Reggio Calabria: arriva l’acqua della diga sul Menta


Ci sono voluti quasi 50 anni e 230 milioni di euro di investimenti, ma finalmente i cittadini di Reggio Calabria e del suo hinterland potranno contare su una riserva d’acqua di qualità. Sono infatti conclusi i lavori dello schema idrico del Menta, una fiumara di grande portata nell’area jonica reggina, le cui acque, raccolte nell’omonima diga nel Parco Nazionale dell’Aspromonte e convogliate verso l’impianto di potabilizzazione, garantiranno l’approvvigionamento idrico della città e delle sue aree limitrofe, zone storicamente carenti di acqua.
Un’opera dalla gestazione infinita. Era infatti il 1969 quando, dopo che alla Cassa depositi e prestiti ne veniva assegnata la progettazione, veniva dato il via libera al progetto dell’invaso. Il progetto esecutivo arrivava però solo nel 1980 e i primi lavori di Sorical (Società risorse idriche calabresi, l’azienda che si occupa della gestione, completamento, ammodernamento e ampliamento degli schemi idrici di grande adduzione, accumulo e potabilizzazione della regione, cominciarono 5 anni dopo. Lavori che per la costruzione dell’invaso, situato 40 km a nord est della città, sono ufficialmente terminati nel 2005: restavano però da realizzare gli altri elementi del sistema, tra i quali l’impianto di potabilizzazione e la condotta per convogliare l’acqua in città. Per farlo ci sono voluti altri 13 anni, per via di varie interruzioni legate anche al fallimento di alcune ditte che se ne occupavano.
Nel frattempo, però, la situazione idrica in città peggiorava. Agli storici problemi di carenza idrica è andata ad aggiungersi la progressiva salinizzazione dei pozzi, unica fonte di approvvigionamento, contaminati dall’acqua del mare, con conseguenti ingenti spese per rendere la risorsa idonea al consumo.
Problemi che ora finalmente sembrano destinati a scomparire con la messa in funzione dell’impianto, già attivo, sebbene i reggini dovranno aspettare ancora un po’, in quanto l’azienda è in attesa del parere ufficiale di potabilità dell’acqua. Oltre che sul punto di vista della qualità della risorsa, l’attivazione del potabilizzatore garantirà grandi vantaggi anche sul piano dei costi, portando alla dismissione di alcuni pozzi, con benefici anche per le falde del sottosuolo, e del costoso dissalatore. Ovviamente, ora occorre accelerare sulla sistemazione della rete di distribuzione cittadina, vetusta e gravemente ammalorata, ma su questo si sta già lavorando.

 


Leggi anche

Approvato all’unanimità dai soci di tutte le società coinvolte il progetto di fusione che ha come obiettivo la riunificazione in unico soggetto della gestione del servizio idrico integrato e della proprietà delle reti e degli impianti del territorio della provincia di Lecco. Progetto in precedenza già approvato dalle amministrazioni comunali e il cui iter sarà concluso entro dicembre…

Leggi tutto…

Disponibile il nuovo report sul servizio idrico, quest’anno alla sua decima edizione, gestito dal Gruppo, secondo operatore in Italia per volumi erogati, in 231 comuni di Emilia-Romagna, Marche e Triveneto. Qualità garantita da oltre un milione di controlli e da un cospicuo volume di investimenti, lo scorso anno pari a 156 milioni, rispetto ai 130 dell’anno precedente …

Leggi tutto…

L’azienda del Gruppo Maggioli ha siglato con Vodafone un accordo che prevede il completamento della copertura della nuova rete cellulare NB-IoT su tutto il territorio nazionale. Il sistema, denominato SMAQ, in corso di installazione in alcuni zone della provincia ovest di Milano e nella provincia di Roma, consentirà ai gestori delle reti idriche di adempiere a quanto ARERA ha imposto per ottimizzare il servizio in termini di trasparenza verso il consumatore e risparmio della risorsa idrica…

Leggi tutto…

Nei prossimi mesi Acquedotto Pugliese avvierà un piano decennale di sostituzione dell’intero parco contatori, costituito da un milione di apparecchiature, con contatori intelligenti gestiti in telelettura, per un investimento annuo di 15 milioni di Euro. Il progetto di telelettura, pimo in Italia per numero ed estensione territoriale, si chiama Smart Metering AQP…

Leggi tutto…

L’appuntamento è a Torino il 19 e 20 novembre 2018. L’intento di SMAT è porre l’attenzione sui risultati raggiunti nel campo dell’innovazione tecnologica applicata al ciclo idrico integrato e mantenere vivace il dibattito su tematiche di forte attualità per lo sviluppo dei servizi idrici…

Leggi tutto…