Accordo tra Abbanoa e Smat Torino per efficientare gli impianti di potabilizzazione in Sardegna


L’obiettivo è potenziare e rendere più efficienti gli impianti di potabilizzazione del Nord Sardegna e del resto dell’isola. A cominciare da quello dell’Agnata, alimentato dall’invaso del Liscia e al servizio di Olbia e dei comuni della bassa Gallura. È lo scopo della collaborazione stretta da Abbanoa con Smat Torino, seconda società in Italia per valore di produzione nel campo dei servizi idrici integrati.

Collaborazione suggellata da un accordo che prevede il supporto tecnico e tecnologico sull’attività di potabilizzazione. Avvalendosi della collaborazione di Smat, Abbanoa ha infatti avviato un check up completo degli impianti che toccherà nove potabilizzatori nel Nord dell’isola, per estendere poi l’attività a tutti i potabilizzatori della Sardegna. L’obiettivo dei diversi team di tecnici all’opera, “sarà intraprendere tutte le azioni necessarie per efficientare gli impianti”, spiega una nota di Abbanoa. Gli esperti piemontesi hanno già visitato il potabilizzatore dell’Agnata, accompagnati dall’amministratore unico di Abbanoa, Alessandro Ramazzotti, e dal direttore generale, Sandro Murtas.

Complessivamente i potabilizzatori in esercizio sono 45, di cui 11 nel Nord Sardegna. Abbanoa li gestisce in proprio dal 2010. L’impianto dell’Agnata è stato il penultimo a passare sotto la gestione di Abbanoa, nel maggio 2010. “Aumenti generalizzati dei consumi (con l’aumento delle presenze in estate si intensifica l’attività di potabilizzazione, l’antropizzazione del territorio e le condizioni climatiche in continuo mutamento – spiega in una nota Abbanoa – hanno richiesto modifiche tecnico-gestionali negli impianti di potabilizzazione e oggi pongono Abbanoa davanti alla sfida del potenziamento e dell’ammodernamento in vista del salto tecnologico. Impiegare nuove tecnologie di trattamento e adottare tecniche di gestione degli impianti che ottimizzino il funzionamento è quindi la strada maestra”.

L’isola non ha risorse proprie e deve potabilizzare l’85% dell’acqua immessa in rete e proveniente dai bacini artificiali, con costi altissimi, resi ancora più gravosi dal livello di dispersione. “Per fronteggiare questa situazione Abbanoa sta anche portando avanti un’azione di adeguamento degli impianti esistenti”, chiarisce il gestore del servizio idrico. Che spiega, infine, la provenienza delle acque in Sardegna. “Le acque di superficie accumulate negli invasi hanno garantito, nel 2014, una produzione di risorsa idrica pari a circa 252 milioni di metri cubi – scrive Abbanoa – Esiste un minimo prelievo di acque sotterranee che, con esclusione di alcuni sistemi sorgentizi di origine carsica e di alcuni campi pozzi, sono costituiti da oltre un centinaio di piccole sorgenti e pozzi: il prelievo annuo da questo tipo di acque non supera però i 50 milioni di metri cubi e la loro capacità di produzione è legata agli andamenti climatici”.

 


Leggi anche

Arrivata la prima tranche da 96,7 milioni di risorse stanziate dal Ministero dell’Economia e delle Finanze per i lavori di ripristino delle infrastrutture distrutte dall’alluvione che ha colpito le province di Pesaro e Urbino e di Ancona lo scorso settembre. Il gestore idrico ha avviato l’iter per partire con i primi cantieri del valore di 5,1 milioni in cinque comuni. I lavori prevedono il rifacimento di tratti di rete idrica, fognaria e interventi sui depuratori….

Leggi tutto…

Ridurre le perdite di rete dall’attuale 60 al 35% è l’obiettivo del piano di opere avviate dal gestore nel comune del napoletano, che prevedono la sostituzione di 6 km di condotte e una distrettualizzazione più articolata dell’infrastruttura. Un intervento che rientra nel mega-progetto Azioni per l’Acqua, del valore di 100 milioni, messo a punto con l’Ente Idrico Campano e la Regione, e finalizzato ad abbattere le dispersioni del 50% in tutti i comuni dell’ambito Sarnese-Vesuviano…

Leggi tutto…

Sostenibilità, economia circolare, transizione ecologica ed energetica, tutela della risorsa i cardini del nuovo piano 2023-2025, il cui valore supera di quasi un quarto quello del triennio precedente. Ben 26 milioni sono destinati alla depurazione e 8 all’innovazione per la quale un ruolo di primo piano giocherà l’Agile Academy, la business school fondata con Gruppo Acea …

Leggi tutto…

Ammontano a 63,6 milioni di euro le opere previste nel Piano industriale 2023-2026 del gestore idrico dell’Alto Veneto. Una mole di interventi finalizzati a migliorare il sistema idrico in tutto il territorio e a contrastare gli effetti dei cambiamenti climatici. Tra i principali interventi la realizzazione di un nuovo acquedotto a Ponte nelle Alpi, e il potenziamento dei depuratori…

Leggi tutto…

L’impianto, realizzato con un investimento di 10 milioni di euro, tratta già i reflui del centro della provincia di Firenze. La sua costruzione è stata portata avanti insieme ai lavori, per altri 9 milioni di euro, di sistemazione e potenziamento della rete fognaria, che hanno visto la posa di 11 chilometri di condotte. Due opere sinergiche che hanno permesso l’uscita del comune dall’infrazione comunitaria per le acque reflue…

Leggi tutto…