A Terna un finanziamento da 490 milioni di euro dalla Bei

Servirà a sostenere gli investimenti per migliorare l’affidabilità e la qualità della rete elettrica il finanziamento da 490 milioni di euro che Terna ha ottenuto dalla Banca europea per gli investimenti (Bei).

Per la prima volta nella storia dei rapporti fra Terna e la Banca, il finanziamento è dedicato agli “investimenti di rinnovo”: la sostituzione di asset e singoli componenti, attraverso l’adozione delle più moderne soluzioni in termini di miglior ecocompatibilità con l’ambiente ospitante.

Il prestito, caratterizzato da durata più lunga e costi più competitivi rispetto a quelli di mercato, rientra nella politica di ottimizzazione della struttura finanziaria di Terna e nei principali filoni di finanziamento della Bei nel campo energetico e ambientale. Nello specifico, l’accordo prevede l’erogazione di due tranche a tasso fisso, ognuna con durata pari a circa 22 anni. La prima con erogazione prevista a giugno 2020 per un ammontare di 147 milioni di euro a tasso fisso pari a 0,717%. La seconda, con erogazione prevista a marzo 2021 per un ammontare di 343 milioni di euro, con tasso fisso pari a 0,78%.

«Il contributo che la Banca europea per gli investimenti offre per migliorare l’affidabilità e la qualità della rete elettrica è per noi molto importante ‒ ha dichiarato Luigi Ferraris, amministratore delegato e direttore generale di Terna – L’accelerazione degli investimenti sulla rete di trasmissione nazionale, a sostegno della transizione energetica in atto nel Paese, ci consente di guardare con fiducia verso un mercato elettrico integrato sempre più sicuro, efficiente e sostenibile».

Con questa operazione salgono a 2,15 miliardi i finanziamenti complessivi in essere tra Terna e la Bei.


Leggi anche

Un ruolo significativo nella produzione del giunto saldato è svolto dalla fonte di energia: “la macchina saldatrice”. L’ energia ha due importanti funzioni: portare allo stato di fusione il polietilene di entrambi i componenti, ovvero raccordo e tubo; consentire alle catene molecolari di entrare in contatto tra loro in modo tale che, quando la fornitura di energia è terminata, possano produrre un giunto affidabile.

Leggi tutto…

Superano i 600 milioni di euro gli investimenti previsti dall’accordo di programma siglato tra le tre realtà per rendere la rete elettrica più sicura, efficiente e sostenibile. Tra i principali progetti, il nuovo collegamento tra Sicilia-Sardegna-Continente, la realizzazione di due nuovi elettrodotti nell’isola e il riassetto della rete di Palermo, Catania e Messina …

Leggi tutto…

Il progetto, incluso nella convenzione sottoscritta tra il Comune e la società, prevede la sostituzione di oltre 36.000 punti luce esistenti con nuove lampade al led, 764 punti di prelievo dell’energia elettrica, delle 753 lanterne semaforiche e dei 55 impianti di funzionamento semaforico. A questo si aggiunge l’installazione di 2000 nuovi impianti abilitati per funzioni di smart city. La durata della concessione è di nove anni per un valore di oltre 32 milioni di euro…

Leggi tutto…

La società francese si è aggiudicata la gara, pubblicata lo scorso ottobre, per la gestione e il rinnovo del servizio di illuminazione pubblica nella città toscana. Il bando del Comune prevedeva la concessione del servizio per 10 anni e il rinnovo di ben 6300 punti luce, per un importo base di oltre 7,3 milioni di euro …

Leggi tutto…

L’intervento ha visto la posa di 5,5 km di linea interrata e il rinnovo di un tratto di rete aerea dell’estensione di un chilometro ed è stato realizzato con un investimento di un milione di euro. Rientra nelle opere del Progetto Resilienza che la società porta avanti in Toscana per rendere il sistema elettrico più resistente, automatizzato ed efficiente…

Leggi tutto…