A Catania un progetto per il riuso delle acque depurate


Un grande progetto di economia circolare. È quanto si sta mettendo in campo a Catania con la realizzazione di un collegamento che consentirà di portare l’acqua in uscita dal depuratore di Pantano d’Arci, a sud della città, all’agro di Lentini, recuperando così a uso agricolo circa 8 milioni di metri cubi di acqua depurata, che altrimenti va dispersa in mare.
Nello specifico il progetto, che sarà concluso entro la fine dell’anno, prevede la posa di 12 chilometri di condotte e la realizzazione di una vasca di raccolta dell’acqua.
Progetto che ha già visto la posa di 350 metri di condotte sotto l’alveo del fiume Simeto, a una profondità di 14 metri, effettuata con una tecnica no-dig, in modo da non arrecare alcun problema all’equilibrio ambientale della zona, trattandosi di un’area protetta. Tecnica che sarà utilizzata anche per realizzare l’attraversamento della ferrovia.
Obiettivo del progetto è chiudere in modo sostenibile il ciclo dell’acqua, dalla raccolta dei reflui alla loro depurazione fino al riutilizzo in agricoltura. Obiettivo che sarà davvero raggiunto, però, solo quando l’intera città sarà allacciata alla rete fognaria. Su questo punto, infatti, Catania sconta un grave ritardo, con soli 80.000 residenti che usufruiscono del servizio. Un progetto preliminare per l’estensione della fognatura, però, già esiste: è stato messo a punto dal Comune e prevede un investimento da 213 milioni di euro, con una previsione di realizzazione di 4 anni. Progetto presentato al commissario unico nazionale del ministero dell’Ambiente, che ora dovrà decidere sul suo futuro.


Leggi anche

Per ridurre al minimo i disagi per la popolazione e i turisti, il Comune, che gestisce il servizio idrico integrato, ha scelto la tecnica della Trivellazione orizzontale controllata per la posa di un nuovo collettore in una strada del centro storico. La sostituzione della vecchia condotta si è resa necessaria per via del suo avanzato stato di deterioramento, causa di continue perdite …

Leggi tutto…

L’intervento riguarda la dorsale principale che assicura l’approvvigionamento della zona industriale di Vado Ligure. Per il recupero funzionale della condotta, che ha una lunghezza di 1 chilometro e un diametro di 300 mm, verrà utilizzata la tecnica Primus line, che prevede l’inserimento di un tubolare all’interno delle tubazioni esistenti. La conclusione dei lavori è prevista per la metà di maggio…

Leggi tutto…

La multiutility ha avviato i lavori per la sostituzione dell’adduttrice che garantisce l’approvvigionamento idrico della città. Saranno posati 15 km di tubazioni in ghisa sferoidale al posto delle vecchie condotte in cemento amianto. I lavori sono suddivisi in tre stralci, prevedono l’attraversamento di un tratto di autostrada e di linee ferroviarie, e termineranno per la fine del 2019. Il costo dell’opera è di 13,5 milioni di euro

Leggi tutto…

Realizzato il collettore fognario per la raccolta dei reflui della zona delle Mura Megalitiche. Diverse le criticità che i tecnici hanno dovuto affrontare per posare oltre 2 chilometri di condotta, quali la profondità dello scavo e l’attraversamento di una strada statale e di diverse zone di alto pregio paesaggistico e archeologico. L’investimento per i lavori è stato di 1,5 milioni di euro…

Leggi tutto…

Con un investimento di 8 milioni di euro, la società realizzerà l’infrastruttura a banda ultralarga nel capoluogo abruzzese. I lavori prenderanno il via a gennaio, per concludersi per la metà del 2019, mentre entro l’anno successivo sarà realizzata la rete a servizio dei comuni limitrofi. Per la città il piano prevede la posa di 13.000 chilometri di fibra ottica che raggiungerà 23.000 unità immobiliari …

Leggi tutto…