Reggio Calabria: arriva l’acqua della diga sul Menta


Ci sono voluti quasi 50 anni e 230 milioni di euro di investimenti, ma finalmente i cittadini di Reggio Calabria e del suo hinterland potranno contare su una riserva d’acqua di qualità. Sono infatti conclusi i lavori dello schema idrico del Menta, una fiumara di grande portata nell’area jonica reggina, le cui acque, raccolte nell’omonima diga nel Parco Nazionale dell’Aspromonte e convogliate verso l’impianto di potabilizzazione, garantiranno l’approvvigionamento idrico della città e delle sue aree limitrofe, zone storicamente carenti di acqua.
Un’opera dalla gestazione infinita. Era infatti il 1969 quando, dopo che alla Cassa depositi e prestiti ne veniva assegnata la progettazione, veniva dato il via libera al progetto dell’invaso. Il progetto esecutivo arrivava però solo nel 1980 e i primi lavori di Sorical (Società risorse idriche calabresi, l’azienda che si occupa della gestione, completamento, ammodernamento e ampliamento degli schemi idrici di grande adduzione, accumulo e potabilizzazione della regione, cominciarono 5 anni dopo. Lavori che per la costruzione dell’invaso, situato 40 km a nord est della città, sono ufficialmente terminati nel 2005: restavano però da realizzare gli altri elementi del sistema, tra i quali l’impianto di potabilizzazione e la condotta per convogliare l’acqua in città. Per farlo ci sono voluti altri 13 anni, per via di varie interruzioni legate anche al fallimento di alcune ditte che se ne occupavano.
Nel frattempo, però, la situazione idrica in città peggiorava. Agli storici problemi di carenza idrica è andata ad aggiungersi la progressiva salinizzazione dei pozzi, unica fonte di approvvigionamento, contaminati dall’acqua del mare, con conseguenti ingenti spese per rendere la risorsa idonea al consumo.
Problemi che ora finalmente sembrano destinati a scomparire con la messa in funzione dell’impianto, già attivo, sebbene i reggini dovranno aspettare ancora un po’, in quanto l’azienda è in attesa del parere ufficiale di potabilità dell’acqua. Oltre che sul punto di vista della qualità della risorsa, l’attivazione del potabilizzatore garantirà grandi vantaggi anche sul piano dei costi, portando alla dismissione di alcuni pozzi, con benefici anche per le falde del sottosuolo, e del costoso dissalatore. Ovviamente, ora occorre accelerare sulla sistemazione della rete di distribuzione cittadina, vetusta e gravemente ammalorata, ma su questo si sta già lavorando.

 


Leggi anche

Xylem ha recentemente introdotto sul mercato una nuova classe di miscelatori, definiti adattivi, che incorporano una elettronica altamente evoluta per il controllo della velocità di rotazione in relazione alle condizioni reali istantanee degli impianti, sia in termini di portata, sia in termini di concentrazione del refluo. Con i mixer adattivi Flygt si ottiene un aumento della resilienza del processo, un risultato che progettisti e gestori perseguono in ogni modo per mantenere efficiente l’impianto e controllarne in modo puntuale i costi operativi…

Leggi tutto…

Lotta alle perdite, il Progetto Oliena portato come esempio sulla stampa Britannica. Dopo il riconoscimento tra le best practices a livello nazionale, il piano di recupero delle perdite arriva in Inghilterra. “L’utilizzo di una tecnologia intelligente per risolvere la carenza di acqua globale”, è il titolo dell’articolo del Telegraph che analizza il progetto realizzato da Abbanoa con la collaborazione di Hitachi, a Oliena. …

Leggi tutto…

L’azienda ha avviato una serie di lavori straordinari sugli impianti di illuminazione pubblica che riguardano l’intero territorio cittadino, comprese le borgate, per un totale di 64 interventi. L’obiettivo è risolvere diverse problematiche del servizio, la maggior parte delle quali dovute ai continui furti di cavi. A tale scopo i pozzetti verranno coperti con calcestruzzo. …

Leggi tutto…

Lo dicono i dati del bilancio appena approvato dal Consiglio d’Amministrazione della multiutility, che vedono tutti gli indicatori in crescita a doppia cifra in percentuale, con i ricavi che hanno raggiunto i 3,3 miliardi di euro e l’utile netto incrementato di oltre il 43%. Festeggiano anche i Comuni soci che incasseranno un ricco dividendo…

Leggi tutto…

Entra in vigore la nuova Carta dei Servizi di Gruppo CAP interattiva e parte la rivoluzione digitale che mette il cittadino al centro del servizio con ancora più opportunità online per dialogare con l’azienda. …

Leggi tutto…