Acqualatina avvia il risanamento della rete idrica di Gaeta


Aperto il cantiere di Acqualatina a Gaeta. Il gestore del servizio idrico ha così dato il via a un importante intervento sulle condotte di distribuzione dell’acqua: ben 7 chilometri di tubazioni ammalorate da risanare con l’obiettivo di dare un drastico taglio alle dispersioni della preziosa risorsa. I lavori, infatti, consentiranno di recuperare dai 41-52 litri al secondo di acqua, pari a 1,3-1,6 milioni di metri cubi l’anno, corrispondenti al 25-31% del totale delle perdite di rete. Obiettivo dell’azienda è di completare, entro l’estate, i lavori nelle aree di Gaeta Medievale alta, della zona San Giacomo, Gaeta Medievale bassa e Serapo Ovest, che costituiscono l’85% dei volumi d’acqua che si intende recuperare. Il completamento dei lavori anche nelle zone Atratina e Monte Tortona è previsto invece entro la fine dell’anno. Nell’ambito dell’intervento, che ha un costo complessivo di 1,2 milioni di euro, Acqualatina provvederà anche a riorganizzare la rete idrica della zona Via Monte Tortona – Via Sant’Agostino – Via Monte Amiata, caratterizzata sia da aree con pressioni in eccesso e un elevato numero di interventi di riparazione, sia da aree con pressioni insufficienti, per garantire una più omogenea distribuzione delle pressioni oltre al risanamento delle condotte più vecchie. Infine, grazie a un investimento di ulteriori 67.000 euro, verranno equipaggiati i 18 distretti di rete realizzati in questi anni e verrà regolata la rispettiva pressione attraverso l’installazione di 14 misuratori di portata e 4 valvole regolatrici. I lavori si inseriscono nel più ampio progetto di recupero delle perdite di rete, che Acqualatina sta portando avanti come previsto nel Piano degli investimenti dell’Ato4. Progetto che sinora ha visto investimenti per 43 milioni di euro ai quali si aggiungono ulteriori 75 milioni di euro per gli interventi in corso di realizzazione e previsti per i prossimi anni.


Leggi anche

Ingente il programma di opere avviato nella località costiera del potentino. Saranno costruite nuove tratte fognarie a servizio delle frazioni ancora non servite, ammodernati circa 50 impianti di sollevamento e sostituita una condotta sottomarina. A questo si aggiunge l’intervento su un sollevatore che sarà dotato di uno speciale rivestimento in grado di monitorarne il funzionamento…

Leggi tutto…

L’azienda, che gestisce il servizio idrico in circa un terzo del territorio toscano ha presentato il bilancio di sostenibilità relativo al 2016. Oltre 31 milioni investiti in interventi di ammodernamento delle infrastrutture, con importanti risultati ottenuti sia sulla qualità del servizio sia sulla riduzione delle emissioni di CO2. La società si è dotata anche di avanzati sistemi informativi a supporto della gestione e pianificazione delle attività…

Leggi tutto…

Il gestore idrico sardo ha dato il via al secondo blocco di lavori in città, con una serie di interventi che interessano l’impianto di potabilizzazione di Truncu Reale e la rete di distribuzione. Le opere saranno concluse prima delle festività, mentre a fine gennaio 2018 si procederà con l’ultimo blocco di interventi per completare l’efficientamento del potabilizzatore e la riparazione di alcuni tratti di condotte …

Leggi tutto…

Il piano straordinario coinvolge 21 comuni nelle province di Bari e Barletta Andria Trani e prevede la sostituzione di 165 km di condotte vetuste e ammalorate e l’introduzione di nuovi distretti. Gli interventi, per i quali sono state bandite le gare per la progettazione definitiva ed esecutiva, si aggiungono alle attività ordinarie di ricerca perdite e di riparazione già portate avanti dall’azienda…

Leggi tutto…

È il grande progetto dell’Autorità idrica toscana che prevede la realizzazione di nuove captazioni sulle Alpi Apuane e di una grande dorsale per portare l’acqua in Versilia e poi fino a Livorno, garantendo l’approvvigionamento anche di Lucca e Pisa. Oltre 150 milioni di euro l’investimento necessario per l’infrastruttura la cui costruzione richiederà 10 anni di lavori. Un’opera che però presenta ancora diverse incognite…

Leggi tutto…