A Estra Clima il teleriscaldamento di Ancona

Estra si rafforza nelle Marche. Lo fa attraverso Estra Clima, la società del gruppo attiva nel settore dell’efficienza energetica e delle rinnovabili, che ha acquisito Termas, azienda proprietaria di una centrale cogenerativa abbinata a una rete di teleriscaldamento nel comune di Ancona.

L’impianto

Più nello specifico, l’impianto è dotato di una centrale con tre generatori di calore e due impianti di cogenerazione, per una potenza termica complessiva installata di 19 MW e una potenza elettrica di 3 MW. La rete di distribuzione del calore, invece, si estende per oltre 4,5 chilometri. Serve utenze pubbliche e private, fra le quali l’ospedale INRCA, la sede di Viva Servizi, quella di Ancona Ambiente, la sede di Fidel Marche, quella di Ancona Entrate, 8 condomini centralizzati e oltre 100 unità abitative. L’operazione è stata conclusa con un investimento di un milione di euro, cifra che comprende anche la spesa necessaria per l’intervento di manutenzione straordinaria dell’impianto, finalizzata a garantire nel tempo un’alta qualità del servizio di teleriscaldamento.

Il legame con il territorio

«Questa operazione è una preziosa opportunità per veicolare anche su questo importante territorio di riferimento del Gruppo le nostre competenze e il know how nella gestione degli impianti di teleriscaldamento abbinati a cogenerazione, che rappresentano senz’altro sia una modalità efficiente e sostenibile nell’uso dell’energia, sia indubbi vantaggi gestionali per il cliente», ha commentato Riccardo Matteini, direttore generale di Estra Clima.

Un’operazione che sottolinea anche la centralità del territorio delle Marche per il Gruppo. «La nuova acquisizione testimonia il nostro impegno diretto al fianco delle comunità nell’erogazione di servizi strategici per il cittadino e il legame con i comuni del territorio e con il nostro socio Viva Servizi – ha infatti sottolineato Francesco Macrì, presidente di Estra. – Con l’acquisizione di Termas, che fa seguito nell’area a quelle di Gas Marca, Gas Tronto e Piceno Gas, consolidiamo il nostro posizionamento nelle Marche e confermiamo il Gruppo nel suo ruolo di utility energetica di riferimento del Centro Italia».


Leggi anche

Centrale Lamarmora

La prossima stagione termica a Brescia sarà ancora più green. La multiutility ha deciso di eliminare l’utilizzo di carbone nella centrale Lamarmora, che rappresenta la seconda fonte di generazione di calore per la rete di teleriscaldamento cittadino, contribuendo al 30% del fabbisogno. Una scelta che segna una decisa accelerata sul programma di decarbonizzazione annunciato da A2A…

Leggi tutto…

Il sistema sviluppato e gestito da Hera ha appena ottenuto la certificazione Carbon Footprint rilasciata da Sgs per il suo basso impatto ambientale. Alimentato per il 90% con energia termica da fonte geotermica e con il recupero di calore del termovalorizzatore cittadino, il sistema, come rilevato da uno studio condotto da Ergo, emette solo 122 g di CO2 per ogni kWh termico immesso in rete…

Leggi tutto…

CogenInfra, attivo nel teleriscaldamento e nei servizi di efficienza energetica, entra nel capitale azionario della società che gestisce il teleriscaldamento a Tirano, Sondalo e Santa Caterina Valfurva, in provincia di Sondrio. Un’operazione che permette a Tcvvv di ampliare le sue prospettive industriali, rafforzandosi sul territorio e puntando sull’offerta di nuovi servizi…

Leggi tutto…

Alperia, l’utility energetica dell’Alto Adige, ha presentato il progetto per il nuovo impianto a servizio della rete di distribuzione del calore della cittadina della provincia di Bolzano. La centrale sarà alimentata a biomasse e sarà dotata di un generatore della potenza di 8 MW, in grado di produrre 27 GWh di energia termica ogni anno, sufficienti a scaldare circa 2500 appartamenti, evitando l’emissione in atmosfera di 5500 tonnellate di CO2 annue…

Leggi tutto…

Progettato da E.S.Co. BIM e Comuni del Chiese, la società energetica dei comuni del bacino del Chiese, il sistema è stato realizzato con un investimento di 4,9 milioni di euro. È costituito da una centrale alimentata con biomassa proveniente dai boschi che circondano il comune della provincia di Trento e da una doppia rete che si estende in totale per 5,3 chilometri…

Leggi tutto…