Abbanoa: in esercizio il primo tratto del nuovo acquedotto di Bosa

È entrato in funzione il primo tratto del nuovo acquedotto di Bosa, in provincia di Oristano. I tecnici di Abbanoa hanno completato la posa di 8,5 chilometri di condotte in ghisa sferoidale della nuova rete che vanno a sostituire le vecchie tubazioni, in grave stato di ammaloramento e soggette a frequenti rotture.

Il primo intervento di rinnovamento dell’acquedotto è concluso. Ma i lavori prevedono un secondo step

L’intervento ha interessato il primo tratto dell’infrastruttura idrica, tratto che si estende dalla diga di Monte Crispu sino a Bosa centro, e fa parte di un piano di rinnovo più ampio dell’acquedotto, che comprende il rifacimento nel complesso di 14,5 chilometri di rete con un investimento di 9 milioni di euro. Nel primo lotto il gestore idrico sardo ha sostituito le condotte, operazione che però non è possibile eseguire sul secondo, che riguarda la porzione di infrastruttura che va da Monte Crispu sino a Barasumene e che interessa i restanti 6 chilometri di condotte.

La tecnica del relining per realizzare il secondo lotto

In questo caso, si tratta di un’area Sic (Sito d’interesse comunitario) e Zps (Zona di protezione speciale), caratterizzata da notevole asperità del territorio e innumerevoli vincoli paesaggisti e ambientali. Non è quindi possibile intervenire con i tradizionali scavi a cielo aperto. Per questo motivo, per il rinnovo della rete si sta procedendo con la tecnica del relining, che permette il pieno ripristino strutturale e idraulico delle vecchie condotte, grazie all’inserimento al loro interno di un tubolare in kevlar. Una soluzione che consente di ridurre di molto i tempi di esecuzione, rispetto a un tradizionale intervento di sostituzione, e dall’impatto ambientale praticamente nullo.


Leggi anche

Arera investimenti settore idrico

Le risorse ammontano a circa il 22,5% del Piano nazionale idrico per il biennio 2019-2020 per interventi finalizzati a migliorare gli acquedotti, che entro quest’anno dovrebbe erogare in totale oltre 26 milioni di euro. Le prime quote saranno assegnate a partire da agosto per i gestori che hanno già speso almeno la metà del finanziamento complessivo del biennio …

Leggi tutto…

Marco Ranieri e Paolo Romano di Smat

L’Assemblea dei soci del gestore idrico di Torino e dei comuni della sua provincia ha rinnovato la fiducia a Ranieri e Romano, rispettivamente, nel ruolo di amministratore delegato e presidente. Completano il nuovo consiglio di amministrazione Fabio Sessa, ingegnere, Serena Lancione, avvocato, direttrice della cuneese Bus Company e la new entry Cristina Tumiatti, manager esperto nel settore delle energie rinnovabili…

Leggi tutto…

Smart.Met

Il consorzio veneto Viveracqua è capofila del progetto europeo da oltre 4 milioni di euro per lo sviluppo di nuove tecnologie di raccolta e gestione intelligente dei dati relativi ai consumi idrici delle abitazioni. Il progetto è giunto adesso alla fase 3, che prevede la sperimentazione in campo…

Leggi tutto…

Smat Torino - Bilancio 2019

Ottimi numeri quelli del bilancio relativo all’esercizio 2019 della società che gestisce il ciclo idrico a Torino e nei comuni della sua provincia. Il fatturato è salito a 442,9 milioni di euro, con gli utili pari a 54,7 milioni di euro e l’indebitamento finanziario lordo ridottosi di oltre il 14% rispetto al dato del 2018. Notevole il dato sugli investimenti, pari a 121 milioni, cresciuti del 34% sul 2018…

Leggi tutto…

Acque Bresciane Bilancio sostenibilità

Il gestore idrico di 93 comuni della provincia di Brescia ha presentato il Bilancio di sostenibilità relativo allo scorso anno, che riassume l’attività dell’azienda e il suo impegno in favore della tutela dell’ambiente. Azienda che lo scorso anno ha fatto investimento per 24 milioni di euro, rispetto ai 18 dell’anno precedente, riducendo le perdite di rete, azzerando quasi la quota di fanghi smaltiti in discarica, inferiore all’1%, e abbattendo i consumi della sua flotta del 27%…

Leggi tutto…