Abbanoa pronta per il relining dell’acquedotto di Bosa

Abbanoa ha aggiudicato la gara per il rifacimento di ulteriori 6 chilometri di condotte dell’acquedotto di Bosa, in provincia di Oristano, alimentato dal potabilizzatore del Temo.

I lavori del primo lotto che interessa altri 8,5 chilometri di rete (dalla diga di Monte Crispu a Bosa centro) sono già in corso. A metà settembre partiranno quelli per il secondo lotto, con un investimento di 4 milioni di euro. Abbanoa adotterà la tecnica del relining, con l’inserimento nelle condotte esistenti di un tubolare in kevlar che consentirà il pieno recupero strutturale e idraulico delle tubazioni. Ridurrà così di molto i tempi di esecuzione, rispetto a un tradizionale intervento di sostituzione, come pure l’impatto ambientale, praticamente nullo.

Il tratto di acquedotto interessato è il più problematico: 6 chilometri che si snodano dal partitore di Barrasumene alla diga di Monte Crispu. Tratto che solo negli ultimi anni ha richiesto più di 30 interventi di riparazione, eseguiti con notevoli difficoltà dovute, soprattutto, al territorio molto impervio che rende assai difficile l’utilizzo di mezzi pesanti.

E proprio questo contesto difficoltoso è una delle principali motivazioni che hanno spinto il gestore idrico sardo a optare per la tecnologia del relining, che evita scavi e sbancamenti. Il territorio attraversato, inoltre, è soggetto a numerosi vincoli ambientali: un’area Sic (Sito d’interessa comunitario) e Zps (Zona di protezione speciale).

L’esecuzione dei lavori non richiederà di sospendere l’alimentazione dei serbatoi cittadini: il gestore installerà una condotta provvisoria di by-pass che consentirà di aggirare i tratti man mano interessati dall’intervento. In ogni pozzetto, inoltre, saranno collocati dei pezzi speciali in acciaio che consentiranno di effettuare le manovre di regolazione della nuova condotta.


Leggi anche

Siglato dal Comune di Roma, Regione Lazio e dalla multiutility capitolina il disciplinare che rinnova fino al 2031 ad Acea Ato 2 la concessione della gestione dell’infrastruttura, che garantisce l’approvvigionamento della Capitale. Un passaggio propedeutico alla realizzazione della seconda linea dell’acquedotto, indispensabile per mettere Roma e diversi comuni della regione al riparo dalle crisi idriche …

Leggi tutto…

L’intervento ha visto l’inserimento all’interno delle condotte esistenti di un tubolare in kevlar e ha interessato un tratto di rete idrica che si estende per oltre 3 chilometri, tra le località Monticella, nel territorio di Conegliano, e Saccon, nel comune di San Vendemiano. I lavori si sono resi necessari per via dell’avanzato stato di ammaloramento delle tubazioni, soggette a frequenti rotture…

Leggi tutto…

I lavori avevano preso il via nel 2017 e hanno visto la ricostruzione del sito e l’attivazione di una nuova linea di trattamento dei reflui. Un’opera del valore di 6,5 milioni di euro fondamentale per garantire la tutela ambientale della località turistica salentina. Nell’ambito del progetto è stata anche adeguata la rete fognaria e costruito un nuovo collettore…

Leggi tutto…

Uno studio realizzato dal Centre on Regulation in Europe, e presentato a Roma da Utilitalia e fondazione Utilitatis, sottolinea come in tema di gestione del ciclo idrico non conti l’assetto pubblico o privato dell’operatore, ma la capacità di garantire un servizio efficiente, efficace e di alta qualità ai cittadini. E, in entrambi i casi, la presenza di una regolazione indipendente è fondamentale per stimolare gli investimenti….

Leggi tutto…

Presentato dall’AD Piero Ferrari, il nuovo piano punta a migliorare le infrastrutture dei 55 comuni gestiti e l’efficienza operativa attraverso la digitalizzazione dei processi. Una bella fetta di risorse sarà destinata all’ottimizzazione dei distretti idrici e alla riduzione e valorizzazione dei fanghi di depurazione …

Leggi tutto…