A Estra Clima il teleriscaldamento di Ancona

Estra si rafforza nelle Marche. Lo fa attraverso Estra Clima, la società del gruppo attiva nel settore dell’efficienza energetica e delle rinnovabili, che ha acquisito Termas, azienda proprietaria di una centrale cogenerativa abbinata a una rete di teleriscaldamento nel comune di Ancona.

L’impianto

Più nello specifico, l’impianto è dotato di una centrale con tre generatori di calore e due impianti di cogenerazione, per una potenza termica complessiva installata di 19 MW e una potenza elettrica di 3 MW. La rete di distribuzione del calore, invece, si estende per oltre 4,5 chilometri. Serve utenze pubbliche e private, fra le quali l’ospedale INRCA, la sede di Viva Servizi, quella di Ancona Ambiente, la sede di Fidel Marche, quella di Ancona Entrate, 8 condomini centralizzati e oltre 100 unità abitative. L’operazione è stata conclusa con un investimento di un milione di euro, cifra che comprende anche la spesa necessaria per l’intervento di manutenzione straordinaria dell’impianto, finalizzata a garantire nel tempo un’alta qualità del servizio di teleriscaldamento.

Il legame con il territorio

«Questa operazione è una preziosa opportunità per veicolare anche su questo importante territorio di riferimento del Gruppo le nostre competenze e il know how nella gestione degli impianti di teleriscaldamento abbinati a cogenerazione, che rappresentano senz’altro sia una modalità efficiente e sostenibile nell’uso dell’energia, sia indubbi vantaggi gestionali per il cliente», ha commentato Riccardo Matteini, direttore generale di Estra Clima.

Un’operazione che sottolinea anche la centralità del territorio delle Marche per il Gruppo. «La nuova acquisizione testimonia il nostro impegno diretto al fianco delle comunità nell’erogazione di servizi strategici per il cittadino e il legame con i comuni del territorio e con il nostro socio Viva Servizi – ha infatti sottolineato Francesco Macrì, presidente di Estra. – Con l’acquisizione di Termas, che fa seguito nell’area a quelle di Gas Marca, Gas Tronto e Piceno Gas, consolidiamo il nostro posizionamento nelle Marche e confermiamo il Gruppo nel suo ruolo di utility energetica di riferimento del Centro Italia».


Leggi anche

Pubblicato sulla Gazzetta ufficiale europea il bando per la concessione del servizio nel capoluogo lucano e in 59 comuni della sua provincia. L’infrastruttura da gestire si estende per 929 chilometri e serve quasi 60.000 utenze. Il valore del contratto è di 105.399.684 euro (Iva esclusa) e il termine per la presentazione delle offerte scade il prossimo 30 giugno. Spostata al 31 marzo, invece la scadenza per la gara sull’Atem Napoli 1…

Leggi tutto…

La società sta sperimentando diverse tecnologie di laser scan 3D per acquisire i dati sulla sua rete e mettere a punto il “gemello” digitale dell’infrastruttura che consenta di testarla nelle condizioni più diverse. Al momento sono già state scansionate oltre 1000 cabine secondarie e più di 70 cabine primarie…

Leggi tutto…

È stato presentato il progetto della nuova adduttrice che garantirà la continuità del servizio idrico alla città di Ascoli Piceno e alla bassa valle del Tronto. Il nuovo acquedotto sostituirà quello esistente, risalente agli anni Cinquanta, le cui vulnerabilità sono state fortemente accentuate dagli eventi sismici del 2016 e 2017. Per la sua costruzione l’investimento previsto è di 35,1 milioni di euro…

Leggi tutto…

La centralità di questo combustibile nel processo di decarbonizzazione del Continente è sottolineata dall’ultimo elenco dei Progetti di interesse comune per la rete di interconnessione energetica europea. Progetti che possono accedere ai finanziamenti dell’Unione e che comprendono ben 32 opere che riguardano le infrastrutture gas. Di queste ben 6 sono italiane…

Leggi tutto…

In attesa che si completi la riforma del servizio con l’affidamento delle gestioni, Regioni Calabria ha scelto Sorical, la società che gestisce i grandi sistemi di adduzione regionale, per realizzare il programma di interventi di efficientamento e ingegnerizzazione delle reti di distribuzione. Il progetto interessa circa quaranta comuni ed è sostenuto da un investimento di 68 milioni di euro…

Leggi tutto…