Abbanoa: in esercizio il primo tratto del nuovo acquedotto di Bosa

È entrato in funzione il primo tratto del nuovo acquedotto di Bosa, in provincia di Oristano. I tecnici di Abbanoa hanno completato la posa di 8,5 chilometri di condotte in ghisa sferoidale della nuova rete che vanno a sostituire le vecchie tubazioni, in grave stato di ammaloramento e soggette a frequenti rotture.

Il primo intervento di rinnovamento dell’acquedotto è concluso. Ma i lavori prevedono un secondo step

L’intervento ha interessato il primo tratto dell’infrastruttura idrica, tratto che si estende dalla diga di Monte Crispu sino a Bosa centro, e fa parte di un piano di rinnovo più ampio dell’acquedotto, che comprende il rifacimento nel complesso di 14,5 chilometri di rete con un investimento di 9 milioni di euro. Nel primo lotto il gestore idrico sardo ha sostituito le condotte, operazione che però non è possibile eseguire sul secondo, che riguarda la porzione di infrastruttura che va da Monte Crispu sino a Barasumene e che interessa i restanti 6 chilometri di condotte.

La tecnica del relining per realizzare il secondo lotto

In questo caso, si tratta di un’area Sic (Sito d’interesse comunitario) e Zps (Zona di protezione speciale), caratterizzata da notevole asperità del territorio e innumerevoli vincoli paesaggisti e ambientali. Non è quindi possibile intervenire con i tradizionali scavi a cielo aperto. Per questo motivo, per il rinnovo della rete si sta procedendo con la tecnica del relining, che permette il pieno ripristino strutturale e idraulico delle vecchie condotte, grazie all’inserimento al loro interno di un tubolare in kevlar. Una soluzione che consente di ridurre di molto i tempi di esecuzione, rispetto a un tradizionale intervento di sostituzione, e dall’impatto ambientale praticamente nullo.


Leggi anche

Approvato dal Consiglio di amministrazione, il documento al 2023 destina la maggior parte delle risorse, circa 1,9 miliardi, all’estensione, ammodernamento ed evoluzione tecnologica delle reti, con una quota significativa stanziata per il rinnovo dei misuratori. A fine quinquennio previsto un margine operativo lordo di 1,25 miliardi, in aumento di 219 milioni rispetto al 2018…

Leggi tutto…

Progettata da Risorse idriche, società di ingegneria del gruppo Smat, l’infrastruttura avrà un’estensione di oltre 14 chilometri e servirà il capoluogo piemontese e 20 comuni della sua area metropolitana sud. Un’opera dal costo di 120 milioni di euro che incrementerà la capacità idraulica del sistema per fronteggiare il notevole aumento delle portate miste effetto dei cambiamenti climatici…

Leggi tutto…

Previsti nel budget appena approvato dall’assemblea dei sindaci, gli investimenti saranno dedicati in gran parte al settore acquedotto, con interventi per 23 milioni, mentre la quota restante agli interventi su fognature e impianti di depurazione. Nel complesso, il budget prevede a fine 2020 un valore della produzione pari a 86.466.200 euro e costi della produzione per 83.959.334 euro…

Leggi tutto…

La multiutility del Nord della Lombardia ha perfezionato con la Banca europea per gli investimenti un prestito, a 16 anni, a sostegno del suo Piano di investimenti 2019-2023. Le risorse serviranno a sostenere progetti nei diversi campi di attività del gruppo, dall’ambiente alle reti idriche, da quelle elettriche al teleriscaldamento, dall’illuminazione pubblica all’efficienza energetica dalle smart city alla sicurezza informatica, interessando circa 900.000 abitanti…

Leggi tutto…

La nuova adduttrice avrà uno sviluppo complessivo di 47 chilometri e metterà a disposizione di alcuni quartieri di Bari e di tre comuni del suo l’hinterland le acque potabilizzate provenienti dall’impianto del Locone, in provincia di Barletta-Andria-Trani. Le procedure di gara per la sua realizzazione, per la quale è previsto un investimento di 80 milioni di euro, partiranno il prossimo anno …

Leggi tutto…