Acqua: l’Autorità italiana confermata alla guida di WAREG, il network europeo dei regolatori dei servizi idrici


L’Assemblea ha anche ampliato il perimetro dell’organismo, con una Governance rinforzata: hanno aderito infatti anche i regolatori idrici di tre nuovi Paesi (Macedonia, Polonia e Turchia), portando così a 25 il numero totale dei Membri e a 4 il numero di Osservatori di WAREG. Inoltre è stato adottato uno Statuto e nuove regole interne di funzionamento, che permetteranno di consolidare il profilo istituzionale di WAREG in un’associazione senza scopo di lucro di diritto italiano, con sede a Milano, presso l’Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico (AEEGSI). Sono poi stati rinnovati gli altri incarichi di vertice per il prossimo biennio: i ruoli di VicePresidenza sono aumentati a quattro, con la conferma dei regolatori di Scozia (Water Industry Commission for Scotland) e Ungheria (Hungarian Energy and Public Utility Regulatory Authority), e le nuove designazioni dei regolatori di Bulgaria (Energy and Water Regulatory Commission) e Malta (Regulator for Energy and Water Services). La 13° Assemblea Generale è stata anche l’occasione per WAREG di evidenziare l’urgenza, comune a tutti i paesi membri, di migliorare le infrastrutture idriche esistenti, con significativi investimenti, ai fini di poter incrementare i livelli di qualità dell’acqua potabile per i consumatori finali e di sicurezza del sistema idrico, per far fronte a fenomeni imprevisti come inondazioni o siccità, legati al cambiamento climatico.


Leggi anche

Lo dice l’ultimo Censimento delle Acque per uso civile redatto dall’Istituto nazionale di statistiche che ha rilevato un incremento delle dispersioni pari al 41,4% del totale di acqua immessa, a fronte del 37,4% del 2012. Le maggiori criticità sono state riscontrate nelle isole e nel Centro-Sud, in particolare Basilicata, Sardegna, Lazio e Sicilia. Quasi invariato, invece, il volume complessivo di acqua prelevata, pari a 9,5 miliardi di metri cubi…

Leggi tutto…

Ingente il programma di opere avviato nella località costiera del potentino. Saranno costruite nuove tratte fognarie a servizio delle frazioni ancora non servite, ammodernati circa 50 impianti di sollevamento e sostituita una condotta sottomarina. A questo si aggiunge l’intervento su un sollevatore che sarà dotato di uno speciale rivestimento in grado di monitorarne il funzionamento…

Leggi tutto…

L’azienda, che gestisce il servizio idrico in circa un terzo del territorio toscano ha presentato il bilancio di sostenibilità relativo al 2016. Oltre 31 milioni investiti in interventi di ammodernamento delle infrastrutture, con importanti risultati ottenuti sia sulla qualità del servizio sia sulla riduzione delle emissioni di CO2. La società si è dotata anche di avanzati sistemi informativi a supporto della gestione e pianificazione delle attività…

Leggi tutto…

Il gestore idrico sardo ha dato il via al secondo blocco di lavori in città, con una serie di interventi che interessano l’impianto di potabilizzazione di Truncu Reale e la rete di distribuzione. Le opere saranno concluse prima delle festività, mentre a fine gennaio 2018 si procederà con l’ultimo blocco di interventi per completare l’efficientamento del potabilizzatore e la riparazione di alcuni tratti di condotte …

Leggi tutto…

Il piano straordinario coinvolge 21 comuni nelle province di Bari e Barletta Andria Trani e prevede la sostituzione di 165 km di condotte vetuste e ammalorate e l’introduzione di nuovi distretti. Gli interventi, per i quali sono state bandite le gare per la progettazione definitiva ed esecutiva, si aggiungono alle attività ordinarie di ricerca perdite e di riparazione già portate avanti dall’azienda…

Leggi tutto…