A2A punta all’espansione del teleriscaldamento a Bergamo

Potenziare il servizio di teleriscaldamento a Bergamo. Con questo obiettivo A2A Calore e Servizi, la società che gestisce il sistema di distribuzione del calore nella città lombarda, ha siglato un accordo con Rea Dalmine per incrementare la quota di energia termica a disposizione.

Il progetto

Le due società hanno pianificato la conversione cogenerativa dell’impianto di termovalorizzazione di Rea Dalmine, di proprietà di Greenthesis Group, e la connessione alla rete cittadina presso il termovalorizzatore di via Goltara, con la realizzazione di un secondo stadio di pompaggio per permettere di gestire la portata crescente in rete e la massimizzazione del volume di accumulo. Un progetto che garantirà un incremento del 50% del calore disponibile in rete, che significherebbe un aumento in 5 anni di 2,6 milioni di metri cubi.

Per connettere l’impianto di Rea sarà inoltre necessario realizzare una dorsale di trasporto del calore per una lunghezza superiore ai 5 km in doppia tubazione, che attraverserà oltre che la città di Bergamo anche i comuni di Dalmine e Lallio.

Mentre per gestire la portata di rete prevista con la nuova connessione sarà realizzato un nuovo stadio di pompaggio presso l’impianto di via Goltara e un nuovo accumulatore di calore da 5000m3.

Nuove zone servite e vantaggi ambientali per il territorio

In questo modo sarà possibile allacciare alla rete ulteriori zone della città, come i quartieri di Colognola, Malpensata e San Tomaso, la zona dello stadio e di via Corridoni.

«Nel programma della nostra amministrazione abbiamo chiaramente fatto riferimento alla volontà di incrementare del 50% il teleriscaldamento in città – ha commentato l’assessore alla Pianificazione territoriale e mobilità del Comune di Bergamo, Stefano Zenoni -. Obiettivo che possiamo realizzare grazie a questo importante progetto realizzato con risorse già presenti sul territorio, in modo da avere un sistema sempre più integrato».

Importanti i vantaggi in termini ambientali garantiti dal progetto. L’attuale sistema teleriscalda una volumetria di 7 milioni di metri cubi, circa 200.000 in più rispetto al 2017, evitando 19.400 tonnellate di CO2 immesse in atmosfera ogni anno, alle quali se ne aggiungerebbero altre 14.500 tonnellate, grazie alla nuova connessione.


Leggi anche

I capitali raccolti, concessi da un pool di banche, saranno utilizzati per sostenere le attività nel campo del teleriscaldamento delle varie società di scopo che fanno parte di TlrNet, società controllata da Egea e dal fondo britannico iCon Infrastructure. Buona parte delle risorse è destinata al progetto del sistema di Alessandria, portato avanti da Telenergia, partecipata da Egea e dalla multiutility alessandrina Amag….

Leggi tutto…

Iren

Iren Energia ha concluso l’acquisizione del ramo d’azienda di Sei Energia che riguarda i sistemi di teleriscaldamento di Collegno, Rivoli e del 49% del capitale azionario di Nove, che gestisce il servizio a Grugliasco. Un’operazione strategica, del valore di 24,4 milioni di euro, che consentirà alla società di estendere la rete integrandola con quella già esistente a servizio dell’area della Città metropolitana di Torino …

Leggi tutto…

Centrale Lamarmora

La prossima stagione termica a Brescia sarà ancora più green. La multiutility ha deciso di eliminare l’utilizzo di carbone nella centrale Lamarmora, che rappresenta la seconda fonte di generazione di calore per la rete di teleriscaldamento cittadino, contribuendo al 30% del fabbisogno. Una scelta che segna una decisa accelerata sul programma di decarbonizzazione annunciato da A2A…

Leggi tutto…

Il sistema sviluppato e gestito da Hera ha appena ottenuto la certificazione Carbon Footprint rilasciata da Sgs per il suo basso impatto ambientale. Alimentato per il 90% con energia termica da fonte geotermica e con il recupero di calore del termovalorizzatore cittadino, il sistema, come rilevato da uno studio condotto da Ergo, emette solo 122 g di CO2 per ogni kWh termico immesso in rete…

Leggi tutto…

CogenInfra, attivo nel teleriscaldamento e nei servizi di efficienza energetica, entra nel capitale azionario della società che gestisce il teleriscaldamento a Tirano, Sondalo e Santa Caterina Valfurva, in provincia di Sondrio. Un’operazione che permette a Tcvvv di ampliare le sue prospettive industriali, rafforzandosi sul territorio e puntando sull’offerta di nuovi servizi…

Leggi tutto…