Terna realizza una rete più moderna e sicura per Venezia

Sono stati conclusi, ed è già entrato in esercizio, i lavori per la posa del cavo interrato da 132.000 volt C.P. Sacca Serenella – C.P. Cavallino, avviati da Terna per l’ammodernamento della rete elettrica della laguna di Venezia.
Il tratto appena entrato in funzione è lungo 14 chilometri, dei quali 10 sottomarini, e rappresenta il primo tratto dell’opera.
Il gestore della rete elettrica nazionale ha avviato anche i lavori del secondo tratto, che completa il progetto. Si tratta dell’elettrodotto in cavo interrato a 132.000 volt Fusina 2 – C.P. Sacca Fisola, che sarà ultimato entro la fine dell’anno e consentirà lo smantellamento di 6,5 chilometri dell’attuale linea aerea che insiste nella laguna.
L’opera nel complesso comporta per l’azienda un investimento di 55 milioni di euro e costituisce un passaggio importante per il compimento del piano strategico 2018-2022, che prevede in Veneto investimenti per oltre 300 milioni.
«Il lavoro appena concluso rappresenta la prima tappa per assicurare a Venezia una rete elettrica più moderna, sicura e sostenibile – ha commentato l’amministratore delegato di Terna, Luigi Ferraris -. L’impegno è di continuare il dialogo con l’amministrazione comunale, con le altre istituzioni e con i cittadini per completare il piano di interventi previsto».


Leggi anche

Dopo 50 anni, si sono conclusi i lavori per lo schema idrico del Menta, una fiumara dell’Aspromonte le cui acque raccolte in una diga verranno ora trattate da un impianto di potabilizzazione ed erogate alla città e al suo hinterland. Un’opera infinita, realizzata con un investimento di 230 milioni di euro che finalmente porrà fine ai problemi di approvvigionamento idrico dell’area…

Leggi tutto…

Xylem ha recentemente introdotto sul mercato una nuova classe di miscelatori, definiti adattivi, che incorporano una elettronica altamente evoluta per il controllo della velocità di rotazione in relazione alle condizioni reali istantanee degli impianti, sia in termini di portata, sia in termini di concentrazione del refluo. Con i mixer adattivi Flygt si ottiene un aumento della resilienza del processo, un risultato che progettisti e gestori perseguono in ogni modo per mantenere efficiente l’impianto e controllarne in modo puntuale i costi operativi…

Leggi tutto…

Lotta alle perdite, il Progetto Oliena portato come esempio sulla stampa Britannica. Dopo il riconoscimento tra le best practices a livello nazionale, il piano di recupero delle perdite arriva in Inghilterra. “L’utilizzo di una tecnologia intelligente per risolvere la carenza di acqua globale”, è il titolo dell’articolo del Telegraph che analizza il progetto realizzato da Abbanoa con la collaborazione di Hitachi, a Oliena. …

Leggi tutto…

L’azienda ha avviato una serie di lavori straordinari sugli impianti di illuminazione pubblica che riguardano l’intero territorio cittadino, comprese le borgate, per un totale di 64 interventi. L’obiettivo è risolvere diverse problematiche del servizio, la maggior parte delle quali dovute ai continui furti di cavi. A tale scopo i pozzetti verranno coperti con calcestruzzo. …

Leggi tutto…

Lo dicono i dati del bilancio appena approvato dal Consiglio d’Amministrazione della multiutility, che vedono tutti gli indicatori in crescita a doppia cifra in percentuale, con i ricavi che hanno raggiunto i 3,3 miliardi di euro e l’utile netto incrementato di oltre il 43%. Festeggiano anche i Comuni soci che incasseranno un ricco dividendo…

Leggi tutto…