Abbanoa dà il via all’efficientamento del potabilizzatore di Truncu Reale

Hanno preso il via i lavori di Abbanoa sull’impianto di potabilizzazione di Truncu Reale. Un grande intervento per una spesa complessiva di 7,5 milioni di euro. Il piano è stato programmato dal gestore idrico sardo per il rinnovo e l’efficientamento dei sistemi di trattamento dell’acqua dell’impianto. Impianto che costituisce la principale “fabbrica dell’acqua” del Nord della Sardegna e che fornisce la preziosa risorsa alle reti che alimentano la città di Sassari e i comuni di Porto Torres e di Stintino, nella sua provincia.

Per ridurre i disagi alla popolazione, Abbanoa ha deciso di anticipare l’avvio del piano, approfittando dell’interruzione del servizio dell’acquedotto Coghinas 2 da parte di Enas – Ente acque della Sardegna. Un’interruzione necessaria per consentire all’ente di effettuare un urgente intervento di manutenzione straordinaria sull’infrastruttura, che rifornisce di acqua grezza il potabilizzatore di Truncu Reale, oltre a quelli di Monte Agnese, ad Alghero, e di Castelsardo.

Lavori previsti nella zona di Truncu Reale

Le opere di Abbanoa che hanno preso il via riguardano la prima tranche del pacchetto complessivo previsto dal gestore su Truncu Reale. Questa prima parte prevede un investimento da 2,9 milioni di euro per:

  • l’ampliamento dell’unità di filtrazione
  • la manutenzione straordinaria delle vasche di chiariflocculazione
  • il potenziamento dell’unità di equalizzazione e dell’unità di disidratazione meccanica dei fanghi
  • altri interventi di manutenzione su manufatti e aree di pertinenza dell’impianto
Le altre opere in programma

Per quanto riguarda la parte restante delle opere, per un valore di 4,6 milioni di euro, è in fase d’appalto la realizzazione della sezione di trattamento acque di controlavaggio dei filtri a sabbia, per una spesa di 500.000 euro.

È in fase di approvazione il progetto esecutivo, da 2 milioni di euro, per realizzare l’impianto di sollevamento delle acque ossidate e le nuove linee di filtrazione al servizio del quarto chiariflocculatore.

Ulteriori 2,1 milioni di euro sono stati invece destinati al progetto, in fase di affidamento, per altri interventi di efficientamento di:

  • sistemi di dosaggio dei carboni attivi
  • vasca in ingresso dell’impianto
  • sezione di microfiltrazione
  • serbatoio d’accumulo

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale
di Servizi a Rete per essere il primo a conoscere le attività

 


Leggi anche

Il rinnovo e l’ammodernamento del potabilizzatore Jato, realizzato negli anni Settanta, si è reso necessario a causa del decadimento della qualità dell’acqua prelevata dall’invaso Poma. L’impianto tratta l’acqua che soddisfa la domanda idrica della parte Nord di Palermo e di sei comuni limitrofi. Per il suo rinnovamento il gestore ha previsto un investimento di 21 milioni di euro, mentre è di un milione la spesa per la progettazione….

Leggi tutto…

È quanto prevede il nuovo piano industriale 2021-2030 Life is our Duty, focalizzato sull’economia circolare e sulla transizione energetica, con investimenti, rispettivamente, per 6 e 10 miliardi di euro, per contribuire al conseguimento degli obiettivi di sostenibilità dell’ONU e al rilancio economico del Paese. Tra i target, ridurre del 20% delle perdite idriche, portare la capacità installata di rinnovabili a 5,7 GW, e recuperare ulteriori 4,4 milioni di tonnellate di rifiuti …

Leggi tutto…

La società è tra le 16 realtà selezionate dal Centro Satellitare dell’Unione Europea per il progetto che punta sull’utilizzo dell’Intelligenza Artificiale per creare una piattaforma che aiuti il monitoraggio delle attività umane e ambientali avvalendosi dei dati satellitari forniti dal programma di osservazione COPERNICUS. Smat vi partecipa con il monitoraggio dei bacini di lagunaggio di La Loggia…

Leggi tutto…

Il nuovo documento, che delinea le strategie di crescita della multiutility per il periodo 2021-2024, mette al centro sostenibilità, innovazione e digitalizzazione. Per quanto riguarda la ripartizione delle risorse, al ciclo idrico sono destinati 46 milioni, mentre al settore ambientale ne andranno complessivamente 37. Notevoli gli investimenti anche nel comparto energia, con 30 milioni destinati alla distribuzione gas e ben 50 al comparto elettrico…

Leggi tutto…

Con l’Università di Bologna e Rezatec, Hera sta testando un algoritmo che individua i punti della rete a maggior rischio di rottura, per pianificare le sostituzioni mirate delle condotte. Dopo una prima sperimentazione nei comuni di Santarcangelo di Romagna, Riccione e Cattolica, quest’anno il progetto si estende anche nel territorio di Forlì-Cesena, coinvolgendo in totale 2.800 km di rete…

Leggi tutto…