A2A Ciclo Idrico mette 65 milioni per le reti di Calvisano


È un maxi piano di interventi quello programmato da A2A Ciclo Idrico nel comune di Calvisano, provincia di Brescia, per la realizzazione di acquedotto, rete fognaria e depuratore. Piano che verrà portato avanti con un investimento di 65 milioni di euro in un arco temporale di 5 anni, con i primi cantieri che prenderanno il via a fine novembre nelle frazioni di Malpaga, Viadana e Mezzane.
Un progetto imponente suddiviso in sei lotti, per tre dei quali è già pronta la progettazione esecutiva, che riguardano la costruzione dell’acquedotto in ghisa, caratterizzato da 45 chilometri di condutture, e della rete fognaria che si snoderà per 38 chilometri nel territorio calvisanese. Nel 2020, invece, inizieranno i lavori per la costruzione dei depuratori: uno a servizio del paese e delle frazioni di Viadana e Malpaga, l’altro esclusivamente per la frazione Mezzane.
Programmate per il prossimo anno, l’avvio delle opere è stato anticipato, grazie all’accelerazione nella concessione dei permessi, alle decisioni dell’Aato, che ha destinato buona parte dei propri investimenti a Calvisano, e ad A2A, che ha investito il 10% delle proprie in questo piano. I lavori vedranno anche la realizzazione di servizi di smart city applicati alla rete idrica: oltre al telecontrollo dell’infrastruttura, le utenze saranno dotate anche di misuratori smart che consentiranno di comunicare i dati aggiornati dei contatori tramite un protocollo di radio frequenza.


Leggi anche

Il gestore idrico delle province di Massa-Carrara, Lucca e Pistoia ha chiuso il contratto di finanziamento che porterà nelle sue casse le risorse necessarie per realizzare il Piano di interventi al 2022, che comprende lavori per 112 milioni sulle reti acquedottistiche e fognarie e sui depuratori. All’operazione, oltre alle 7 banche che si sono aggiudicate il bando, partecipano anche la Bei e Cassa depositi e prestiti…

Leggi tutto…

Un’opera imponente che prevede la realizzazione di oltre 600 km di fognature per raccogliere e convogliare al depuratore i reflui della cittadina Misterbianco e di altri 10 comuni del catanese. Fondamentale per porre fine alla procedura di infrazione europea, la progettazione dell’infrastruttura ha un costo di 4 milioni di euro, mentre la realizzazione della rete e l’adeguamento del depuratore richiederà un investimento complessivo di 200 milioni …

Leggi tutto…

Lo stanziamento, approvato dalla Giunta, riguarda interventi sul territorio destinati a sanare la posizione dei comuni sotto procedura di infrazione comunitaria e, più in generale, a migliorare il sistema idrico regionale. Tra le principali opere finanziate, il collettamento della Valle Serina (500.000 euro), in provincia di Bergamo, e la vasca volano sfioratore del collettore a Monza (600.000 euro) …

Leggi tutto…

Un mega progetto dal costo di 67 milioni di euro. È quello che porterà avanti nei prossimi quattro anni l’azienda nel comune bresciano, per realizzare le infrastrutture idriche del tutto assenti: una rete acquedottistica, un collettore fognario e un impianto di depurazione con una capacità di trattamento pari a 13.000 abitanti equivalenti. A oggi il fabbisogno idrico è assicurato da oltre 3000 pozzi privati…

Leggi tutto…

Presentarsi insieme sotto un’unica insegna, quella della rete d’impresa IWS – Integrated Watercare Solutions, è stata la scelta di B. M. Tecnologie Industriali srl, 2f Water Venture, ETC srl, ID&A srl, Idrostudi srl e TAE srl, che compongono la rete, in riferimento alla partecipazione ad Accadueo 2018 (Bologna, 17-19 Ottobre), uno degli appuntamenti più importanti dell’anno per il mercato italiano delle water utilities….

Leggi tutto…