A2A Ciclo Idrico mette in esercizio il nuovo depuratore di Gavardo

Gavardo, Villanuova sul Clisi e Vallio Terme escono dall’infrazione europea. I tre comuni della provincia di Brescia possono beneficiare ora di un nuovo impianto di depurazione e di un sistema di collettamento dei reflui che ne ha sanato la posizione. Un insieme di opere realizzate da A2A ciclo Idrico che ha proprio nel nuovo depuratore di Gavardo il suo centro.

L’impianto è stato realizzato a sud del centro abitato sulla sponda sinistra del fiume Chiese e ha una capacità di trattamento complessivo di 36.000 abitanti equivalenti. Una capacità dimensionata per supportare, con adeguati margini, lo sviluppo demografico della zona servita con proiezione al 2045. La sua entrata in funzione ha permesso di dismettere due depuratori, ormai obsoleti, a servizio di Gavardo e nei quali già confluivano i reflui di Vallio Terme e di Villanuova sul Clisi.
 

Dismessi due vecchi depuratori

Costruiti negli anni Settanta ai margini del paese, questi impianti con il passare degli anni e lo sviluppo demografico e urbanistico del territorio sono stati via via inglobati nel centro abitato. Soprattutto non erano più idonei a soddisfare i livelli depurativi necessari. Avevano infatti una capacità di trattamento di 10.000 abitanti a fronte di un bacino che ne conta oltre 12.000. Da qui l’avvio della procedura di infrazione comunitaria, ora risolta con la realizzazione delle nuove opere.
 

Un impianto perfettamente inserito nell’ambiente

L’impianto è stato realizzato con una cura particolare all’inserimento e all’armonizzazione ambientale. Il locale tecnico, che contiene tutte le apparecchiature elettromeccaniche, è stato inserito nella collina retrostante con il minor impatto paesistico possibile. L’edificio è inoltre rivestito con del materiale simil-legno per limitarne l’impatto visivo. Tutti i locali tecnici sono dotati di un sistema di aspirazione dell’aria, che viene poi trattata in appositi bio-filtri, in modo da evitare fuoriuscite di odori molesti.
 

Due linee di trattamento

Il sistema di depurazione è costituito da due linee parallele di trattamento completamente autonome e intercambiabili, su tre livelli di quota in modo da minimizzarne l’impatto ambientale e seguire il declivio della collina. Le linee di trattamento comprendono:

  • grigliatura grossolana
  • pompe di sollevamento
  • grigliatura fine (al chiuso)
  • dissabbiatura e disoleatura (in locale chiuso)
  • vasche di ossidazione e denitrificazione
  • vasche di sedimentazione
  • linea di trattamento fanghi (in locale chiuso)
  • filtrazione finale terziaria su tela
  • disinfezione a raggi ultravioletti
  • trattamento aria dei locali chiusi con biofiltro

 

I nuovi collettori

Insieme alla costruzione dell’impianto, il gestore ha provveduto anche alla realizzazione dei collettori per trasporto dei reflui fognari dall’impianto di Villanuova sul Clisi, dove già erano collettati i reflui di Vallio Terme, al nuovo depuratore intercomunale. I collettori si sviluppano per una lunghezza complessiva di circa 4 chilometri e la loro posa ha richiesto 18 mesi di lavoro.

Notevole l’investimento per la realizzazione delle opere che in totale è stato pari a 17,2 milioni di euro, dei quali 5 milioni per lo sviluppo delle reti e 12,2 per il depuratore. Investimento per 16,8 sostenuto da A2A Ciclo Idrico e per la parte restante finanziata da ATO e Regione Lombardia.

 


Leggi anche

AqA dal primo aprile di quest’anno è il nuovo gestore del servizio idrico integrato di oltre 300mila abitanti in 40 comuni della provincia di Mantova. La Società del Gruppo Tea nasce dalla fusione di Tea Acque e AqA Mantova. È un progetto che parte da lontano in cui la fusione tra le due anime idriche di Tea ha l’obiettivo di ottimizzare l’organizzazione del servizio in sé, ma anche di compiere un lungo passo in avanti nella direzione del gestore unico provinciale, di cui AqA è società veicolo come definito dagli enti competenti….

Leggi tutto…

Sarà realizzato con la tecnologia del microtunnelling il primo tratto del nuovo collettore fognario che il gestore realizzerà nella città e che consentirà di collegare un pezzo del centro storico ancora privo del servizio fognario al depuratore. La prima parte dei lavori prevede la posa di 500 metri di condotte, per una spesa di 2,5 milioni di euro…

Leggi tutto…

Il gestore idrico lucano, dopo aver concluso all’inizio dell’anno l’ammodernamento dell’impianto Pantano, ha dato il via al potenziamento del secondo impianto a servizio della città dei Sassi, che sorge in località Sarra. Il depuratore sarà dotato di impianto a ossidazione biologica e sarà adeguata sia la linea acque sia quella fanghi e la sua capacità portata a 27.500 abitanti. L’investimento per le opere è di 2,5 milioni di euro…

Leggi tutto…

L’intervento di abbattimento è l’atto simbolico che dà il via alla transizione ecologica del vecchio impianto, che verrà sostituito da quello totalmente carbon neutral e di nuova concezione che entrerà in funzione nella primavera del 2023. L’intera operazione è stata realizzata da Gruppo CAP, gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano e da ZEROC, la nuova società che gestirà le attività della Biopiattaforma…

Leggi tutto…

Il progetto prevede interventi sia di estensione della rete fognaria sia di potenziamento del depuratore, per una spesa complessiva di 15 milioni di euro. Nel primo caso, verranno posati oltre 10 chilometri di nuove condotte in diverse aree della cittadina e saranno eliminati 11 scarichi diretti in ambiente. L’impianto di depurazione sarà ammodernato e potenziato, portandone la capacità di trattamento a 33.000 abitanti dagli attuali 25.000…

Leggi tutto…