Acoset avvia la lotta alle perdite idriche

Le reti idriche siciliane scontano livelli di perdite particolarmente elevati, causa a loro volta di gravi disservizi. In questo contesto i fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) rappresentano una vera e propria occasione per i gestori del servizio per realizzare progetti che consentano di migliorare la situazione e limitare inutili sprechi di risorsa.

Tra i progetti in cantiere, c’è quello portato avanti da Acoset, società fondata nel 1911 e che gestisce il servizio idrico in 20 comuni della fascia pedemontana etnea e nel quartiere San Giovanni Galermo di Catania. Progetto finanziato con 6 milioni di euro con fondi PNRR per la digitalizzazione e distrettualizzazione dei quasi 2.000 chilometri di condotte, su un territorio di circa 738 chilometri quadrati, gestiti.

 

Preservare la risorsa

Obiettivo del progetto, suddiviso in tre lotti, e del quale si è appena concluso il bando, è la ridbuzione delle perdite. Un’opera preziosa considerando anche che l’approvvigionamento idrico ha come principale fonte la galleria di captazione di “Ciapparazzo”, a sud-est dell’abitato di Bronte, e i pozzi “Sacro Cuore” in località Pedara. E che per far fronte alle necessità idropotabili delle oltre 90.000 utenze, soprattutto nel periodo estivo, durante il quale la popolazione di alcuni comuni consorziati aumenta fino a triplicarsi per l‘afflusso turistico, l’azienda immette nella rete acquedottistica acque provenienti da numerosi pozzi sia pubblici che privati.

 

Smart meter e no-dig

Secondo le indicazioni della società, ogni rete sarà dotata di misuratori elettronici che consentiranno di leggere i dati dei consumi delle utenze da remoto in tempo reale. Ma gran parte delle attività sarà concentrata su alcune delle porzioni di infrastruttura realizzate nel secolo scorso e che si trovano in zone argillose. Tali tratte, sia per la loro età sia per la particolarità del terreno, sono particolarmente problematiche e richiedono importanti interventi di manutenzione e sostituzione.

Per intervenire sulle condotte la società ha optato per le tecnologie trenchless, che permettono la posa o il recupero delle tubazioni senza ricorrere agli scavi a cielo aperto.

La gara d’appalto bandita da Acoset ha previsto l’aggiudicazione con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa per una durata del contratto di due anni.


Leggi anche

Servizi a Rete è Media Partner della 21a Trenchless Engineering 2023 conference che si svolgerà il 13-15 giugno 2023 a Tomaszowice vicino a Cracovia in Polonia. …

Leggi tutto…

Vale nel complesso circa 20 milioni di euro l’insieme di opere messo a punto dal gestore idrico per rinnovare completamente il sistema idrico della Valdelsa. L’obiettivo è di garantire la sicurezza dell’approvvigionamento ai territori di San Gimignano, Montaione, Gambassi Terme e Certaldo, e migliorare la qualità dell’acqua erogata. I lavori hanno preso il via con l’intervento nel comune di San Gimignano che prevede la posa di 6,3 km di nuove tubazioni …

Leggi tutto…

Aggiudicata la gara per l’eliminazione degli scarichi di acque nere provenienti da alcune zone della città nel canale e il loro convogliamento a depurazione. Il bando pubblicato da Invitalia, centrale di committenza per la Struttura Commissario Unico per la Depurazione, prevede la posa di 3 chilometri di condotte, delle quali 900 metri con la tecnica no-dig del microtunnelling….

Leggi tutto…

Il progetto messo a punto dal gestore prevede la posa di una nuova condotta per un’estensione di circa 2 chilometri in sostituzione di quella esistente, soggetta a dispendiose rotture e sottodimensionata rispetto alle esigenze del comune della provincia di Treviso. Oltre a porre fine allo spreco di acqua, consentirà di ridurre i costi energetici di gestione…

Leggi tutto…

Da tempo il gestore idrico del Veneto Orientale porta avanti il progetto di potenziamento del sistema fognario nella città. Progetto che ora compie un salto di qualità con la realizzazione di un tunnel che, scorrendo sotto il fiume Sile e la ferrovia, consentirà al centro storico, del tutto privo di rete, di allacciarsi alla fognatura per portare i reflui a depurazione. Per la sua realizzazione è stata scelta la tecnica no-dig del microtunnelling…

Leggi tutto…