Abbanoa investe forte nella depurazione

Rendere i processi di depurazione sempre più efficienti, orientati alla sostenibilità ambientale e al contenimento dei consumi energetici. Sono i diversi target, ma strettamente legati tra loro, che Abbanoa mira a raggiungere nel campo del trattamento dei reflui. Un impegno al quale il gestore idrico della Sardegna ha dedicato un importante volume di investimenti, pari a 250 milioni di euro nei prossimi 5 anni. Impegno che ora si appresta a diventare realtà, grazie alla firma dei contratti per la manutenzione degli impianti di depurazione, di sollevamento fognario e di pretrattamento con le aziende che si sono aggiudicato il bando per la loro conduzione.

Un parco infrastrutture capillare

Il bando di gara, tra i più importanti a livello nazionale, puntava infatti non solo alla conduzione ordinaria degli impianti, ma anche a garantire l’introduzione di innovazioni tecnologiche e a garantire una maggiore efficienza dei processi di depurazione. Interessato dall’operazione l’intero parco di infrastrutture di Abbanoa nel campo della depurazione. Un parco capillarmente diffuso sul territorio e costituito da 339 depuratori, 898 impianti di sollevamento e 41 sistemi di pretrattamento. Impianti che garantiscono la depurazione di oltre 400 milioni di litri di reflui al giorno, provenienti dagli scarichi di 720.000 utenze e raccolti tramite 6600 chilometri di reti fognarie.

Razionalizzare il sistema depurativo sardo

Il sistema comprende alcuni grandi impianti, tra i quali i principali sono quelli di Is Arenas a Cagliari, al servizio di gran parte dell’area metropolitana, di:

  • Funtana Veglina a Sassari
  • Tossilo a Macomer
  • San Marco ad Alghero

Nella stessa categoria rientrano anche i depuratori di:

  • Mulgianu ad Arzachena
  • Sa Stoia a Iglesias
  • Sa Corroncedda a Olbia
  • Muzzeddu a Santa Teresa di Gallura

A questi di aggiunge una miriade di piccoli sistemi.

Per razionalizzare il sistema depurativo sull’intero territorio dell’isola, Abbanoa mira a eliminare gli impianti piccoli e poco efficienti in favore di infrastrutture consortili al servizio di più centri. Non a caso, i lavori assegnati prevedono la chiusura di 50 piccoli impianti e il rinnovo tecnologico di 100.

Il riuso a fini irrigui

Ma l’impegno per una depurazione sostenibile si manifesta anche nel costante sistema di monitoraggio degli impianti stessi e dell’acqua trattata. Questo vede ogni anno oltre 50.000 verifiche sui parametri chimici e biologici delle acque reflue. Inoltre, l’azienda è attiva anche sul fronte del riuso delle acque trattate. Importanti risultati sono stati già raggiunti con il loro reimpiego a fini irrigui, con oltre 1,2 milioni di metri cubi all’anno di acque affinate e pronte per essere utilizzate per agricoltura o verde pubblico.

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale 
di Servizi a Rete per essere il primo 
a conoscere le attività

 

 


Leggi anche

Il piano industriale al 2045 destina 227 milioni al triennio 2021-2023. Priorità nel programma delle opere è stata data al potenziamento degli impianti di depurazione e delle reti fognarie per superare le infrazioni comunitarie. La società ha anche individuato 74 progetti da inserire nel PNRR, per un valore di 141 milioni di euro. Anche in questo caso il focus è sulla depurazione e sulla riduzione delle perdite idriche….

Leggi tutto…

Con la Legge di Bilancio 2021 viene confermato il Bonus pubblicità anche per i prossimi due anni. Attraverso il credito di imposta si potrà recuperare il 50% di quanto investito in campagne pubblicitarie su quotidiani e riviste, anche online.
Prenota entro il 31 marzo la tua pianificazione per usufruire del credito d’imposta….

Leggi tutto…

L’intervento permetterà di eliminare gli scarichi liberi ancora presenti nel centro storico del comune aretino e collettare i reflui all’impianto di depurazione di Figline Valdarno, superando così la procedura d’infrazione comunitaria. Prevede la posa di 4,5 km di condotte, parte della quale sarà effettuata con la tecnica no-dig del microtunnelling, e la realizzazione di 7 sollevamenti fognari e 11 scolmatori per un investimento di 4,5 milioni …

Leggi tutto…

Il sesto tronco dell’infrastruttura sarà completato nei primi mesi del prossimo anno. L’opera, insieme collettore di Ponte Ladrone e al III tronco del collettore della Crescenza, fa parte del complesso di interventi che permetteranno la riqualificazione igienica e ambientale del quadrante Ovest della Capitale. Una volta completata, convoglierà i reflui al depuratore di Roma Ovest, permettendo la dismissione del vecchio impianto di Palmarola ormai saturo…

Leggi tutto…

Il piano messo a punto per il rilancio dell’Italia presentato da Utilitalia nel corso di un’audizione alla Camera contribuirebbe ad un incremento dell’1,48% del PIL e alla creazione di 285.000 nuovi posti di lavoro. La quota maggiore degli investimenti andrebbe al ciclo idrico, con progetti per 14 miliardi, seguito da quello energetico, circa 7 miliardi, e da quello ambientale, con circa 4 miliardi….

Leggi tutto…