Sardegna: un piano straordinario per ridurre le perdite di rete

Misure eccezionali per un problema eccezionale. È in questa ottica che si iscrive il programma straordinario per la riduzione delle perdite di acqua nelle reti idriche approvato dalla Giunta regionale della Sardegna su proposta della Presidenza, in collaborazione con l’assessorato dei Lavori pubblici, che ha dato l’ok gli indirizzi generali per l’attuazione da parte di Egas, l’ente di governo dell’ambito unico della Sardegna. Il soggetto attuatore sarà Abbanoa, cui spetterà bandire le gare d’appalto che verranno finanziate con le risorse del Fondo per lo sviluppo e la coesione 2014-2020 (Fsc).

Risorse che ammontano a in totale a 98 milioni. Ai 68 milioni Fcs si sommano infatti 30 milioni assegnati alla Regione dal ministero dell’Ambiente con la delibera Cipe 55 del 1°dicembre 2016, anch’essa finalizzata alla realizzazione di interventi di miglioramento del Servizio idrico integrato (Sii) «attraverso azioni di risanamento strutturale e riassetto funzionale delle reti di distribuzione idropotabile dei centri urbani con maggiori criticità della Sardegna».

Gli interventi riguarderanno opere di manutenzione straordinaria sulle reti esistenti e opere strutturali di efficientamento, adeguamento e riordino delle infrastrutture, prevedendo anche la sostituzione massiva delle condotte, quando necessario. Il programma degli interventi specificherà gli obiettivi da realizzare, le infrastrutture programmate e i tempi di realizzazione.

Alla programmazione delle opere provvederà Egas, sulla base delle indicazioni e informazioni sullo stato delle reti che acquisirà da Abbanoa e dagli altri gestori. Nel contesto degli interventi saranno eseguite anche progressive campagne di misurazioni, rilevazioni diurne e notturne, calcoli e verifiche, soprattutto nelle prime fasi, per quantificare la reale dimensione e la localizzazione delle perdite, con puntuali riferimenti cartografici. Sulla base di queste risultanze i gestori potranno sia definire meglio gli indirizzi operativi successivi sia il raggiungimento, seppure graduale, dell’obiettivo finale.

Inizialmente si partirà con i lavori di manutenzione straordinaria su un massimo di 40 comuni individuati come prioritari, che si conta di risanare con un investimento non superiore al 50% dello stanziamento disponibile. Per poi procedere sulla base degli indirizzi per gli interventi strutturali e dell’ordine di priorità, fornito dai gestori e approvati da Egas, in modo da consolidare l’obiettivo.


Leggi anche

Prosegue l’ampliamento della rete di distribuzione del calore progettato da Iren con un investimento di oltre 10 milioni di euro. Progetto che prevede la realizzazione di ulteriori 10 km di dorsali dalle quali si dipartiranno le ramificazioni che forniranno calore ad altri 100 edifici, raddoppiando la volumetria servita dall’attuale milione a 2 milioni di metri cubi…

Leggi tutto…

La multinazionale franco-belga si è aggiudicata la convenzione Consip e dall’inizio di luglio ha assunto la gestione del sistema dell’illuminazione cittadina, che terrà per i prossimi 9 anni a un costo di 9,5 milioni di euro. Il contratto prevede anche che la società rinnovi i 14.000 punti luce presenti con nuovi impianti a led, rendendo l’infrastruttura più moderna ed efficiente …

Leggi tutto…

Dopo 50 anni, si sono conclusi i lavori per lo schema idrico del Menta, una fiumara dell’Aspromonte le cui acque raccolte in una diga verranno ora trattate da un impianto di potabilizzazione ed erogate alla città e al suo hinterland. Un’opera infinita, realizzata con un investimento di 230 milioni di euro che finalmente porrà fine ai problemi di approvvigionamento idrico dell’area…

Leggi tutto…

Xylem ha recentemente introdotto sul mercato una nuova classe di miscelatori, definiti adattivi, che incorporano una elettronica altamente evoluta per il controllo della velocità di rotazione in relazione alle condizioni reali istantanee degli impianti, sia in termini di portata, sia in termini di concentrazione del refluo. Con i mixer adattivi Flygt si ottiene un aumento della resilienza del processo, un risultato che progettisti e gestori perseguono in ogni modo per mantenere efficiente l’impianto e controllarne in modo puntuale i costi operativi…

Leggi tutto…

Lotta alle perdite, il Progetto Oliena portato come esempio sulla stampa Britannica. Dopo il riconoscimento tra le best practices a livello nazionale, il piano di recupero delle perdite arriva in Inghilterra. “L’utilizzo di una tecnologia intelligente per risolvere la carenza di acqua globale”, è il titolo dell’articolo del Telegraph che analizza il progetto realizzato da Abbanoa con la collaborazione di Hitachi, a Oliena. …

Leggi tutto…