Acqualatina avvia il risanamento della rete idrica di Gaeta


Aperto il cantiere di Acqualatina a Gaeta. Il gestore del servizio idrico ha così dato il via a un importante intervento sulle condotte di distribuzione dell’acqua: ben 7 chilometri di tubazioni ammalorate da risanare con l’obiettivo di dare un drastico taglio alle dispersioni della preziosa risorsa. I lavori, infatti, consentiranno di recuperare dai 41-52 litri al secondo di acqua, pari a 1,3-1,6 milioni di metri cubi l’anno, corrispondenti al 25-31% del totale delle perdite di rete. Obiettivo dell’azienda è di completare, entro l’estate, i lavori nelle aree di Gaeta Medievale alta, della zona San Giacomo, Gaeta Medievale bassa e Serapo Ovest, che costituiscono l’85% dei volumi d’acqua che si intende recuperare. Il completamento dei lavori anche nelle zone Atratina e Monte Tortona è previsto invece entro la fine dell’anno. Nell’ambito dell’intervento, che ha un costo complessivo di 1,2 milioni di euro, Acqualatina provvederà anche a riorganizzare la rete idrica della zona Via Monte Tortona – Via Sant’Agostino – Via Monte Amiata, caratterizzata sia da aree con pressioni in eccesso e un elevato numero di interventi di riparazione, sia da aree con pressioni insufficienti, per garantire una più omogenea distribuzione delle pressioni oltre al risanamento delle condotte più vecchie. Infine, grazie a un investimento di ulteriori 67.000 euro, verranno equipaggiati i 18 distretti di rete realizzati in questi anni e verrà regolata la rispettiva pressione attraverso l’installazione di 14 misuratori di portata e 4 valvole regolatrici. I lavori si inseriscono nel più ampio progetto di recupero delle perdite di rete, che Acqualatina sta portando avanti come previsto nel Piano degli investimenti dell’Ato4. Progetto che sinora ha visto investimenti per 43 milioni di euro ai quali si aggiungono ulteriori 75 milioni di euro per gli interventi in corso di realizzazione e previsti per i prossimi anni.


Leggi anche

A lanciare l’allarme Alto Calore Servizi, gestore del servizio idrico in 125 comuni delle province di Avellino e di Benevento, con i primi disagi che già si sono manifestati in alcune località. Causa del problema il depauperamento delle falde, in atto da anni, non rigenerate dalle piogge di questo inverno, e gli altissimi livelli di dispersione delle reti. Con 60 milioni disponibili per fronteggiare il fenomeno, ma non utilizzati …

Leggi tutto…

Ci sono voluti quasi 50 anni, ma finalmente la città dello Stretto può dire addio ai problemi di carenza idrica e delle falde inquinate dall’acqua di mare. È attivo lo schema del Menta, il sistema di opere che ha il suo perno nel grande invaso che raccoglie le acque della fiumara proveniente dall’Aspromonte per distribuirla nella rete cittadina. Un’opera da 230 milioni di euro che garantisce acqua di qualità a tutta la città…

Leggi tutto…

Il caso presentato riguarda le città di Padova e Trieste, per un’attività che è stata avviata nel 2013 dalla multiutility AcegasApsAmga S.p.A. e ha coinvolto le aziende della rete d’impresa IWS con la realizzazione di 250 distretti e l’installazione di oltre 300 misuratori di portata e pressione autoalimentati a batteria con invio dati. La distrettualizzazione ha permesso ad AcegasApsAmga di risparmiare 6 miliardi di litri d’acqua nel 2017.

Leggi tutto…

Il piano del gestore del servizio idrico prevede l’installazione di 2000 smart meter nei comuni del cremonese, a partire da Soresina, dove verranno sostituiti 400 contatori meccanici. Contemporaneamente, si provvederà all’installazione di sensori di portata sull’intera infrastruttura idrica in modo da ottimizzare il funzionamento degli impianti, ridurre le perdite e i consumi energetici…

Leggi tutto…

Promosso da Utilitalia, l’accordo è stato sottoscritto da 12 aziende di Molise, Campania, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna, per creare uno spazio di confronto e programmazione comune, favorire lo scambio di buone pratiche e affrontare le problematiche emergenti. Verranno creati gruppi di lavoro su diversi temi, dallo sviluppo delle infrastrutture all’accesso ai fondi Ue, dalla gestione del personale all’efficientamento di reti e impianti…

Leggi tutto…