A Catania un progetto per il riuso delle acque depurate


Un grande progetto di economia circolare. È quanto si sta mettendo in campo a Catania con la realizzazione di un collegamento che consentirà di portare l’acqua in uscita dal depuratore di Pantano d’Arci, a sud della città, all’agro di Lentini, recuperando così a uso agricolo circa 8 milioni di metri cubi di acqua depurata, che altrimenti va dispersa in mare.
Nello specifico il progetto, che sarà concluso entro la fine dell’anno, prevede la posa di 12 chilometri di condotte e la realizzazione di una vasca di raccolta dell’acqua.
Progetto che ha già visto la posa di 350 metri di condotte sotto l’alveo del fiume Simeto, a una profondità di 14 metri, effettuata con una tecnica no-dig, in modo da non arrecare alcun problema all’equilibrio ambientale della zona, trattandosi di un’area protetta. Tecnica che sarà utilizzata anche per realizzare l’attraversamento della ferrovia.
Obiettivo del progetto è chiudere in modo sostenibile il ciclo dell’acqua, dalla raccolta dei reflui alla loro depurazione fino al riutilizzo in agricoltura. Obiettivo che sarà davvero raggiunto, però, solo quando l’intera città sarà allacciata alla rete fognaria. Su questo punto, infatti, Catania sconta un grave ritardo, con soli 80.000 residenti che usufruiscono del servizio. Un progetto preliminare per l’estensione della fognatura, però, già esiste: è stato messo a punto dal Comune e prevede un investimento da 213 milioni di euro, con una previsione di realizzazione di 4 anni. Progetto presentato al commissario unico nazionale del ministero dell’Ambiente, che ora dovrà decidere sul suo futuro.


Leggi anche

L’azienda ha avviato una serie di verifiche lungo il tratto di rete che scorre nei pressi del fiume Lambro, nel cuore della città, dopo una segnalazione di Legambiente in merito alla presenza di rivoli maleodoranti. Al termine della videoispezione si procederà con la progettazione dell’intervento che sarà eseguito con la tecnica del relining per ridurre al minimo l’impatto su un’area ad alta frequentazione …

Leggi tutto…

L’intervento interessa un tratto di condotte in cemento-amianto della lunghezza di 1,4 chilometri che scorre sotto via Munerati, nella zona nord della città. Una porzione di rete in grave stato di ammaloramento causa di continui disagi alla sede stradale, ai residenti e alle attività dell’area. I lavori saranno realizzati in 90 giorni con un investimento di 680.000 euro…

Leggi tutto…

L’azienda, che gestisce il ciclo idrico nel territorio del Consiglio di Bacino “Veneto Orientale”, ha optato per la tecnica del relining strutturale per la riabilitazione di 3 km di condotte che collegano San Vendemiano e Conegliano. Una tecnica che, oltre a ridurre i disagi per la viabilità, grazie alla sua flessibilità, si presta alla perfezione per la riqualificazione di tratti molto lunghi, con curve e pressioni elevate come in questo caso …

Leggi tutto…

Prenderà via a metà febbraio l’intervento di manutenzione straordinaria dell’infrastruttura che si estende per 2,5 km e convoglia i reflui al depuratore di Monza. L’opera, resasi necessaria per il deterioramento delle condotte, in esercizio da oltre 90 anni, sarà effettuata con la tecnica del relining interno, con una spesa di 3 milioni di euro…

Leggi tutto…

Il gestore del servizio idrico del Lazio meridionale utilizzerà la tecnologia no-dig per realizzare un attraversamento ferroviario e della via Appia nell’ambito dei lavori, che sta concludendo, di ammodernamento ed estensione della rete fognaria nei quartieri C8 e C9 del comune in provincia di Latina. Inoltre, provvederà anche alla sostituzione di 900 metri di condotte idriche, ormai obsolete …

Leggi tutto…