depurazione con una capacità di trattamento pari a 13.000 abitanti equivalenti. A oggi il fabbisogno idrico è assicurato da oltre 3000 pozzi privati…

Leggi tutto…