live demo

15 aprile LIVE DEMO: monitoraggio di livello e pressione per applicazioni con acqua potabile

Non perdere la LIVE DEMO del 15 aprile ‘monitoraggio di livello e pressione per applicazioni con acqua potabile’

 

Partecipa alla LIVE DEMO per approfondire il monitoraggio di livello e pressione per applicazioni con acqua potabile 

Giovedì 15 aprile, puoi scegliere tra due sessioni ore 10:00 e ore 15:00

Clicca qui per riservare il tuo posto

 

Tecnica di misura moderna e collaudata

Nel settore della gestione delle acque sono fondamentali un trattamento ineccepibile, un funzionamento affidabile privo di guasti e la sostenibilità conformemente al “Water Safety Plan”.

I sensori VEGA sono concepiti per le specifiche esigenze del settore dell’approvvigionamento idrico e hanno un ampio campo applicativo, dalla raccolta al trattamento, fino alla distribuzione delle acque, attraverso tutte le fasi di produzione. In questo modo consentono l’ottimizzazione dell’intero esercizio dell’impianto.
 
Gli impianti di tutto il mondo possono fare affidamento sulla tecnologia di misura di livello e pressione VEGA in questi casi:

  • Serbatoi
  • Tubazioni
  • Filtri
  • Bacini artificiali

I sensori di pressione VEGABAR misurano in maniera affidabile la pressione nelle tubazioni e nei serbatoi dell’acqua potabile e si contraddistinguono per la stabilità nel lungo termine e la resistenza all’abrasione (anche alla sabbia).

La tecnica di misura robusta e resistente all’abrasione garantisce una lunga durata utile e una misura sicura, indipendente dagli influssi atmosferici come temperatura, condensa o adesioni.

L’impiego di materiali omologati secondo FDA e CE 1935/2004 e l’adozione di un design igienico proteggono l’acqua potabile dal rischio di contaminazione.
 

Partecipa alla Live DEMO ‘Monitoraggio continuo del livello e della pressione per applicazioni con acqua potabile’
Clicca qui per riservare il tuo posto
QUANDO: Giovedì 15 aprile, puoi scegliere tra due sessioni ore 10:00 oppure ore 15:00

 


Leggi anche

È quanto prevede il nuovo piano industriale 2021-2030 Life is our Duty, focalizzato sull’economia circolare e sulla transizione energetica, con investimenti, rispettivamente, per 6 e 10 miliardi di euro, per contribuire al conseguimento degli obiettivi di sostenibilità dell’ONU e al rilancio economico del Paese. Tra i target, ridurre del 20% delle perdite idriche, portare la capacità installata di rinnovabili a 5,7 GW, e recuperare ulteriori 4,4 milioni di tonnellate di rifiuti …

Leggi tutto…

La società è tra le 16 realtà selezionate dal Centro Satellitare dell’Unione Europea per il progetto che punta sull’utilizzo dell’Intelligenza Artificiale per creare una piattaforma che aiuti il monitoraggio delle attività umane e ambientali avvalendosi dei dati satellitari forniti dal programma di osservazione COPERNICUS. Smat vi partecipa con il monitoraggio dei bacini di lagunaggio di La Loggia…

Leggi tutto…

I lavori costituiscono la prima parte delle opere, da 7,5 milioni di euro, programmate sul più grande potabilizzatore del Nord della Sardegna, che fornisce acqua potabile alle reti di Sassari, Porto Torres e Stintino. L’intervento avviato, da 2,9 milioni, permetterà di ampliare l’unità di filtrazione, effettuare la manutenzione straordinaria delle vasche di chiariflocculazione e potenziare le unità di equalizzazione e di disidratazione meccanica dei fanghi…

Leggi tutto…

Il nuovo documento, che delinea le strategie di crescita della multiutility per il periodo 2021-2024, mette al centro sostenibilità, innovazione e digitalizzazione. Per quanto riguarda la ripartizione delle risorse, al ciclo idrico sono destinati 46 milioni, mentre al settore ambientale ne andranno complessivamente 37. Notevoli gli investimenti anche nel comparto energia, con 30 milioni destinati alla distribuzione gas e ben 50 al comparto elettrico…

Leggi tutto…

Con l’Università di Bologna e Rezatec, Hera sta testando un algoritmo che individua i punti della rete a maggior rischio di rottura, per pianificare le sostituzioni mirate delle condotte. Dopo una prima sperimentazione nei comuni di Santarcangelo di Romagna, Riccione e Cattolica, quest’anno il progetto si estende anche nel territorio di Forlì-Cesena, coinvolgendo in totale 2.800 km di rete…

Leggi tutto…