A Estra Clima il teleriscaldamento di Ancona

Estra si rafforza nelle Marche. Lo fa attraverso Estra Clima, la società del gruppo attiva nel settore dell’efficienza energetica e delle rinnovabili, che ha acquisito Termas, azienda proprietaria di una centrale cogenerativa abbinata a una rete di teleriscaldamento nel comune di Ancona.

L’impianto

Più nello specifico, l’impianto è dotato di una centrale con tre generatori di calore e due impianti di cogenerazione, per una potenza termica complessiva installata di 19 MW e una potenza elettrica di 3 MW. La rete di distribuzione del calore, invece, si estende per oltre 4,5 chilometri. Serve utenze pubbliche e private, fra le quali l’ospedale INRCA, la sede di Viva Servizi, quella di Ancona Ambiente, la sede di Fidel Marche, quella di Ancona Entrate, 8 condomini centralizzati e oltre 100 unità abitative. L’operazione è stata conclusa con un investimento di un milione di euro, cifra che comprende anche la spesa necessaria per l’intervento di manutenzione straordinaria dell’impianto, finalizzata a garantire nel tempo un’alta qualità del servizio di teleriscaldamento.

Il legame con il territorio

«Questa operazione è una preziosa opportunità per veicolare anche su questo importante territorio di riferimento del Gruppo le nostre competenze e il know how nella gestione degli impianti di teleriscaldamento abbinati a cogenerazione, che rappresentano senz’altro sia una modalità efficiente e sostenibile nell’uso dell’energia, sia indubbi vantaggi gestionali per il cliente», ha commentato Riccardo Matteini, direttore generale di Estra Clima.

Un’operazione che sottolinea anche la centralità del territorio delle Marche per il Gruppo. «La nuova acquisizione testimonia il nostro impegno diretto al fianco delle comunità nell’erogazione di servizi strategici per il cittadino e il legame con i comuni del territorio e con il nostro socio Viva Servizi – ha infatti sottolineato Francesco Macrì, presidente di Estra. – Con l’acquisizione di Termas, che fa seguito nell’area a quelle di Gas Marca, Gas Tronto e Piceno Gas, consolidiamo il nostro posizionamento nelle Marche e confermiamo il Gruppo nel suo ruolo di utility energetica di riferimento del Centro Italia».


Leggi anche

Approvato dal Consiglio di amministrazione, il documento al 2023 destina la maggior parte delle risorse, circa 1,9 miliardi, all’estensione, ammodernamento ed evoluzione tecnologica delle reti, con una quota significativa stanziata per il rinnovo dei misuratori. A fine quinquennio previsto un margine operativo lordo di 1,25 miliardi, in aumento di 219 milioni rispetto al 2018…

Leggi tutto…

L’impianto, che sorge nel territorio di Ferrara, passa nelle mani della multiutility e di Enel Green Power, che nel 2017, in raggruppamento temporaneo di imprese, si sono aggiudicate il bando per la coltivazione del giacimento geotermico. Un passaggio che apre nuove prospettive per lo sviluppo del teleriscaldamento cittadino, gestito da Hera, già alimentato per il 43% dall’energia pulita generata dalla centrale…

Leggi tutto…

Progettato da Brianza energia ambiente (Bea), il sistema sarà completato per la fine dell’anno e all’inizio servirà 15 utenze pubbliche, per poi procedere con l’allaccio di quelle private. Ad alimentare la rete, che sarà realizzata con un investimento di 7 milioni di euro, il calore generato dalla combustione dei rifiuti nel termovalorizzatore di Desio, sempre di proprietà di Bea…

Leggi tutto…

La multiutility del Nord della Lombardia ha perfezionato con la Banca europea per gli investimenti un prestito, a 16 anni, a sostegno del suo Piano di investimenti 2019-2023. Le risorse serviranno a sostenere progetti nei diversi campi di attività del gruppo, dall’ambiente alle reti idriche, da quelle elettriche al teleriscaldamento, dall’illuminazione pubblica all’efficienza energetica dalle smart city alla sicurezza informatica, interessando circa 900.000 abitanti…

Leggi tutto…

Il sistema, realizzato in collaborazione dalla multinazionale dell’energia Engie e il gruppo siderurgico Feralpi con un investimento di 4 milioni di euro, è entrato ufficialmente in esercizio. Ad alimentare la rete una centrale che utilizza il calore recuperato dai processi dell’acciaieria per fornire energia termica a gran parte degli edifici pubblici e ad alcune utenze private, il cui numero è in costante crescita …

Leggi tutto…