Teleriscaldamento: il modello di A2a Calore e Servizi fa scuola al Dhc2018


Il teleriscaldamento di A2a Calore e Servizi protagonista a The 16th International Symposium on District Heating and Cooling (Dhc2018), l’evento internazionale dedicato al teleriscaldamento e del teleraffrescamento, che si svolgendo ad Amburgo e si concluderà il prossimo 12 settembre.
Momento di incontro per gli esperti del mondo accademico e industriale da tutto il mondo, per fare il punto sullo sviluppo del settore, sulle ultime innovazioni tecnologiche e per scambiare conoscenze e buone pratiche, l’evento avrà tra i suoi focus proprio l’esperienza maturata dall’azienda italiana nella gestione delle sue reti di Brescia, Milano e Bergamo.
Punto centrale di questa esperienza, in particolare, il differente modello di intervento sull’infrastruttura messo a punto da A2a Calore e Servizi. Un sistema utilizzato lungo la rete di Brescia capace di renderla maggiormente funzionale e di garantire, di conseguenza, un servizio più efficace e sostenibile, grazie a una nuova procedura che consente stime affidabili delle perdite, semplificando le attività operative e fornendo risultati immediati sul campo.
Operativa dal 1972 e con un’estensione di quasi 670 chilometri, tale infrastruttura per essere sempre in perfetta efficienza necessita di un accurato programma di manutenzione, nel quale si possano identificare e localizzare in tempi molto ridotti eventuali problematiche, quali le aree di rottura delle condotte, in modo da stimare la quantità di perdite d’acqua e programmare riparazioni efficaci. Un’operazione, quella della quantificazione delle perdite, molto complessa, per la quale l’azienda già nel 2013 aveva predisposto un metodo per valutarne l’entità. Sistema che ora ha raggiunto un maggior livello di efficienza attraverso un rilevamento diretto e istantaneo che sfrutta dispositivi di misurazione fissi e installati in aree particolari sia sui tubi di mandata sia di ritorno, consentendo così di verificare la portata dell’acqua in entrambe le direzioni.


Leggi anche

L’amministratore comunale ha presentato un progetto per rendere più efficiente il sistema di illuminazione della città del valore di 5 milioni di euro, da finanziare in gran parte, circa 3,8 milioni, con fondi europei. Prevede la sostituzione di 5000 corpi illuminanti del centro storico con nuove lampade a Led e di 135 quadri elettrici…

Leggi tutto…

Settembre sarà un mese di grandi appuntamenti per Servizi a Rete. Le iscrizioni per partecipare alle nostre Giornate Tecniche sono già aperte…

Leggi tutto…

La relazione annuale di Arera sottolinea l’impegno della società nel garantire i più alti standard di sicurezza. L’azienda del Gruppo Estra attiva nella distribuzione del gas si segnala infatti per l’azione di ispezione sistematica della propria rete, che viene controllata interamente 3,4 all’anno a fronte di una media nazionale di 2,3, e per il basso numero di dispersioni riscontrate…

Leggi tutto…

La gestione della rete idrica in Calabria è a un punto di svolta. La Regione Calabria ha infatti promosso e cofinanziato, tramite fondi POR, l’ingegnerizzazione delle reti idriche che sta interessando in questi mesi la città di Catanzaro e, prossimamente, riguarderà anche Crotone e Vibo Valentia. …

Leggi tutto…

Lotta alle perdite, il Progetto Oliena portato come esempio sulla stampa Britannica. Dopo il riconoscimento tra le best practices a livello nazionale, il piano di recupero delle perdite arriva in Inghilterra. “L’utilizzo di una tecnologia intelligente per risolvere la carenza di acqua globale”, è il titolo dell’articolo del Telegraph che analizza il progetto realizzato da Abbanoa con la collaborazione di Hitachi, a Oliena. …

Leggi tutto…