Tutto pronto a Rimini per l’ultimo stralcio della Dorsale Sud


Tutto pronto per la realizzazione dell’ultimo stralcio della Dorsale Sud di Rimini, il collettore parte della serie di opere pensate per intercettare, convogliare e recapitare al depuratore di Santa Giustina i reflui del bacino sud della città romagnola. Opere che fanno parte del Piano di salvaguardia della balneazione (Psb) messo a punto dal Comune con Hera e Romagna Acque, delle quali il collettore costituisce il terzo e ultimo stralcio.
Il progetto sviluppato da Hera e finanziato da Romagna Acque con un investimento di 7 milioni di euro, prevede la posa di 2 condotte di 800 e 1200 mm di diametro per un tratto complessivo di circa 4 km. Le due infrastrutture avranno una capacità di portata pari a 750 e 1.500 litri al secondo e saranno realizzate all’interno del tessuto urbano.
La prima condotta da 700 metri sarà realizzata lungo i parchi Cervi e Bondi fino a collegarsi a quella esistente in corrispondenza di Largo Unità d’Italia. La seconda, di circa 3000 metri, si snoderà lungo un percorso urbano che parte da Largo Unità d’Italia e termina al depuratore Marecchiese. L’avvio dei lavori è stato fissato per l’inizio di ottobre, subito al termine della stagione estiva, per concludersi entro 18 mesi.
Compresi nel progetto anche gli interventi di revamping di due sollevamenti fognari a servizio della infrastruttura idraulica per i quali verrà fatta una gara ad hoc.
Grazie alle opere già realizzate, inoltre, prosegue il programma di riconversione dei 12 sfioratori presenti sulla costa riminese. Alle fosse Spina-Sacramora, Turchetta e Pedrera Grande, ora si aggiunge anche lo sfioratore Matrice cui fanno riferimento le acque di balneazione a nord e a sud della foce del Marecchia, che diventa sfioratore per sole acque meteoriche e di drenaggio, riversando in mare quindi sole acque bianche. Lo stesso accadrà a breve anche alla fossa Sortie: diventano così cinque gli sfioratori di sole acque bianche che non daranno più luogo ai divieti di balneazione.


Leggi anche

Dopo 50 anni, si sono conclusi i lavori per lo schema idrico del Menta, una fiumara dell’Aspromonte le cui acque raccolte in una diga verranno ora trattate da un impianto di potabilizzazione ed erogate alla città e al suo hinterland. Un’opera infinita, realizzata con un investimento di 230 milioni di euro che finalmente porrà fine ai problemi di approvvigionamento idrico dell’area…

Leggi tutto…

Xylem ha recentemente introdotto sul mercato una nuova classe di miscelatori, definiti adattivi, che incorporano una elettronica altamente evoluta per il controllo della velocità di rotazione in relazione alle condizioni reali istantanee degli impianti, sia in termini di portata, sia in termini di concentrazione del refluo. Con i mixer adattivi Flygt si ottiene un aumento della resilienza del processo, un risultato che progettisti e gestori perseguono in ogni modo per mantenere efficiente l’impianto e controllarne in modo puntuale i costi operativi…

Leggi tutto…

Lotta alle perdite, il Progetto Oliena portato come esempio sulla stampa Britannica. Dopo il riconoscimento tra le best practices a livello nazionale, il piano di recupero delle perdite arriva in Inghilterra. “L’utilizzo di una tecnologia intelligente per risolvere la carenza di acqua globale”, è il titolo dell’articolo del Telegraph che analizza il progetto realizzato da Abbanoa con la collaborazione di Hitachi, a Oliena. …

Leggi tutto…

L’azienda ha avviato una serie di lavori straordinari sugli impianti di illuminazione pubblica che riguardano l’intero territorio cittadino, comprese le borgate, per un totale di 64 interventi. L’obiettivo è risolvere diverse problematiche del servizio, la maggior parte delle quali dovute ai continui furti di cavi. A tale scopo i pozzetti verranno coperti con calcestruzzo. …

Leggi tutto…

Lo dicono i dati del bilancio appena approvato dal Consiglio d’Amministrazione della multiutility, che vedono tutti gli indicatori in crescita a doppia cifra in percentuale, con i ricavi che hanno raggiunto i 3,3 miliardi di euro e l’utile netto incrementato di oltre il 43%. Festeggiano anche i Comuni soci che incasseranno un ricco dividendo…

Leggi tutto…