Acea entra nella distribuzione gas


Lo aveva annunciato l’amministratore delegato, Stefano Donnarumma, nel corso dell’assemblea degli azionisti che la scorsa primavera ha approvato il bilancio 2017: nel futuro di Acea ci sarebbe stata anche la distribuzione del gas. Un progetto ora diventato realtà: la multiutility capitolina ha infatti annunciato la sottoscrizione di un accordo con le società Alma Cis e Mediterranea Energia Soc. Cons.a.r.l. per l’acquisizione del 51% del capitale da loro detenuto di Pescara distribuzione gas, azienda attiva nella distribuzione del metano nel comune di Pescara. Alle due società venditrici resterà il 49% del capitale e parteciperanno in sinergia con Acea alla gestione industriale dell’infrastruttura.
Pescara distribuzione gas gestisce l’intera rete di distribuzione di Pescara, della quale è anche proprietaria di circa la metà, la parte restante fa capo al Comune, che si estende per oltre 325 chilometri e conta circa 62.000 punti di riconsegna.
Il valore economico dell’operazione, in termini di enterprise value per il 100% della società, è di 17 milioni di euro. Questa, a seguito dell’operazione, verrà consolidata da Acea al 100%, con un contributo all’Ebitda previsto su base annua di circa 1,8 milioni di euro. Il closing dell’accordo, atteso entro fine anno, è subordinato all’approvazione da parte del Comune di Pescara.
«Con questa operazione diamo inizio a quel percorso, delineato nel nostro piano industriale, che porterà il Gruppo a ricoprire un ruolo significativo in questo importante comparto strategico», ha commentato Donnarumma.
In tale iniziativa, Ubi Corporate & Investment Banking ha svolto il ruolo di advisor finanziario e lo studio Grimaldi quello di advisor legale.


Leggi anche

La società del gruppo Gas Plus, quarto produttore nazionale di gas, si è aggiudicata la gara bandita dal Comune per la vendita di Rete Gas Fidenza, la municipalizzata che si occupa della distribuzione gas nella cittadina e proprietaria della rete. Gp Infrastrutture ha vinto il bando con un’offerta di 14 milioni di euro, accompagnata da un programma di espansione dell’infrastruttura …

Leggi tutto…

All’incontro con gli stakeholder, la società ha presentato tre iniziative sui temi dell’innovazione e transizione energetica e dell’impresa sociale: il progetto Snamtec, nel quale investirà 850 milioni di euro entro il 2022 per costruire l’azienda energetica del futuro, rinnovabile, tecnologica e digitale; la Social Supply Chain, per coinvolgere le imprese sociali nella catena di fornitura; la piattaforma Snam Up, che consentirà a ognuno di proporre nuovi progetti e sviluppare imprenditorialità…

Leggi tutto…

I risultati consolidati al 30 settembre vedono l’utile netto crescere del 6,1% a 226,4 milioni, e di quasi il 9% l’utile operativo. Sui ricavi, che ammontano a 880,7 milioni, generati soprattutto dalle attività di distribuzione gas. Nello stesso periodo sono stati investiti 349 milioni di euro, dei quali la quota maggiore per l’installazione degli smart meter: 1.386 milioni quelli posati nei 9 mesi, portando il totale a 4.283 milioni, pari al 53,2% dell’intero parco contatori …

Leggi tutto…

La multiutility, attiva nella distribuzione gas in 90 comuni veneti, sta valutando l’ipotesi di uscire dalla vendita di energia e gas per concentrarsi sul servizio di distribuzione gas. In tale strategia entrerebbe l’alleanza con Italgas, una delle possibili soluzioni allo studio, che porterebbe alla nascita di una nuova realtà locale del valore di un miliardo di euro …

Leggi tutto…

È arrivato il via libera di Bruxelles alla creazione della joint-venture tra Snam e Società gasdotti Italia, che si occuperà della costruzione e gestione della Dorsale sarda, il grande gasdotto che garantirà l’approvvigionamento di metano a tutta l’isola. L’operazione, è il giudizio dei tecnici europei, non pone problemi sotto il profilo della concorrenza…

Leggi tutto…