Abbanoa: realizza un nuovo tratto dell’acquedotto ad Oristano e rinnova la rete idrica ad Alghero


Il gestore idrico sardo, Abbanoa, si è aggiudicato in via definiva la gara d’appalto per la posa di 15 chilometri di nuove condotte. Un’opera da 4 milioni di euro, stanziati da Regione Sardegna attraverso il mutuo per le infrastrutture, che consentirà di dismettere il vecchio sistema, gravemente ammalorato.
A realizzare i lavori sarà l’impresa sarda Ser.Lu. di Cagliari. L’appalto è stato assegnato grazie a una serie di proposte migliorative, a partire da un drastico abbattimento dei tempi di realizzazione, ridotti a 100 giorni lavorativi, dai 270 previsti dal bando.
L’intervento sarà più rapido perché si procederà su cinque fronti di scavo in contemporanea. Insieme alla posa delle tubazioni, verranno realizzate tutte le opere necessarie per il suo funzionamento, quali i vasconi di disconnessione, i partitori per le diramazioni verso le utenze, un ponte tubo per l’attraversamento del corso d’acqua Riu di Mare Foghe. Saranno installati anche tecnologie di telecontrollo per la gestione avanzata del sistema.
Il nuovo tratto da 15 chilometri sarò costituito da tubazioni in ghisa sferoidale e andrà a sommarsi a quello dell’estensione di 4 chilometri e sostituirà l’attuale rete in cemento amianto, realizzata all’inizio degli anni Settanta, inadeguata e con un tasso di dispersione che si aggira intorno al 40%. L’acquedotto è alimentato dalle sorgenti di Bau Nou e Santu Miali e garantisce l’approvvigionamento idrico di Oristano, Siamaggiore, Solarussa, Tramatza, Bauladu e Bonarcado.

Ad Alghero, invece, Abbanoa rinnova l’anello di distribuzione idrica, in particolare il tratto di rete che dal lungomare Barcellona si estende fino a viale Giovanni XXIII. Una porzione di rete dove si registra una dispersione tra i 60 e gli 80 litri al secondo e che all’anno richiede oltre 50 interventi di riparazione per tamponare le continue perdite, causa di infiltrazione di acqua negli edifici circostanti e frequenti interruzioni dell’erogazione del servizio. La vecchia condotta, realizzata in acciaio e del diametro di 250 mm, andrà in pensione e sarà sostituita con nuove tubazioni in ghisa sferoidale.
L’intervento, che rientra nel grande appalto da due 2,5 di euro, finanziato con i fondi Cipe 27 destinati a interventi strategici nel settore idrico-potabile, fa parte di una serie di opere che il gestore idrico sardo sta portando avanti sull’anello di distribuzione a servizio della cittadina.


Leggi anche

L’Associazione Riaprire i Navigli, in quest’ultimo anno, si è dedicata ad analizzare le modalità di finanziamento del progetto e le ricadute socioeconomiche dell’investimento. Il 28 novembre presso l’Auditorium Claudio De Albertis – Assimpredil Ance verranno presentati i risultati della Ricerca Progetto Territoriale Fondazione Cariplo…

Leggi tutto…

Cinque i comuni coinvolti nel programma di lotta alle perdite idriche avviato dal gestore idrico sardo: Olbia, Tempio Pausania, Arzachena, La Maddalena e Santa Teresa. Comuni che contano nel complesso circa 300 km di rete con un livello di perdite che supera il 61% nei quali verrà implementato il cosiddetto modello Oliena, una buona pratica che, attraverso l’ingegnerizzazione della rete e la diagnosi dei malfunzionamenti, porta a interventi risolutivi mirati …

Leggi tutto…

Milano, 22 novembre 2018
Milano ha i numeri per diventare il Centro Europeo dei Canali storici.
Questo primo convegno lo dimostrerà con la rassegna dei Navigli, Canali e Rogge realizzati da Milano dopo il Mille e prima del Cinquecento considerati dagli storici il più antico patrimonio di canali d’Europa….

Leggi tutto…

L’Autorità ha dato il via libera ai finanziamenti per interventi urgenti sul sistema idrico della Campania. La quota maggiore dei fondi, circa 78 milioni, è destinata al napoletano, dove saranno utilizzati dal gestore Abc per la messa in sicurezza dell’Acquedotto del Serino, la ricostruzione di 2 nuovi serbatoi a Napoli e il rivestimento di quelli esistenti. La quota restante, 7 milioni, va al Cilento…

Leggi tutto…

I risultati al 30 settembre tracciano un andamento molto positivo per il gruppo, con i ricavi consolidati oltre i 2,8 miliardi di euro, in crescita dell’8% rispetto allo stesso periodo del 2017, e il margine operativo lordo su del 13,5% e pari a 706 milioni. Impennata anche dell’utile netto, +32,4%, pari a 236 milioni di euro, e degli investimenti +43,1%, che ammontano a 286 milioni di euro…

Leggi tutto…