Accadueo 2018: i seminari IWS tratteranno case histories di successo per il mercato delle water utilities


Si tratta di una scelta strategica per aziende complementari fra loro che hanno in comune l’avere il mercato dell’acqua come core business (da qui l’hashtag #watercare che circola sui social network) e che, in particolare, forniscono un servizio idrico integrato occupandosi di reti di drenaggio urbano, reti di acqua potabile, impianti di depurazione e potabilizzazione, nonché telecontrollo quale attività trasversale.

Soluzioni, particolarmente apprezzate dal mercato delle water utilities, che rispondono agli standard generali richiesti dai macro-indicatori per acquedotto (M1-M2-M3), fognatura (M4) e depurazione (M6), che hanno spinto le aziende della rete ad andare oltre la presenza congiunta ad Accadueo, per organizzare dei seminari IWS incentrati su case histories di successo sui temi posti riguardanti i macroindicatori.

Il 17-18 e 19 ottobre saranno quindi per Accadueo tre giorni di incontri e di seminari IWS che si svolgeranno presso la gallery dei padiglioni 21-22 della Fiera di Bologna e che vedranno la partecipazione, come relatori, di tecnici e dirigenti delle water utilities italiane (fra cui AcegasApsAmga, Acque Bresciane, Alto Trevigiano Servizi, Gruppo CAP, Gruppo HERA, Metropolitana Milanese, Piave Servizi, SMAT, Tea Acque) che presenteranno case histories di successo realizzate proprio grazie alla collaborazione con le aziende della rete d’impresa IWS .


Per il programma completo e per registrarsi all’evento per cui sono in fase di richiesta i Crediti Formativi Professionali rilasciati dall’Ordine degli Ingegneri: http://www.serviziarete.it/seminari-iws-ad-h2o-2018/


Leggi anche

Il gestore idrico delle province di Massa-Carrara, Lucca e Pistoia ha chiuso il contratto di finanziamento che porterà nelle sue casse le risorse necessarie per realizzare il Piano di interventi al 2022, che comprende lavori per 112 milioni sulle reti acquedottistiche e fognarie e sui depuratori. All’operazione, oltre alle 7 banche che si sono aggiudicate il bando, partecipano anche la Bei e Cassa depositi e prestiti…

Leggi tutto…

Un’opera imponente che prevede la realizzazione di oltre 600 km di fognature per raccogliere e convogliare al depuratore i reflui della cittadina Misterbianco e di altri 10 comuni del catanese. Fondamentale per porre fine alla procedura di infrazione europea, la progettazione dell’infrastruttura ha un costo di 4 milioni di euro, mentre la realizzazione della rete e l’adeguamento del depuratore richiederà un investimento complessivo di 200 milioni …

Leggi tutto…

Lo stanziamento, approvato dalla Giunta, riguarda interventi sul territorio destinati a sanare la posizione dei comuni sotto procedura di infrazione comunitaria e, più in generale, a migliorare il sistema idrico regionale. Tra le principali opere finanziate, il collettamento della Valle Serina (500.000 euro), in provincia di Bergamo, e la vasca volano sfioratore del collettore a Monza (600.000 euro) …

Leggi tutto…

Un mega progetto dal costo di 67 milioni di euro. È quello che porterà avanti nei prossimi quattro anni l’azienda nel comune bresciano, per realizzare le infrastrutture idriche del tutto assenti: una rete acquedottistica, un collettore fognario e un impianto di depurazione con una capacità di trattamento pari a 13.000 abitanti equivalenti. A oggi il fabbisogno idrico è assicurato da oltre 3000 pozzi privati…

Leggi tutto…

Mettendo a frutto le competenze di Aliplast, società di Herambiente specializzata nel trattamento e riciclo della plastica, e la collaborazione con Idrotherm 2000, il Gruppo ha sviluppato delle tubazioni strutturate in Pe con un contenuto del 70% di materiale riciclato. Un chilometro di nuove condotte è stato già posato nei lavori sulla rete elettrica a Imola e Modena e a gennaio altri 2 km saranno posati nel cantiere sulla rete fognaria nel territorio di Rimini…

Leggi tutto…