Abbanoa pensiona un altro tratto della rete idrica di Alghero

Un altro tratto del vecchio acquedotto di Alghero va in pensione. Abbanoa, il gestore idrico sardo, ha proceduto con il collegamento delle nuove condotte appena realizzate lungo la via Mazzini in sostituzione delle vecchie tubature in ferro, ormai gravemente deteriorate.

L’intervento rientra nella più ampia opera di sostituzione e rinnovamento dell’anello di distribuzione dell’acqua potabile al servizio della città. Si tratta in particolare del tratto di rete primaria dell’estensione di 3,5 chilometri che dal lungomare Barcellona si estende fino a viale Giovanni XXIII. Una porzione di rete dove si registra una dispersione tra i 60 e gli 80 litri al secondo e che all’anno richiede oltre 50 interventi di riparazione per tamponare le continue perdite, causa di infiltrazione di acqua negli edifici circostanti e frequenti interruzioni dell’erogazione del servizio. La vecchia condotta, realizzata in acciaio e del diametro di 250 mm, viene sostituita con nuove tubazioni in ghisa sferoidale. Un maxi appalto da 2,5 milioni di euro, finanziato con i fondi Cipe 27, destinati a interventi strategici nel settore idrico-potabile.

Ma Alghero è inserita anche nei primi trenta comuni della Sardegna dove Abbanoa sta attuando il programma di ingegnerizzazione delle reti idriche. Un modello innovativo basato sull’azione combinata di misure di campo, studi specialistici sull’assetto di rete, regolazioni e progressivi interventi strutturali sugli asset. Il processo di ingegnerizzazione si svolge a partire da un’indagine sulla rete ammalorata con installazione di misuratori portatili per l’esecuzione di prove idrauliche diurne e notturne e con ispezioni mirate per la localizzazione delle perdite. A tale fase segue la diagnosi, ovvero la definizione delle criticità e delle cause di malfunzionamento della rete, con successivi rilasci di prescrizioni sempre più evolute e dettagliate per le soluzioni tecniche ottimali da adottare, tra le svariate combinazioni possibili, per efficientare la rete dal punto di vista idraulico, energetico e gestionale. Gli oltre 76 chilometri di condotte della città saranno pertanto dotate di apparecchiature all’avanguardia per gestire portate e pressioni e abbattere drasticamente il tasso di dispersione. Nella rete idrica di Alghero vengono immessi ogni anno più di 11 milioni di metri cubi d’acqua proveniente soprattutto dal Coghinas, più un’integrazione dall’invaso del Cuga nei periodi di maggiore consumo: l’abbattimento delle perdite consentirà pertanto un notevole risparmio non solo della preziosa risorsa, ma anche dei costi per potabilizzarla e distribuirla.


Leggi anche

I lavori avevano preso il via nel 2017 e hanno visto la ricostruzione del sito e l’attivazione di una nuova linea di trattamento dei reflui. Un’opera del valore di 6,5 milioni di euro fondamentale per garantire la tutela ambientale della località turistica salentina. Nell’ambito del progetto è stata anche adeguata la rete fognaria e costruito un nuovo collettore…

Leggi tutto…

Uno studio realizzato dal Centre on Regulation in Europe, e presentato a Roma da Utilitalia e fondazione Utilitatis, sottolinea come in tema di gestione del ciclo idrico non conti l’assetto pubblico o privato dell’operatore, ma la capacità di garantire un servizio efficiente, efficace e di alta qualità ai cittadini. E, in entrambi i casi, la presenza di una regolazione indipendente è fondamentale per stimolare gli investimenti….

Leggi tutto…

Mancano gli ultimi dettagli al progetto esecutivo per la realizzazione della rete idrica e fognaria, rispettivamente, per un’estensione di 7 e 8 chilometri, a servizio del quartiere che sorge nell’estrema periferia Ovest della Capitale. Un’opera del valore complessivo di 8,5 milioni di euro, attesa da tempo e della quale beneficeranno circa 120 utenze, che sarà messa a gara il prossimo settembre. …

Leggi tutto…

Presentato dall’AD Piero Ferrari, il nuovo piano punta a migliorare le infrastrutture dei 55 comuni gestiti e l’efficienza operativa attraverso la digitalizzazione dei processi. Una bella fetta di risorse sarà destinata all’ottimizzazione dei distretti idrici e alla riduzione e valorizzazione dei fanghi di depurazione …

Leggi tutto…

Concluso ed entrato in servizio un nuovo tratto di infrastruttura che il gestore idrico sardo ha realizzato in piazza Sacro Cuore. Un chilometro di condotte in ghisa sferoidale posate in sostituzione della rete esistente, costituita da tubi in acciaio e in ferro ormai gravemente ammalorati. L’intervento è parte dell’ampio piano di efficientamento e ingegnerizzazione che interessa l’intera rete cittadina …

Leggi tutto…