A2a Ciclo idrico realizzerà rete idrica e depuratore a Calvisano


Calvisano, comune della provincia di Brescia, è ancora privo di una rete acquedottistica. Una situazione che sarà sanata a breve: nei prossimi quattro anni il paese sarà infatti dotato di una rete di distribuzione dell’acqua, di sistema di collettamento fognario e di impianto di depurazione dei reflui. A realizzare le opere, previste dall’Autorità d’Ambito nel suo piano d’investimenti, sarà A2a Ciclo idrico.
Un mega intervento da 67 milioni di euro, che servirà a garantire la potabilità e il controllo dell’acqua pubblica, ma anche a evitare le multe dell’Unione europea per la mancata depurazione, problema in provincia di Brescia all’ordine del giorno, considerando che sono 65 le infrazioni sul territorio, per potenziali sanzioni per oltre 360 milioni di euro.
Acqua potabile che i circa 8600 abitanti comune attingono da dai circa 3.000 pozzi privati presenti sul territorio, in pratica uno per casa, pescando da falde a varie profondità, a 1,5 metri dal piano campagna la prima, tra 7 e 12 metri un’altra, o a profondità maggiori, a oltre 40 metri.
E la superficialità della prima falda era stata imputata come una delle possibili cause dell’epidemia di polmonite, causata dal batterio della legionella, che sta affliggendo la parte orientale della provincia bresciana, a sua volta infettata dal fiume Chiese, che bagna la frazione di Mezzane, la località con più casi di polmoniti. Ipotesi però esclusa dalle analisi che non hanno riscontrato nessun problema nelle falde e nei pozzi.
Allerta che comunque ha contribuito a dare impulso alla realizzazione delle indispensabili opere. La costruzione di un acquedotto, con un pozzo a grande profondità, metterà al sicuro in futuro gli abitanti da ogni possibile problema legato al batterio, ma anche a proteggerli da altre forme di inquinamento, a partire da quello da nitrati, effetto della fertirrigazione dei campi, per arrivare a quello da fitofarmaci.
Così come fondamentale, per il benessere di tutti, sarà la realizzazione dell’impianto di depurazione. Opera che il comune di Calvisano attende da anni: in origine i reflui dovevano essere convogliati nel grande depuratore in costruzione nel vicino comune di Visano, opera però ferma da 16 anni. Da qui la decisione di procedere con un impianto autonomo che sarà realizzato nel territorio comunale e che avrà una capacità di trattamento di 13.000 abitanti equivalenti.


Leggi anche

Il grande piano di interventi prevede la realizzazione dell’acquedotto, con la posa di 45 chilometri di condotte, delle reti fognarie, dell’estensione di 38 chilometri, e di due depuratori a servizio del comune bresciano e delle sue frazioni. I lavori, suddivisi in sei lotti, prenderanno il via a fine novembre e proseguiranno per 5 anni…

Leggi tutto…

Anche quest’anno Gruppo CAP sarà presente a Ecomondo, per presentare i progetti e le sperimentazioni più recenti e per rendere trasparenti e tangibili i risultati che si possono raggiungere in termini di innovazione per la tutela dell’ambiente. Alla fiera leader della circular e green economy, lo stand di Gruppo CAP è nel padiglione D1 – Global Water Expo – corsia 2, stand 34

Leggi tutto…

Inserito nel sistema del trattamento dei reflui a servizio della città di Brescia e di alcuni paesi della sua provincia, l’impianto, costruito con un investimento di 700.000 euro, è alimentato con biogas generato dal processo di depurazione. Produce energia elettrica e termica da utilizzare nello stesso processo, garantendo un risparmio sui consumi ed evitando l’emissione di 850 t di CO2 annue …

Leggi tutto…

Il gestore idrico delle province di Massa-Carrara, Lucca e Pistoia ha chiuso il contratto di finanziamento che porterà nelle sue casse le risorse necessarie per realizzare il Piano di interventi al 2022, che comprende lavori per 112 milioni sulle reti acquedottistiche e fognarie e sui depuratori. All’operazione, oltre alle 7 banche che si sono aggiudicate il bando, partecipano anche la Bei e Cassa depositi e prestiti…

Leggi tutto…

Un’opera imponente che prevede la realizzazione di oltre 600 km di fognature per raccogliere e convogliare al depuratore i reflui della cittadina Misterbianco e di altri 10 comuni del catanese. Fondamentale per porre fine alla procedura di infrazione europea, la progettazione dell’infrastruttura ha un costo di 4 milioni di euro, mentre la realizzazione della rete e l’adeguamento del depuratore richiederà un investimento complessivo di 200 milioni …

Leggi tutto…