Abbanoa: fatturato a 345 milioni nel 2018

Su fatturato e ricavi, giù costi, reclami e disservizi. È positivo il bilancio relativo al 2018 approvato dall’assemblea dei soci di Abbanoa. Il gestore idrico sardo ha chiuso lo scorso anno con tutti gli indicatori in crescita, mentre la spesa è stata contenuta a fronte di un incremento del livello dei servizi. 

Il fatturato dell’ultimo esercizio è stato pari a 345,14 milioni di euro, con i ricavi che hanno superato quota 270 milioni, in crescita del 7,4% rispetto all’anno precedente, e l’utile pari a 4,875 milioni di euro.

Si consolida dunque il processo di ristrutturazione della società, dallo scorso anno guidata da Abramo Garau nel ruolo di amministratore unico. Consolidamento evidente anche dai costi operativi, pari a 184,32 milioni, attestatisi su livelli inferiori a quelli del 2002 (allora pari a 177,7 milioni che adeguati all’inflazione attuale sarebbero pari a 220 milioni). E ancora di più dai risultati del margine operativo di esercizio, positivo per 86 milioni di euro, con una differenza abissale in rapporto al 2002, quando con la somma delle precedenti gestioni il margine operativo di esercizio risultava in rosso per 66,5 milioni.

Inoltre, Abbanoa aumenta il livello dei servizi, come mostra anche la discesa dei reclami, passati dai 33.000 del 2009 a 14.000 nello scorso anno, ovvero pari allo 0,7% delle fatture emesse, che ammontano a oltre 2 milioni. Soprattutto, la società mostra di vincere la scommessa del “full cost recovery”, ovvero del servizio che si regge sulla tariffa. L’azienda gestisce in totale 46 grandi acquedotti lunghi complessivamente 4300 chilometri, 7700 chilometri di reti idriche urbane, 360 impianti di depurazione fognaria, 6600 chilometri di reti fognarie, 1800 impianti di sollevamento e 46 potabilizzatori, a servizio di 721.996 utenze. Altro dato rilevante dell’ultimo esercizio, l’accordo raggiunto con la Banca europea per gli investimenti (Bei), che stanzierà un finanziamento da 200 milioni di euro per investimenti nel servizio idrico integrato nell’Isola. Un risultato che porta il masterplan degli investimenti di Abbanoa per i prossimi anni complessivamente a 800 milioni di euro.


Leggi anche

Previsti nel budget appena approvato dall’assemblea dei sindaci, gli investimenti saranno dedicati in gran parte al settore acquedotto, con interventi per 23 milioni, mentre la quota restante agli interventi su fognature e impianti di depurazione. Nel complesso, il budget prevede a fine 2020 un valore della produzione pari a 86.466.200 euro e costi della produzione per 83.959.334 euro…

Leggi tutto…

Ammonta a circa 1,2 milioni di euro il programma di opere sulle reti idriche e fognarie messo a punto dal gestore idrico toscano per il comune in provincia di Grosseto. Opere che comprendono la realizzazione di un collettore fognario a servizio della parte occidentale del territorio, la realizzazione degli scarichi nella parte orientale, che ancora ne è priva, e la sostituzione di oltre 1,8 chilometri di condotte acquedottistiche…

Leggi tutto…

La multiutility del Nord della Lombardia ha perfezionato con la Banca europea per gli investimenti un prestito, a 16 anni, a sostegno del suo Piano di investimenti 2019-2023. Le risorse serviranno a sostenere progetti nei diversi campi di attività del gruppo, dall’ambiente alle reti idriche, da quelle elettriche al teleriscaldamento, dall’illuminazione pubblica all’efficienza energetica dalle smart city alla sicurezza informatica, interessando circa 900.000 abitanti…

Leggi tutto…

La nuova adduttrice avrà uno sviluppo complessivo di 47 chilometri e metterà a disposizione di alcuni quartieri di Bari e di tre comuni del suo l’hinterland le acque potabilizzate provenienti dall’impianto del Locone, in provincia di Barletta-Andria-Trani. Le procedure di gara per la sua realizzazione, per la quale è previsto un investimento di 80 milioni di euro, partiranno il prossimo anno …

Leggi tutto…

Questo il nuovo nome della realtà nella quale sono confluite le attività di distribuzione acqua e gas del gruppo Acsm Agam, dopo la fusione tra Acsm Agam reti gas acqua e Lario Reti Gas. La società gestisce oltre 2650 chilometri di rete nelle province di Varese, Como, Monza, Lecco e Treviso e più di 1700 chilometri di infrastrutture idriche in 37 comuni nelle province di Varese e Como…

Leggi tutto…