Abbanoa pronta per il relining dell’acquedotto di Bosa

Abbanoa ha aggiudicato la gara per il rifacimento di ulteriori 6 chilometri di condotte dell’acquedotto di Bosa, in provincia di Oristano, alimentato dal potabilizzatore del Temo.

I lavori del primo lotto che interessa altri 8,5 chilometri di rete (dalla diga di Monte Crispu a Bosa centro) sono già in corso. A metà settembre partiranno quelli per il secondo lotto, con un investimento di 4 milioni di euro. Abbanoa adotterà la tecnica del relining, con l’inserimento nelle condotte esistenti di un tubolare in kevlar che consentirà il pieno recupero strutturale e idraulico delle tubazioni. Ridurrà così di molto i tempi di esecuzione, rispetto a un tradizionale intervento di sostituzione, come pure l’impatto ambientale, praticamente nullo.

Il tratto di acquedotto interessato è il più problematico: 6 chilometri che si snodano dal partitore di Barrasumene alla diga di Monte Crispu. Tratto che solo negli ultimi anni ha richiesto più di 30 interventi di riparazione, eseguiti con notevoli difficoltà dovute, soprattutto, al territorio molto impervio che rende assai difficile l’utilizzo di mezzi pesanti.

E proprio questo contesto difficoltoso è una delle principali motivazioni che hanno spinto il gestore idrico sardo a optare per la tecnologia del relining, che evita scavi e sbancamenti. Il territorio attraversato, inoltre, è soggetto a numerosi vincoli ambientali: un’area Sic (Sito d’interessa comunitario) e Zps (Zona di protezione speciale).

L’esecuzione dei lavori non richiederà di sospendere l’alimentazione dei serbatoi cittadini: il gestore installerà una condotta provvisoria di by-pass che consentirà di aggirare i tratti man mano interessati dall’intervento. In ogni pozzetto, inoltre, saranno collocati dei pezzi speciali in acciaio che consentiranno di effettuare le manovre di regolazione della nuova condotta.


Leggi anche

Messo a punto da Amat e Ireti, il progetto prevede la posa di 9 chilometri di condotte tra Borgo Prino e il comune di Diano Marina per una spesa complessiva di 9,6 milioni di euro. L’opera permetterà di garantire l’approvvigionamento idrico della città ligure e di alcuni comuni limitrofi, messa a rischio dalla vecchia rete, che versa in pessimo stato ed è soggetta a frequenti e dannose rotture …

Leggi tutto…

Il gestore idrico dell’ambito Sarnese-Vesuviano ha avviato una serie di opere sulle infrastrutture idriche e fognarie nel comune del salernitano. Per quanto riguarda le prime, verranno posate in totale oltre 2,5 chilometri di tubazioni per migliorare la distribuzione dell’acqua potabile in alcune strade del centro e in alcune frazioni. Le seconde servono invece a completare lo schema fognario comunale, eliminando definitivamente gli scarichi superficiali in ambiente…

Leggi tutto…

L’intervento progettato da Amap prevede la posa di 3,3 chilometri di nuove condotte per aggirare il tratto dell’infrastruttura gravemente danneggiato da una frana. L’opera, dal costo di oltre 5 milioni di euro, permetterà di ripristinare l’originaria portata della dorsale che approvvigiona la città di Palermo con l’acqua attinta alla sorgente delle Madonie …

Leggi tutto…

RS Ravetti Service ha messo a disposizione di HERA le proprie attrezzature e competenze in un intervento di rinnovo della rete idrica a Bentivoglio (BO) su una condotta di DN 600. I servizi forniti da RS Ravetti Service sono stati fondamentali per portare a termine i lavori in tempi rapidi e senza interrompere la fornitura di acqua potabile ai 50.000 utenti dell’area interessata…

Leggi tutto…

L’infrastruttura, realizzata negli anni Cinquanta e che si estende per 16,1 km, da tempo è soggetta a frequenti rotture, arrecando notevoli disservizi alle utenze di Nuoro e del limitrofo comune di Mamoiada. Per eliminarli il gestore idrico sardo ha dato il via a un cospicuo intervento che comprende il relining di un tratto di un km in centro città e la sostituzione di 2 km di condotte fuori dall’area urbana…

Leggi tutto…