AcegasApsAmga: lavori a tempo di record a Trieste grazie al no-dig


È un esempio di buone pratiche l’intervento con il quale in meno di due settimane lavorative i tecnici di AcegasApsAmga hanno risanato un tratto di condotta idrica dell’estensione di 240 metri lungo le rive di Trieste.
Grazie alla distrettualizzazione dell’infrastruttura, al telecontrollo e alla gestione informatizzata del sistema idrico, i tecnici hanno potuto monitorare la rete, localizzare e definire le perdite reali della tubazione, riuscendo così a programmare i lavori di sostituzione delle condotte. Sostituzione che è avvenuta attraverso l’impiego di una tecnica no-dig, in modo da ridurre le opere di scavo e i tempi di realizzazione.
Per l’operazione sono stati effettuati 4 scavi lungo le rive per ricollegare gli allacciamenti che insistevano sulla vecchia condotta. Successivamente, è stato sfilato dal tubo di ghisa già esistente la vecchia condotta, risalente agli anni Novanta, immediatamente sostituita con una nuova tubazione in polietilene multistrato, con all’interno dei fogli di alluminio per prevenire e proteggere da eventuali infiltrazioni di acqua di mare.
L’intervento, effettuato senza interrompere il servizio alle utenze, grazie all’inserimento di un bypass che ha garantito la continuità della distribuzione dell’acqua, si inserisce nel piano di interventi che l’azienda porta avanti per ridurre gli sprechi della preziosa risorsa e tutelarne la qualità.


Leggi anche

L’intervento riguarda la dorsale principale che assicura l’approvvigionamento della zona industriale di Vado Ligure. Per il recupero funzionale della condotta, che ha una lunghezza di 1 chilometro e un diametro di 300 mm, verrà utilizzata la tecnica Primus line, che prevede l’inserimento di un tubolare all’interno delle tubazioni esistenti. La conclusione dei lavori è prevista per la metà di maggio…

Leggi tutto…

Già avviati i lavori per la realizzazione di una condotta della lunghezza di 12 chilometri che porterà l’acqua in uscita dal depuratore nell’agro di Lentini, a beneficio delle aziende agricole della zona, invece di finire in mare. Le opere, che prevedono anche la costruzione di una vasca di raccolta, saranno completate per la fine dell’anno. Intanto è stato stilato un piano per l’estensione della rete fognaria in città, che in diversi aree ne è ancora priva…

Leggi tutto…

La multiutility ha avviato i lavori per la sostituzione dell’adduttrice che garantisce l’approvvigionamento idrico della città. Saranno posati 15 km di tubazioni in ghisa sferoidale al posto delle vecchie condotte in cemento amianto. I lavori sono suddivisi in tre stralci, prevedono l’attraversamento di un tratto di autostrada e di linee ferroviarie, e termineranno per la fine del 2019. Il costo dell’opera è di 13,5 milioni di euro

Leggi tutto…

Realizzato il collettore fognario per la raccolta dei reflui della zona delle Mura Megalitiche. Diverse le criticità che i tecnici hanno dovuto affrontare per posare oltre 2 chilometri di condotta, quali la profondità dello scavo e l’attraversamento di una strada statale e di diverse zone di alto pregio paesaggistico e archeologico. L’investimento per i lavori è stato di 1,5 milioni di euro…

Leggi tutto…

Con un investimento di 8 milioni di euro, la società realizzerà l’infrastruttura a banda ultralarga nel capoluogo abruzzese. I lavori prenderanno il via a gennaio, per concludersi per la metà del 2019, mentre entro l’anno successivo sarà realizzata la rete a servizio dei comuni limitrofi. Per la città il piano prevede la posa di 13.000 chilometri di fibra ottica che raggiungerà 23.000 unità immobiliari …

Leggi tutto…