A2A e Ardian insieme per lo sviluppo dell’idrogeno verde

È l’idrogeno il cuore della collaborazione tra A2A e Ardian, tra le principali società private di investimenti del mondo, che vanta asset per 100 miliardi di dollari. Le due realtà hanno infatti siglato un memorandum of understanding per una cooperazione relativa allo sviluppo dell’utilizzo dell’idrogeno verde, ovvero quello prodotto dall’elettrolisi dell’acqua utilizzando in tale processo energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili.

Gli obiettivi comuni 

Attraverso questo accordo A2A e Ardian condivideranno obiettivi comuni. Innanzitutto selezionare i siti più adatti dove sia più conveniente un’integrazione tra impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili esistenti o pianificate e unità di produzione di idrogeno. Saranno così valutate diverse configurazioni di impianto per un utilizzo importante del vettore verde. Lo scopo è arrivare a individuare un impianto pilota vero e proprio che entrambe le parti potranno decidere di sviluppare nella successiva fase della partnership.

Il nuovo passaggio nelle politiche green 

Quella di A2A e Ardian è una collaborazione che, dunque, segna un nuovo passaggio nelle politiche green delle due società.

Per A2A la nuova collaborazione è infatti un’occasione importante per studiare le potenzialità dell’idrogeno verde e sviluppare modelli di business che coniughino la sostenibilità ambientale della produzione rinnovabile con le imprescindibili caratteristiche di flessibilità e programmabilità. Tali caratteristiche sono necessarie al funzionamento ottimale della rete elettrica nazionale. Un altro tassello strategico per favorire il processo di decarbonizzazione dei consumi nel quale la multiutility lombarda è impegnata.

Per Ardian rappresenta invece una grande opportunità per consolidare la sua strategia nel settore. Un’occasione anche per promuovere l’integrazione tra la produzione di idrogeno verde e le energie rinnovabili. Una strategia che l’azienda potrebbe rafforzare specialmente nel Sud Italia dove è presente dal 2007 con diversi parchi eolici. Questa opportunità si inscrive nell’ambizioso progetto della società, ovvero diventare investitore di riferimento nell’idrogeno verde.

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale
di Servizi a Rete per essere il primo a conoscere le attività


Leggi anche

La società del Gruppo Italgas ha completato la conversione della rete a servizio del comune sassarese, prima alimentata a GPL, e messo in esercizio un deposito criogenico di gas naturale liquefatto che la alimenta. L’operazione segue a quelle già realizzate a Putifigari, Berchidda e Ittireddu. A breve saranno completate anche le conversioni delle reti di Urzulei e, entro fine aprile, di Perdasdefogu, Usini, Uri e Ozieri…

Leggi tutto…

È quanto prevede il nuovo piano industriale 2021-2030 Life is our Duty, focalizzato sull’economia circolare e sulla transizione energetica, con investimenti, rispettivamente, per 6 e 10 miliardi di euro, per contribuire al conseguimento degli obiettivi di sostenibilità dell’ONU e al rilancio economico del Paese. Tra i target, ridurre del 20% delle perdite idriche, portare la capacità installata di rinnovabili a 5,7 GW, e recuperare ulteriori 4,4 milioni di tonnellate di rifiuti …

Leggi tutto…

Sperimentare e realizzare soluzioni in diversi ambiti d’azione per la decarbonizzazione del territorio emiliano-romagnolo è l’obiettivo della collaborazione, incentrata sull’idrogeno, annunciata dalle due realtà. Tra i progetti in cantiere: l’applicazione della tecnologia power-to gas al depuratore di Bologna e ai termovalorizzatori di Hera e l’immissione di una miscela di gas naturale e idrogeno in una porzione della rete di Modena…

Leggi tutto…

Dopo i tre cantieri partiti lo scorso anno, la società del Gruppo Hera che si occupa della distribuzione gas ed elettricità, ha avviato due nuovi interventi che porteranno alla sostituzione di 1,9 chilometri di condotte. I lavori fanno parte del piano di rinnovo delle tubazioni obsolete siglato con Unica Rete, la società dei 30 comuni della provincia di Forlì-Cesena proprietaria delle infrastrutture gas e idriche, e che interesserà, solo a Forlì,120 chilometri di rete…

Leggi tutto…

Le nuove infrastrutture sono al servizio di otto comuni nei bacini 26, 27, 35 e 37 nei quali è stata suddivisa l’isola. Inizialmente saranno alimentate attraverso carri cisterna, in attesa dell’installazione dei depositi criogenici di GNL che garantiranno continuità e massima flessibilità nell’approvvigionamento. Native digitali, le infrastrutture gas in futuro potranno accogliere anche gas rinnovabili …

Leggi tutto…