Accordo in vista tra Open Fiber e Tim sulla banda larga

Se ne vocifera da tempo, ma ora pare che l’accordo tra Tim e Open Fiber possa davvero diventare realtà. Le due società, secondo alcune indiscrezioni, hanno infatti concordato un patto di riservatezza per la firma di un accordo commerciale sull’affitto di capacità in fibra ottica da parte di Open Fiber a Tim.
Il contratto al quale si lavora riguarda le cosiddette aree C e D del piano banda ultralarga, ovvero quelle a fallimento di mercato, dove Open Fiber è concessionario dello Stato in quanto aggiudicataria delle gare indette da Infratel, la società società in-house del ministero dello Sviluppo economico. Tim utilizzerebbe l’infrastruttura di Open Fiber per accelerare la migrazione dei propri clienti dal rame alla fibra ottica.
Secondo alcune fonti esterne alle due società, l’accordo potrebbe essere il primo passo verso ragionamenti più strutturati che riguardano la rete unica e lo sviluppo della banda ultralarga in Italia. Proprio in queste settimane l’attenzione del governo sul tema è altissima e pare ci sia anche una soluzione societaria che conduca al progetto di una rete unica. Inoltre, il governo è alle prese con la rivisitazione del Piano banda ultralarga, che partito nel 2015 con una dotazione di oltre 5 miliardi ha proceduto finora a rilento. Quasi 2,5 i miliardi ancora da mobilitare, in parte, per 1,3 miliardi, paralizzati da un difficile negoziato con la Commissione europea sulle misure di incentivo alla domanda nelle cosiddette “aree grigie”, quelle dove è presente un unico operatore di rete ed è improbabile che nel prossimo futuro sia installata un’altra infrastruttura.


Leggi anche

Internet of Things e i processi di monitoraggio evoluto degli impianti di trasmissione dell’energia per un controllo della rete sempre più evoluto e dinamico, focus della prima delle piattaforme dedicate all’innovazione che la società avvierà nelle sue sedi territoriali. Il progetto è parte del piano di digitalizzazione nel quale Terna investirà 700 milioni di euro nei prossimi 5 anni….

Leggi tutto…

Il bando, che Open Fiber si è aggiudicato, riguarda lo sviluppo della banda ultralarga nelle aree a fallimento di mercato in Puglia, Calabria e Sardegna. Il contratto prevede la costruzione e la gestione per 20 anni dell’infrastruttura pubblica che collegherà 317.000 unità immobiliari in 959 comuni per oltre 400.000 cittadini interessati, con un investimento pubblico di 103 milioni di euro…

Leggi tutto…

Uno studio realizzato da Idate e presentato alla FTTH Conference 2019 sottolinea come il nostro Paese abbia registrato il maggior tasso di crescita delle connessioni in modalità FTTH-FTTB in Europa, con il numero delle unità immobiliari passato da 4,4 a 6,3 milioni da settembre 2017 allo stesso mese del 2018. Un incremento del 43,1% a fronte di una media continentale del 15,7% …

Leggi tutto…

Saranno completati entro quest’anno i lavori per portare la rete in fibra ottica in modalità FTTH in oltre 70.000 unità immobiliari della città lombarda. A velocizzare le opere, portate avanti da Open Fiber con un investimento di 16 milioni di euro, la collaborazione con A2A Smart City che, ponendosi come gestore unificato delle infrastrutture fisiche per le telecomunicazioni, ne favorisce un utilizzo coordinato e ottimizzato…

Leggi tutto…

La società di Enel e Cassa depositi e prestiti ha scelto Nokia come partner per la fornitura dei servizi Gigabit nei clusters C e D e per spianare la strada ai futuri sviluppi e alle opportunità offerte dalle tecnologie banda ultra-larga. Le soluzioni della società finlandese consentono infatti di offrire connessioni fino a 10 Gigabit al secondo e nel futuro fino a 40 Gbps…

Leggi tutto…