Politecnico di Bari

A Bari il quarto Innovation Hub di Terna

Sorgerà a Bari il nuovo Innovation Hub di Terna, il quarto dopo quelli già attivati a Torino, Napoli e Milano. Il nuovo laboratorio dedicato all’innovazione nel campo elettrico sorgerà all’interno del Politecnico di Bari e vedrà lavorare fianco a fianco ricercatori universitari ed esperti dell’azienda allo sviluppo di progetti di interessi comuni.

Progetti, legati al contesto economico, sociale e produttivo del territorio, che punteranno a valorizzare la collaborazione tra Politecnico e imprese nel campo della gestione e della sicurezza del sistema elettrico nazionale. In particolare, concentrandosi su temi quali l’edge computing/distributed computing, per la raccolta e l’analisi dei dati in tempo reale, i servizi avanzati per le infrastrutture elettriche, la sicurezza informatica, le tecnologie digitali e l’additive manufacturing.

Luigi Ferraris
Luigi Ferraris

«L’accordo siglato con il Politecnico di Bari è un ulteriore passo nella nostra strategia volta all’innovazione e per la quale Terna prevede investimenti complessivi di 900 milioni di euro nei prossimi 5 anni – ha dichiarato l’amministratore delegato di Terna, Luigi Ferraris -. Questa collaborazione rappresenta un’importante opportunità per realizzare nel territorio pugliese progetti di formazione innovativi, integrare idee, competenze e network a beneficio di una rete elettrica sempre più moderna, efficiente, flessibile e sostenibile in grado di favorire la transizione energetica in corso».
L’accordo prevede anche la possibilità di concordare modalità innovative di formazione e collaborazione con gli studenti, quali eventi e seminari, giornate di orientamento durante le quali i manager dell’azienda illustreranno le opportunità di lavoro e formazione, i ruoli e le competenze richieste. Gli studenti avranno anche l’opportunità di mettersi in gioco, attraverso simulazioni, in colloqui di selezione.

Francesco Cupertino
Francesco Cupertino

«Questa nuova importante partnership per il Politecnico di Bari ci permetterà di sviluppare ulteriormente le consolidate competenze nell’ambito dei sistemi elettrici integrandole con le nuove tecnologie dell’ingegneria dell’informazione – ha commentato il rettore del Politecnico, Francesco Cupertino –. Per noi è una occasione per rinnovare e rilanciare le attività di ricerca ma anche quelle didattiche in un settore, quello dell’energia, che riteniamo strategico per lo sviluppo sicuro e sostenibile del nostro Paese».


Leggi anche

Le due gare riguardano la manutenzione per i prossimi tre anni di circa 50.000 km di linee aeree a 150 kV sull’intero territorio nazionale. Ad aggiudicarsele tutte imprese italiane sottoposte a una complessa valutazione tecnica per via della complessità dei lavori, che impegneranno tra dipendenti e indotto, oltre 10.000 lavoratori …

Leggi tutto…

Le due società hanno rinnovato il Memorandum of Understanding finalizzato a valorizzare le potenziali sinergie tra il sistema gas e il sistema elettrico. Tre le aree al centro dell’intesa: le centrali dual fuel, il sector coupling, in particolare con l’integrazione delle fonti rinnovabili, e la ricerca e sviluppo di soluzioni innovative per rendere le reti energetiche sempre più sostenibili…

Leggi tutto…

È quanto prevede il Piano di sviluppo appena pubblicato dalla società per lo sviluppo e potenziamento della rete di trasmissione elettrica nazionale. Le risorse, ben il 7% in più rispetto all’ultimo piano e quasi doppie rispetto al 2017, serviranno ad abilitare la transizione energetica sostenibile e favorire la piena integrazione delle fonti rinnovabili. 27 in totale i progetti previsti, tra nuovi interventi da Nord a Sud della Penisola, interconnessioni con l’estero e collegamenti tra le isole…

Leggi tutto…

In ragione dell’emergena Covid-19, l’Autorità di regolazione energia reti e ambiente (Arera) proroga i termini delle scadenza per richiedere il rinnovo dei bonus sociali nazionali (elettricità, acqua, gas) concessi ai cittadini economicamente svantaggiati. La scadenza è rimandata al 30 giugno 2020, salvo eventuali ulteriori misure regolamentari legate all’emergenza in corso….

Leggi tutto…

La multiutility ha rivisto al rialzo i suoi target di decarbonizzazione, puntando a ridurre del 46% le emissioni di CO2 per kWh prodotto entro il 2030. A questo si aggiungono i nuovi obiettivi di emissioni indirette: azzerate entro il 2024 quelle legate all’utilizzo di energia e combustibili acquistati e ridotte del 20% entro il 2030 quelle per spostamenti, viaggi e altre attività. I nuovi obiettivi sono stati validati dalla Science Based Targets initiative…

Leggi tutto…