Acea investe 20 milioni per la mobilità sostenibile a Roma

Investimenti per 20 milioni per lo sviluppo della mobilità elettrica a Roma. È il grande piano per la mobilità sostenibile di Acea, che prevede al 2022 l’installazione di circa 2.000 colonnine per la ricarica elettrica dei veicoli, le prime 50 da realizzare già entro la fine di quest’anno.

Un grande progetto che la multiutility capitolina ha presentato in occasione del suo Innovation Day, dove ha anche mostrato le prime auto elettriche, delle Smart, con il nuovo logo aziendale, per la mobilità sostenibile. Auto che l’azienda ha già introdotto nella sua flotta, che al momento ne conta 25, alle quali nei prossimi mesi si aggiungeranno oltre 100 nuovi mezzi sempre ad alimentazione elettrica.

Nel corso della giornata, la società ha presentato altri progetti parte del suo programma di trasformazione digitale, quali il lampione smart, dotato di telecamere e sensori per monitorare la qualità dell’aria e le condizioni meteorologiche, i droni per le ispezioni termografiche e nuovi strumenti ad alta tecnologia per il monitoraggio in tempo reale della rete dei suoi servizi. Tra questi, anche il Water Management System, per l’analisi e il monitoraggio dei dati e delle informazioni provenienti dalla rete idrica e la nuova sala di controllo digitale che telecontrolla in tempo reale oltre 1800 impianti e oltre 7.000 chilometri di rete idrica.

«L’innovazione è una sfida di assoluta necessità. Non si può condurre un’azienda di questa complessità, che gestisce infrastrutture così importanti su territori ampi come i nostri, se non sappiamo usufruire dei vantaggi che la tecnologia e l’innovazione possono dare – ha spiegato Stefano Donnarumma, amministratore delegato di Acea -. Non a caso nel nostro piano di 4 miliardi di euro di investimenti nei prossimi 5 anni, circa 500 milioni sono dedicati proprio all’innovazione tecnologica».


Leggi anche

Promosso da Regione Lombardia, ARERA, RSE e Terna, il progetto pilota sull’aggregazione di numerosi sistemi di accumulo di energia prodotta da impianti fotovoltaici nasce per consentire agli utenti di piccola taglia di partecipare al mercato di dispacciamento dell’energia. Possono aderire, senza alcun onere a loro carico, tutti i cittadini dotati di sistemi di accumulo…

Leggi tutto…

«L’impegno economico più alto di sempre», ha definito il nuovo piano una nota della stessa società, forte di un volume di investimenti in crescita del 20% rispetto al documento precedente. Oltre 3 miliardi sono destinati allo sviluppo della rete elettrica nazionale, 2 miliardi alle attività di rinnovo ed efficienza e 1 alla realizzazione di dispositivi per aumentare la sicurezza e la stabilità dell’infrastruttura…

Leggi tutto…

L’amministratore delegato dell’azienda che gestisce la rete elettrica nazionale è stato premiato come miglior manager dell’anno, nel comparto energia, durante il XIX Workshop annuale di Agici e Accenture. Il prestigioso riconoscimento, si legge nella motivazione, è stato assegnato per l’impegno di Terna verso la costruzione di un sistema energetico sostenibile, sicuro e innovativo …

Leggi tutto…

Promosso dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, il progetto punta a integrare i sistemi di accumulo dell’energia e quelli di generazione da fonti rinnovabili nella rete per favorire la partecipazione attiva degli utenti finali ai mercati dell’energia, attraverso la creazione di Community Energy Storage. Saranno sviluppati anche modelli evoluti di pianificazione della rete…

Leggi tutto…

Supportato da investimenti per 850 milioni di euro in quattro anni, il progetto punta a creare l’azienda energetica del futuro. Quattro le aree sulle quali è focalizzato: maggiore efficienza operativa, con l’impiego delle tecnologie più innovative per il monitoraggio e la manutenzione delle infrastrutture, riduzione delle emissioni di metano del 25% al 2025, transizione energetica e spinta all’innovazione…

Leggi tutto…