A2A e Ardian insieme per lo sviluppo dell’idrogeno verde

È l’idrogeno il cuore della collaborazione tra A2A e Ardian, tra le principali società private di investimenti del mondo, che vanta asset per 100 miliardi di dollari. Le due realtà hanno infatti siglato un memorandum of understanding per una cooperazione relativa allo sviluppo dell’utilizzo dell’idrogeno verde, ovvero quello prodotto dall’elettrolisi dell’acqua utilizzando in tale processo energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili.

Gli obiettivi comuni 

Attraverso questo accordo A2A e Ardian condivideranno obiettivi comuni. Innanzitutto selezionare i siti più adatti dove sia più conveniente un’integrazione tra impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili esistenti o pianificate e unità di produzione di idrogeno. Saranno così valutate diverse configurazioni di impianto per un utilizzo importante del vettore verde. Lo scopo è arrivare a individuare un impianto pilota vero e proprio che entrambe le parti potranno decidere di sviluppare nella successiva fase della partnership.

Il nuovo passaggio nelle politiche green 

Quella di A2A e Ardian è una collaborazione che, dunque, segna un nuovo passaggio nelle politiche green delle due società.

Per A2A la nuova collaborazione è infatti un’occasione importante per studiare le potenzialità dell’idrogeno verde e sviluppare modelli di business che coniughino la sostenibilità ambientale della produzione rinnovabile con le imprescindibili caratteristiche di flessibilità e programmabilità. Tali caratteristiche sono necessarie al funzionamento ottimale della rete elettrica nazionale. Un altro tassello strategico per favorire il processo di decarbonizzazione dei consumi nel quale la multiutility lombarda è impegnata.

Per Ardian rappresenta invece una grande opportunità per consolidare la sua strategia nel settore. Un’occasione anche per promuovere l’integrazione tra la produzione di idrogeno verde e le energie rinnovabili. Una strategia che l’azienda potrebbe rafforzare specialmente nel Sud Italia dove è presente dal 2007 con diversi parchi eolici. Questa opportunità si inscrive nell’ambizioso progetto della società, ovvero diventare investitore di riferimento nell’idrogeno verde.

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale
di Servizi a Rete per essere il primo a conoscere le attività


Leggi anche

protezione

Quanto è importante la protezione meccanica delle tubazioni? Soprattutto in condizioni estreme, come quelle che si verificano durante gli attraversamenti trenchless, diventa una priorità inderogabile garantire alla tubazione una protezione che ne preservi la sua integrità nel tempo. In questo tipo di posa, infatti, le condotte sono suscettibili a graffi e abrasioni che possono comprometterne la protezione anticorrosiva. È anche necessario che la protezione meccanica aderisca perfettamente così da evitare che gli sforzi subiti possano staccarla dal tubo….

Leggi tutto…

Presentato il nuovo piano 2020-2026 che prevede una crescita degli investimenti di ben 1,1 miliardi rispetto al documento precedente. 2 miliardi saranno destinati alle gare gas e oltre 3 miliardi all’ammodernamento delle infrastrutture. Altri punti strategici saranno l’innovazione e la digitalizzazione delle reti, con 1,1 miliardi dedicati, e la crescita in settori quali l’efficienza energetica e il servizio idrico….

Leggi tutto…

Raggiunta l’intesa con l’amministrazione del Comune per portare la rete del metano nelle aree della cittadina in provincia di Arezzo che ancora ne sono prive. Le opere, sostenute da un investimento di circa 5,3 milioni di euro, prenderanno il via il prossimo anno e si svilupperanno in un arco temporale di cinque anni. La prima ad essere metanizzata sarà la frazione di Pietraia….

Leggi tutto…

Risultati molto positivi emergono dal bilancio relativo al 2019 appena approvato dal consiglio di amministrazione della società che gestisce la distribuzione gas nella città siciliana. Gli utili salgono a 2,5 milioni di euro, in crescita del 32% rispetto al 2018, mentre il fatturato supera i 9 milioni di euro. In su anche gli investimenti, pari a oltre 9 milioni negli ultimi tre anni….

Leggi tutto…

Sarà completato nel 2022 l’impianto di biodigestione che consentirà ad Alia Servizi Ambientali, che gestisce i servizi di igiene ambientale nell’ATO Toscana Centro, di produrre biometano dalla frazione organica dei rifiuti. L’impianto, che sarà il più grande d’Italia con questa tecnologia, sarà realizzato con un investimento di 30 milioni e permetterà di ottenere 11 milioni di metri cubi di gas green all’anno, attraverso il trattamento di 160.000 tonnellate di rifiuti organici….

Leggi tutto…