A T.C.V.V.V. la gestione del teleriscaldamento di Grosotto

È stata affidata a T.C.V.V.V. Teleriscaldamento Cogenerazione Valtellina Valchiavenna Valcamonica, società del Gruppo CogenInfra, la gestione del sistema di teleriscaldamento di Grosotto, piccolo centro in provincia di Sondrio.

Il sistema serve al momento 7 utenze pubbliche, tra le quali

  • Municipio
  • scuola primaria e secondaria
  • scuola materna
  • Casa di riposo G.M. Venzoli
  • edifici della Parrocchia.

A caratterizzarlo la sua natura green. La rete è infatti alimentata da una centrale a biomassa, preziosa materia prima proveniente dallo stesso territorio.

 

Un’esperienza di 25 anni nel teleriscaldamento green

Il Comune, proprietario dell’impianto, ha deciso di affidarne la gestione a T.C.V.V.V., che vanta un’esperienza di 25 anni nel settore. La società è infatti attiva nel settore energetico dal 1997 ed è proprietaria dei sistemi di riscaldamento di Tirano, Sondalo e Santa Caterina Valfurva, sempre in Valtellina. Tutti questi sistemi sono alimentati a biomassa, a dimostrazione di come il tema della sostenibilità sia da sempre nel DNA dell’azienda.

Per quanto riguarda il teleriscaldamento di Grosotto, T.C.V.V.V. si occuperà della gestione di tutti gli aspetti del sistema:

  • distribuzione del calore
  • manutenzione ordinaria e straordinaria dell’impianto di produzione, dell’intera rete e delle sottostazioni d’utenza allacciate.

 

Un gruppo forte

Nel 2020 T.C.V.V.V. è stata acquisita dal Gruppo CogenInfra, che ne ha assunto il controllo e che costituisce l’azionista di maggioranza, tra i principali operatori italiani del settore del teleriscaldamento urbano e dell’efficienza energetica. Il Gruppo ha un fatturato consolidato di oltre 90 milioni di euro e gestisce:

  • oltre 20 centrali di cogenerazione
  • 12 impianti di teleriscaldamento
  • diversi impianti di produzione fotovoltaica e biogas.

Complessivamente produce 217 GWh di calore e 245 GWh di elettricità servendo oltre 1.600 clienti.

Insomma la scelta del comune è stata di affidarsi a una realtà con una consolidata esperienza nel comparto, a sua volta parte di un gruppo tra i principali player nazionali per risparmio di CO2 e capacità di generazione green.

 

Risparmio e sostenibilità

«Questa operazione fa parte del piano di sviluppo e di investimento che CogenInfra sta attuando sul territorio per portare la tecnologia rinnovabile e il know-how del Gruppo in altri comuni della Valtellina – ha commentato Manuele Bombardieri, business development director area teleriscaldamento di CogenInfra -. In questi tempi in cui l’energia è un bene di lusso, l’attenzione al risparmio in bolletta per i nostri clienti e la riduzione delle emissioni inquinanti con lo sviluppo di tecnologie green sono i due fondamenti della nostra strategia».

 


Leggi anche

L’amministrazione comunale della cittadina ha approvato lo schema di convenzione con la società per la realizzazione del sistema di distribuzione del calore, primo passaggio dell’iter autorizzativo dell’opera. Il progetto prevede la posa di una rete dell’estensione di circa 12 chilometri, alimentata da una centrale a cogenerazione abbinata a caldaia a biomassa …

Leggi tutto…

Tecnologia e natura si fondono in The Heat Garden, il progetto architettonico per il nuovo impianto di accumulo a servizio del sistema di teleriscaldamento della città metropolitana. Una costruzione innovativa e pensata in un’ottica di sostenibilità, aperta alla città, che sorge nel quartiere di San Salvario, con oltre 11.000 piante, giardini pensili e spazi per ospitare scuole, cittadini ed eventi….

Leggi tutto…

Procedono nel piccolo centro della val di Susa i lavori per realizzare il sistema di distribuzione del calore. A occuparsi della sua realizzazione e a gestire l’impianto è Meco Sauze, società creata da Metan Alpi ed Ecotermica Servizi. Alla fine dello scorso anno sono partiti i lavori per la posa della rete che si estenderà per 8 chilometri e da poco anche quelli per la centrale termica, che prevede anche una sezione alimentata a biomasse….

Leggi tutto…

Ora c’è anche il calore di scarto di tre realtà industriali del territorio ad alimentare il sistema che distribuisce energia termica alla cittadina dell’Alto Adige. Una strategia che ASM Bressanone vuole sfruttare ulteriormente, grazie a nuovi accordi con altre realtà produttive che potrebbero tradursi in realtà nel corso dell’anno, per continuare a diversificare le fonti energetiche, puntando sempre più su quelle rinnovabili e innovative, e affrancarsi dal metano….

Leggi tutto…

Rinnovo delle reti di media tensione e delle cabine secondarie: è quanto prevede il progetto della multiutility per rendere l’infrastruttura del capoluogo piemontese più resiliente e ridurre le interruzioni di servizio causate da eventi climatici. Gli interventi, per i quali è partito il bando, saranno conclusi entro il 2026 e sono finanziati per 33,1 milioni da fondi PNRR….

Leggi tutto…