Acea Ato 5 realizzerà un nuovo depuratore a Sant’Elia Fiumerapido

Sant’Elia Fiumerapido, comune laziale che conta circa 7000 abitanti avrà un nuovo impianto di depurazione. A realizzarlo sarà Acea Ato 5, la società che gestisce il servizio idrico in 86 comuni della provincia di Frosinone.

Il progetto del nuovo impianto è stato presentato dal presidente di Acea Ato 5, Stefano Magini, al primo cittadino di Sant’Elia, Roberto Angelosanto. Progetto che prevede la dismissione del depuratore attualmente esistente in località Olivella e che serve solo parte del territorio. Il nuovo depuratore sarà invece in grado di trattare l’intero volume di acque reflue. A corredo del depuratore verranno realizzati anche dei nuovi collettori fognari, per uno sviluppo complessivo di 2,7 chilometri, che convoglieranno nell’impianto gli scarichi attualmente non depurati. Sarà inoltre costruita una condotta che permetterà di scaricare le acque trattate e depurate fino al fiume Rapido. Il tutto con un investimento complessivo previsto di circa 6 milioni di euro.

Nel corso dell’incontro, il numero uno della società e il primo cittadino hanno affrontato anche il problema del depuratore di Valleluce. L’accessibilità al depuratore in questione è fortemente compromessa da una viabilità inadeguata e in parte interessata da un fenomeno franoso esteso. Anche in questo caso i tecnici di Acea Ato 5 hanno avanzato alcune proposte risolutive, sulle quali si è avviata una fase di confronto con l’amministrazione comunale.


Leggi anche

Azienda Gardesana Servizi logo

È quanto previsto dal nuovo piano degli investimenti approvato dall’Assemblea della società, che gestisce il ciclo idrico nei 20 comuni della sponda veronese del Lago di Garda. Assemblea che ha dato l’ok anche al bilancio 2019, chiuso con un utile di un milione. Tra i nuovi progetti, il collettore del Garda, cui sono destinati 50 milioni di euro, e l’introduzione del sistema di telecontrollo sulle infrastrutture idriche e fognarie…

Leggi tutto…

Acque piano interventi Pontedera

Il gestore idrico del Basso Valdarno ha presentato il piano dedicato all’ammodernamento delle infrastrutture idriche a servizio del comune della provincia di Pisa. Un piano dal valore di oltre 2,5 milioni di euro, che comprende la sostituzione di diversi tratti di condotte di distribuzione acqua, il completamento della rete fognarie in alcune aree che ancora ne erano prive, e il potenziamento degli impianti di depurazione…

Leggi tutto…

Collettore del Garda

Il progetto esecutivo per la sponda veronese ha ottenuto l’ok dal Comitato istituzionale del Consiglio di bacino, dopo un lungo iter durato oltre 6 mesi. Tempi necessari per raccogliere pareri e prescrizioni vincolanti da parte dei 36 soggetti coinvolti per la grande opera di riqualificazione del sistema di raccolta dei reflui che finiscono nel Lago. Un’opera da 116,5 milioni di euro, che permetterà di superare le tante criticità del collettore esistente…

Leggi tutto…

Smat Torino - Bilancio 2019

Ottimi numeri quelli del bilancio relativo all’esercizio 2019 della società che gestisce il ciclo idrico a Torino e nei comuni della sua provincia. Il fatturato è salito a 442,9 milioni di euro, con gli utili pari a 54,7 milioni di euro e l’indebitamento finanziario lordo ridottosi di oltre il 14% rispetto al dato del 2018. Notevole il dato sugli investimenti, pari a 121 milioni, cresciuti del 34% sul 2018…

Leggi tutto…

Acque Bresciane Bilancio sostenibilità

Il gestore idrico di 93 comuni della provincia di Brescia ha presentato il Bilancio di sostenibilità relativo allo scorso anno, che riassume l’attività dell’azienda e il suo impegno in favore della tutela dell’ambiente. Azienda che lo scorso anno ha fatto investimento per 24 milioni di euro, rispetto ai 18 dell’anno precedente, riducendo le perdite di rete, azzerando quasi la quota di fanghi smaltiti in discarica, inferiore all’1%, e abbattendo i consumi della sua flotta del 27%…

Leggi tutto…