40 Anni di attività Ritmo

Da semplice realtà locale con un piccolo laboratorio artigianale di fine anni ’70, oggi il marchio Ritmo gioca un ruolo di fama internazionale.

Ma conosciamo meglio questa realtà.

Tutto nasce in provincia di Padova quando in Italia si iniziava a parlare di tubi in plastica. Ecco che l’entusiasmo, la passione, le idee, e tanta intuizione, portano alla nascita della prima linea di saldatrici Delta.

I prodotti che nascono contengono quelle peculiarità di “qualità e affidabilità” che il mercato sin da subito riconosce come il DNA distintivo delle saldatrici Ritmo.

Dopo appena 5 anni di attività, l’Azienda realizza le prime saldatrici per creare pezzi speciali da segmenti di tubo, nasce così la serie di macchine da laboratorio Alfa.

I clienti vogliono la qualità e filosofia Ritmo, e i traguardi raggiunti portano già al settimo anno di attività a dover affrontare la prima grande sfida: “il dover pensare in grande”. Sì, perché le richieste e le aspettative del mercato implicano di osare, di pensare in grande, di trasformarsi e crescere.

Questo significa in primo luogo non solo riorganizzare e rivoluzionare il modo di lavorare, ma anche nuovi spazi produttivi. E la sfida viene accolta.

È il 1986 e diventa obbligatorio il cambio di sede. Con lo spostamento di qualche chilometro, in un nuovo insediamento industriale nel comune di Teolo, si creano le basi per i futuri risultati.

La crescita porta con sé anche belle notizie, e nel corso del 1995 la forza lavoro raggiunge le 50 unità, ma nemmeno 8 anni dopo, il numero raddoppia e raggiunge i 100 addetti.

Il pensare in grande, ma senza snaturare quella filosofia delle origini, prosegue tutt’oggi, e il mercato globale sta riconoscendo la qualità del Made in Italy. Ecco che l’azienda continua a presentare al mercato le migliori soluzioni per saldare la plastica.

Se da quarant’anni Delta significa saldatrice testa a testa, oggi, un ruolo strategico per l’Azienda lo sta ricoprendo la linea di saldatrici Basic Easy Life. Un concetto di saldatrice funzionale, facile da usare; una saldatrice amica. Saldare con questa tecnologia è quanto di più facile un saldatore possa desiderare in cantiere. Il ciclo di lavoro è automatizzato, e una volta programmato, questo ripete all’infinito i parametri di saldatura inseriti. L’operatore non si dovrà più preoccupare di pressioni e tempo, dovrà ora semplicemente convalidare le fasi di lavoro. Questa tecnologia nata per dare una soluzione quanto più vicino al “concetto di lavoro di una saldatrice CNC”, ma con costi decisamente inferiori. E questa tecnologia “facile” è disponibile fino al diametro 630 mm.

Sul fronte elettrofusione, la Linea Elektra offre un parco macchine con prestazioni e affidabilità. Due esempi su tutte: Elektra Light in soli 7 Kg racchiude la tecnologia per saldare manicotti elettrosaldabili fino a 160 mm, Elektra Top con un peso inferiore ai 14 Kg salda fino al diametro 1600 mm.

A conferma dell’entusiasmo, della vivacità, e di voler continuare ad essere protagonista, in occasione di questi 40 anni, Ritmo ha introdotto la nuova linea di soffianti. Si tratta di tre articoli che si affiancano alle rinnovate linee di estrusori e saldalastre.

Ritmo oggi produce più di cento articoli per lavorare sempre al meglio in cantiere. Oltre alle saldatrici sopra citate, completano il panorama macchine dal laboratorio, segatrici, saldatrici per polifusione nel bicchiere, macchine speciali e un nutrito numero di accessori.

E se il futuro, parte da basi solide del passato, i primi 40 anni hanno dimostrato come produrre saldatrici oggi, come fosse quel primo giorno, interamente disegnate e assemblate in Azienda, con la responsabilità di dare al cliente un prodotto che racchiuda tutte l’esperienza e la passione, bagaglio tecnologico e “DNA” che solo il tempo e la ricerca sanno dare, se queste sono le premesse per un futuro da protagonista, non ci resta che dire: Ritmo, benvenuta negli “anta”!

 


Leggi anche

L’azienda del Gruppo Maggioli ha siglato con Vodafone un accordo che prevede il completamento della copertura della nuova rete cellulare NB-IoT su tutto il territorio nazionale. Il sistema, denominato SMAQ, in corso di installazione in alcuni zone della provincia ovest di Milano e nella provincia di Roma, consentirà ai gestori delle reti idriche di adempiere a quanto ARERA ha imposto per ottimizzare il servizio in termini di trasparenza verso il consumatore e risparmio della risorsa idrica…

Leggi tutto…

Settembre sarà un mese di grandi appuntamenti per Servizi a Rete. Le iscrizioni per partecipare alle nostre Giornate Tecniche sono già aperte…

Leggi tutto…

La relazione annuale di Arera sottolinea l’impegno della società nel garantire i più alti standard di sicurezza. L’azienda del Gruppo Estra attiva nella distribuzione del gas si segnala infatti per l’azione di ispezione sistematica della propria rete, che viene controllata interamente 3,4 all’anno a fronte di una media nazionale di 2,3, e per il basso numero di dispersioni riscontrate…

Leggi tutto…

La gestione della rete idrica in Calabria è a un punto di svolta. La Regione Calabria ha infatti promosso e cofinanziato, tramite fondi POR, l’ingegnerizzazione delle reti idriche che sta interessando in questi mesi la città di Catanzaro e, prossimamente, riguarderà anche Crotone e Vibo Valentia. …

Leggi tutto…

Lotta alle perdite, il Progetto Oliena portato come esempio sulla stampa Britannica. Dopo il riconoscimento tra le best practices a livello nazionale, il piano di recupero delle perdite arriva in Inghilterra. “L’utilizzo di una tecnologia intelligente per risolvere la carenza di acqua globale”, è il titolo dell’articolo del Telegraph che analizza il progetto realizzato da Abbanoa con la collaborazione di Hitachi, a Oliena. …

Leggi tutto…