20 gennaio LIVE DEMO: la misura radar nel trattamento delle acque reflue

Non perdere la LIVE DEMO del 20 gennaio relativa alla misura radar nel trattamento delle acque reflue.

Partecipa alla LIVE DEMO per approfondire 
come utilizzare i nuovi sensori radar per ottimizzare il funzionamento e la manutenzione degli impianti di trattamento acque reflue


Mercoledì 20 gennaio, puoi scegliere tra due sessioni ore 10:00 e ore 15:00

Clicca qui per riservare il tuo posto

 


Soluzione universale

La nuova serie di strumenti radar compatti è stata appositamente ottimizzata per le applicazioni nel mondo del trattamento delle acque reflue.

Gli impianti di tutto il mondo possono fare affidamento sulla tecnologia di misura di livello VEGA in questi casi:

  • in una stazione di pompaggio
  • bacini di straripamento acqua piovana
  • misura della portata nei canali Venturi

Durante la live demo sulla misura radar nel trattamento delle acque reflue – oltre ad introdurre i nuovi sensori e controller – mostreremo diverse applicazioni pratiche all’interno di un refluo impianto di trattamento: dalla semplice installazione dei sensori alla loro configurazione user friendly, messa in servizio e calibrazione tramite app. 
 


Livello, soglia di livello e pressione

I nuovi sensori compatti VEGA hanno un ampio campo applicativo: dalla raccolta al trattamento, fino alla distribuzione delle acque. 

Tra i principali vantaggi dei sensori VEGABAR abbiamo la misura indipendentemente dalle condizioni esterne come ad esempio temperatura, condensa o adesioni. Si contraddistinguono per la stabilità a lungo termine e la resistenza all’abrasione (anche alla sabbia) misurando in maniera affidabile la pressione nelle tubazioni e nei serbatoi d’acqua potabile.
 

Tecnologia ed efficienza costanti

La tecnica di misura VEGA assicura il monitoraggio e il controllo nei serbatoi e nelle tubazioni e guida passo passo l’acqua verso il suo impiego finale. L’integrazione e la manutenzione sono semplici.

VEGA offre strumenti, sistemi ed interfacce di comunicazione standard perfettamente armonizzati e un rilevamento dei dati dal campo rigido e omogeneo.

Partecipa alla Live DEMO ‘Tecnologia di misura radar nel trattamento delle acque reflue’
Clicca qui per riservare il tuo posto
QUANDO: Mercoledì 20 gennaio, puoi scegliere tra due sessioni ore 10:00 oppure ore 15:00

 


Leggi anche

È quanto prevede il piano di investimenti 2020-2023, approvato alla fine dello scorso anno dall’Assemblea dei Soci del gestore del ciclo idrico della provincia di Cremona. Gli investimenti riguarderanno tutte le aree del sistema idrico in tutto il territorio provinciale: il 28% verrà utilizzato per la depurazione, il 32% nell’acquedotto, il 33% nella fognatura e il 7% in investimenti generali. …

Leggi tutto…

Sulla piattaforma verrà caricata l’intera base informativa delle reti e impianti fognari e saranno implementate interfacce 3D che renderanno la gestione delle infrastrutture sempre più smart. Tutto il processo verrà realizzato con l’impiego di tecnologie di ultima generazione, come laser scanner 3D, il GNSS, la geo-radiolocalizzazione e navigazione terrestre. …

Leggi tutto…

L’intervento sarà completato entro la fine dell’anno e consentirà agli oltre 400 abitanti della frazione di Massa Macinaia del comune lucchese di fruire di un sistema di scarico e raccolta dei reflui. Reflui che saranno convogliati al depuratore, riducendo gli scarichi diretti nel reticolo idraulico secondario. I lavori, suddivisi in tre fasi, hanno visto la posa di oltre 2 chilometri di nuove condotte, con un investimento complessivo di 1,9 milioni di euro. …

Leggi tutto…

Le risorse verranno utilizzate dai 12 gestori veneti raccolti nel consorzio per nuovi interventi finalizzati a potenziare le reti idriche, ad estendere quelle fognarie, a costruire nuovi depuratori e a migliorare il trattamento dei reflui. Un impegno in continuità con quello degli ultimi anni: solo nei primi nove mesi di quest’anno gli investimenti hanno toccato i 145 milioni di euro, mentre sono stati pari a 459 milioni nel 2019….

Leggi tutto…

Rinnovare le infrastrutture di raccolta dei reflui che presentano maggiori criticità è l’obiettivo del vasto programma di interventi messo a punto dal gestire idrico della Provincia di Monza e della Brianza. La prima fase, per un investimento di 4 milioni di euro, coinvolgerà 3,5 chilometri di condotte di 16 comuni. Gran parte dei lavori verranno eseguiti con la tecnica del relining. …

Leggi tutto…