Accordo in vista tra Open Fiber e Tim sulla banda larga

Se ne vocifera da tempo, ma ora pare che l’accordo tra Tim e Open Fiber possa davvero diventare realtà. Le due società, secondo alcune indiscrezioni, hanno infatti concordato un patto di riservatezza per la firma di un accordo commerciale sull’affitto di capacità in fibra ottica da parte di Open Fiber a Tim.
Il contratto al quale si lavora riguarda le cosiddette aree C e D del piano banda ultralarga, ovvero quelle a fallimento di mercato, dove Open Fiber è concessionario dello Stato in quanto aggiudicataria delle gare indette da Infratel, la società società in-house del ministero dello Sviluppo economico. Tim utilizzerebbe l’infrastruttura di Open Fiber per accelerare la migrazione dei propri clienti dal rame alla fibra ottica.
Secondo alcune fonti esterne alle due società, l’accordo potrebbe essere il primo passo verso ragionamenti più strutturati che riguardano la rete unica e lo sviluppo della banda ultralarga in Italia. Proprio in queste settimane l’attenzione del governo sul tema è altissima e pare ci sia anche una soluzione societaria che conduca al progetto di una rete unica. Inoltre, il governo è alle prese con la rivisitazione del Piano banda ultralarga, che partito nel 2015 con una dotazione di oltre 5 miliardi ha proceduto finora a rilento. Quasi 2,5 i miliardi ancora da mobilitare, in parte, per 1,3 miliardi, paralizzati da un difficile negoziato con la Commissione europea sulle misure di incentivo alla domanda nelle cosiddette “aree grigie”, quelle dove è presente un unico operatore di rete ed è improbabile che nel prossimo futuro sia installata un’altra infrastruttura.


Leggi anche

È quanto previsto dal progetto fresco di approvazione a Bruxelles. L’investimento servirà a realizzare l’infrastruttura a banda larga nelle aree bianche dell’isola, coinvolgendo in totale 142 comuni per una popolazione complessiva di 2,3 milioni di abitanti. Sarà garantita una connessione superiore ai 30 Mbit/s e di 100 Mbit/s alle imprese …

Leggi tutto…

L’elettrodotto consentirà di migliorare l’affidabilità della rete di trasmissione sia nella penisola sorrentina sia nell’isola. Il progetto prevede la posa di 19 km di cavi, dei quali 16 sottomarini, e la costruzione di una nuova stazione elettrica. Nei punti di approdo su entrambe le sponde, il cavo sarà installato con la tecnica del drilling, per non danneggiare la prateria di posidonia del fondale…

Leggi tutto…

Il simbolico traguardo è stato tagliato con il cantiere di Città Sant’Angelo, in provincia di Pescara, dove la società ha realizzato un’infrastruttura costituita da oltre 35 chilometri di cavi in fibra ottica che collegano 29 armadi stradali, garantendo una copertura con la banda ultralarga di oltre 4500 unità immobiliari. Il costo dei lavori è stato di 500.000 euro. …

Leggi tutto…

Si tratta del nuovo collegamento elettrico tra Toscana, Sardegna e Corsica, che il gestore della rete elettrica nazionale realizzerà con un investimento di oltre 520 milioni di euro. Un’opera di interesse comunitario resa necessaria per rafforzare l’attuale collegamento, il Sa.Co. I 2, realizzato negli anni Sessanta e ormai obsoleto…

Leggi tutto…

Concluso il Progetto Carini, il piano di interventi che ha interessato una vasta area della provincia di Palermo, realizzato con un investimento di 3,5 milioni di euro. Ammodernati oltre 40 km di rete elettrica e 90 cabine secondarie, per un telecontrollo più evoluto dell’infrastruttura, e realizzato un nuovo Centro satellite, un impianto in media tensione, che migliora la distribuzione elettrica…

Leggi tutto…