Abbanoa avvia l’ingegnerizzazione della rete di Bosa

Partiti a Bosa gli interventi di Abbanoa per l’ingegnerizzazione della rete di distribuzione idrica, interventi finalizzati a ridurre le perdite di acqua dall’infrastruttura.

Il comune in provincia di Oristano, rientra infatti nella lista dei primi trenta interessati dal piano reti intelligenti del gestore idrico sardo. Il gestore punta ad abbattere la dispersione della preziosa risorsa distribuita attraverso l’ingegnerizzazione delle infrastrutture, con l’installazione di apparecchiature all’avanguardia, valvole di sezione e di controllo di portate e pressioni.

La distrettualizzazione delle reti

Il piano prevede l’installazione di valvole di intercettazione in alcuni snodi principali della rete cittadina. In questo modo gli oltre 40 chilometri di reti a servizio della cittadina saranno divisi in quattro distretti idraulici. Ogni distretto avrà una propria regolazione in base alle reali esigenze. Non solo: in caso di guasti, la distrettualizzazione permetterà di isolare la sola zona interessata e, quindi, ai tecnici dell’azienda di intervenire specificatamente per risolvere il problema senza creare disservizi nel resto del centro abitato.

I tratti di rete più critici

Lo studio effettuato dai tecnici di Abbanoa sull’infrastruttura ha inoltre consentito anche di individuare i tratti di rete più critici e di mettere a punto un programma di interventi ad hoc. La società ha condiviso gli interventi con Comune e Regione durante il vertice in Municipio a fine dello scorso mese di settembre. Programma di interventi che prevede la sostituzione di circa il 70% delle tubazioni presenti, con un investimento di 3,4 milioni di euro. Ulteriori interventi riguarderanno i serbatoi di Castello e Pian’e Murtas, toccando anche il sistema fognario.

Il rifacimento dell’acquedotto Temo, il nuovo depuratore e i collettori fognari della costa

Sempre nel territorio di Bosa, negli ultimi anni, Abbanoa ha realizzato importanti investimenti che hanno riguardato in modo particolare la principale criticità del servizio: il rifacimento dell’acquedotto Temo. La società ha completato i lavori che hanno consentito di sostituire integralmente 8 chilometri da Bosa Centro fino alla diga di Monte Crispu. Inoltre la società ha risanato, tramite la tecnica senza scavo del relining, gli ulteriori 6 chilometri dalla diga fino al partitore di Barrasumene. Altro fronte degli investimenti in atto riguarda il nuovo depuratore e i collettori fognari della costa, per i quali i lavori sono stati già appaltati.


Leggi anche

Raggiunta l’intesa con l’amministrazione del Comune per portare la rete del metano nelle aree della cittadina in provincia di Arezzo che ancora ne sono prive. Le opere, sostenute da un investimento di circa 5,3 milioni di euro, prenderanno il via il prossimo anno e si svilupperanno in un arco temporale di cinque anni. La prima ad essere metanizzata sarà la frazione di Pietraia….

Leggi tutto…

L’operazione, che ha coinvolto 6 gestori consorziati, contribuirà a finanziare investimenti per 700 milioni di euro nei prossimi 4 anni nelle infrastrutture del Servizio Idrico Veneto. A sottoscrivere le nuove obbligazioni la BEI con 124 milioni di euro, Cassa Depositi e Prestiti con 30 milioni, Kommunalkredit Austria con 74 milioni, e altri investitori di mercato per i restanti 20 milioni. …

Leggi tutto…

Dopo una fase pilota, limitata lo scorso anno ad alcune strade, il progetto Aquarius per la ricerca delle dispersioni si estende a tutta la città. Già installati 170 sensori che monitorano le reti rilevando il rumore di eventuali fuoriuscite di acqua, così da individuare le tubazioni ammalorate. Un’attività che nel prossimo quinquennio toccherà 1700 km di tubazioni di Brescia e di alcuni comuni della sua provincia….

Leggi tutto…

Realizzato e gestito da ENGIE, il sistema serve 12.400 abitanti, pari al 70% della popolazione totale, attraverso una rete che si estende per 13,5 chilometri, alimentata da una centrale di cogenerazione dalla potenza termica di 28 MW. Notevoli i vantaggi ambientali garantiti dal sistema che permette di evitare ogni anno l’emissione in atmosfera di 4.800 tonnellate di anidride carbonica….

Leggi tutto…

Messo a punto da Rivieracqua con il commissario all’ATO idrico del Ponente, il piano prevede otto lotti di lavori e sarà realizzato con un finanziamento di 29 milioni di euro. Obiettivo è risolvere la crisi idrica che da anni attanaglia il Golfo del Dianese, dovuta alla vetustà dell’acquedotto del Roia. I primi due lotti, da 6,8 milioni, con la posa delle nuove condotte del Roia 1 tra Imperia e Cervo, potrebbero partire all’inizio del prossimo anno….

Leggi tutto…