Abbanoa avvia il piano “reti intelligenti” in Gallura


Il piano Reti intelligenti di Abbanoa, il programma che ha come obiettivo la riduzione delle perdite idriche, approda in Gallura. Coinvolti nel progetto, in questa prima fase, cinque comuni della regione nordorientale della Sardegna: Olbia, Tempio Pausania, Arzachena, La Maddalena e Santa Teresa.
Una sfida epocale quella della riduzione delle perdite idriche che il gestore unico del ciclo idrico nell’isola gradualmente estenderà a tutto il territorio, partendo dalle reti che presentano più elevati livelli di dispersione. Una sfida che la società sta affrontando con un approccio innovativo, il cosiddetto Progetto Oliena, perché sperimentato nel 2016 proprio nel comune in provincia di Nuoro, dove ha portato all’abbattimento di oltre il 50% delle perdite.
Buona pratica che consiste nel concentrare gli sforzi per rendere intelligenti le reti esistenti agendo sulle cause che generano le dispersioni, attraverso il connubio tra l’adozione di semplici pratiche di regolazione/gestione e tecnologie e strumenti evoluti, anche innovativi. Il processo di ingegnerizzazione si svolge a partire da un’indagine sulla rete ammalorata con l’installazione di misuratori portatili per l’esecuzione di prove idrauliche diurne e notturne e con ispezioni mirate per la localizzazione delle perdite. A tale fase segue la diagnosi, ovvero la definizione delle criticità e delle cause di malfunzionamento della rete, con successivi rilasci di prescrizioni sempre più evolute e dettagliate per le soluzioni tecniche ottimali da adottare, tra le svariate combinazioni possibili, in modo da efficientare l’infrastruttura dal punto di vista idraulico, energetico e gestionale. Gli interventi gestionali e strutturali, tipicamente di natura speditiva, si inseriscono in questo processo sempre continuativamente e progressivamente.
Una buona pratica nell’ambito della gestione attiva delle reti, riconosciuta a livello internazionale, che la società ha ulteriormente testato a Dorgali e Orosei, sempre nel nuorese e con ottimi risultati, in modo da standardizzarla e renderla applicabile ad altre situazioni.
Progetto del quale Abbanoa ha avviato la fase operativa, partendo da 30 comuni tra i quali i cinque centri della Gallura, che presentano le situazioni più gravi. E molto grave è lo stato delle infrastrutture dei cinque comuni della Gallura, dove il progetto verrà sviluppato nei prossimi 14 mesi, che contano nel complesso quasi 300 chilometri di reti idriche, al servizio di 45.000 utenze, dove l’incidenza delle perdite supera il 61%.


Leggi anche

Esempio di best practice quanto sta avvenendo nel piccolo comune in provincia di Varese, dove l’amministrazione ha riscoperto e sta riqualificando un vecchio bacino idrico, e il suo sistema di reti, abbandonato almeno dagli anni Cinquanta, che con le sue sorgenti può fornire acqua di qualità per integrare quella ora disponibile. Il tutto con una spesa di soli 90.000 euro. …

Leggi tutto…

Conclusi i lavori, per un valore di 2,2 milioni di euro, del secondo lotto del progetto La Vettola-San Piero, avviato dal gestore idrico del Basso Valdarno per dotare le due frazioni di una rete fognaria e garantire il collettamento di tutti i reflui fognari provenienti dalla zona sud-est della città verso il sistema depurativo…

Leggi tutto…

Prenderà via a metà febbraio l’intervento di manutenzione straordinaria dell’infrastruttura che si estende per 2,5 km e convoglia i reflui al depuratore di Monza. L’opera, resasi necessaria per il deterioramento delle condotte, in esercizio da oltre 90 anni, sarà effettuata con la tecnica del relining interno, con una spesa di 3 milioni di euro…

Leggi tutto…

La società del gruppo Iren che gestisce il servizio idrico nella città ligure e nei comuni della sua provincia ha presentato il programma di interventi finalizzato a tutelare la qualità delle acque del golfo e le zone di prelievo dell’acqua potabile. L’investimento previsto è in totale di 13 milioni di euro, destinati in gran parte alla realizzazione delle reti fognari nelle aree collinari e al potenziamento dell’acquedotto…

Leggi tutto…

Tra gli investimenti strategici si annoverano anche quelli finalizzati all’adozione di sistemi tecnologici aderenti alla filosofia della Industry 4.0 e alla realizzazione dell’efficienza idraulica ed energetica del sistema isolano, molto complesso, articolato nei 24.000 kmq dell’intera regione. Costituisce linea prioritaria di intervento anche la realizzazione di alcuni interventi sperimentali in materia di trattamento di rifiuti urbani (umido domestico) nel processo di depurazione per la produzione di biogas e la gestione dei fanghi con riuso in agricoltura….

Leggi tutto…