Acqualatina e Acqua Campania: avanti con l’interconnessione dei sistemi idrici

Incontro tra i vertici e tecnici di Acqualatina e Acqua Campania per fare il punto sui lavori di interconnessione della rete idrica del Sud pontino con l’Acquedotto della Campania Occidentale.

Un intervento che le due società stanno portanti avanti con un finanziamento di 7 milioni di euro, cofinanziato da regione Campania, per garantire un maggior approvvigionamento di acqua alle comunità del Sud pontino. Sarà realizzata una condotta di 11 chilometri, che garantirà una portata aggiuntiva di 160 litri al secondo, ovvero oltre 13.800 metri cubi di acqua al giorno e oltre 5 milioni di metri cubi di acqua annui. In breve, il 20% in più di quanto sinora erogato. Il collegamento dell’acquedotto campano con quello laziale è dunque un’opera strategica per mettere in sicurezza l’intera rete del Sud pontino, aumentando la flessibilità di tutto il sistema.

Un’opera che però procede lentamente, per via dei rallentamenti e blocchi subiti dai lavori dovuti ai ripetuti ritrovamenti di reperti archeologici nell’area campana. Una delle parti più critiche dell’opera riguarda l’attraversamento del fiume Gari, che collega la rete idrica di Minturno, in provincia di Latina, con quella di Cellole, in provincia di Caserta, al confine tra Lazio e Campania, ora in fase di ultimazione. Per concludere i lavori si attende il completamento della rimozione, in alcuni siti, dei reperti archeologici da parte della Sovrintendenza ai Beni Culturali. Nel frattempo, gli interventi proseguono con apposite precauzioni a tutela dei reperti, per procedere con la messa in esercizio prevista per il mese di novembre.


Leggi anche

Approvato dal Consiglio di amministrazione, il documento al 2023 destina la maggior parte delle risorse, circa 1,9 miliardi, all’estensione, ammodernamento ed evoluzione tecnologica delle reti, con una quota significativa stanziata per il rinnovo dei misuratori. A fine quinquennio previsto un margine operativo lordo di 1,25 miliardi, in aumento di 219 milioni rispetto al 2018…

Leggi tutto…

Completato e già in esercizio, la nuova linea a 150 kV Benevento III-Pontelandolfo. L’elettrodotto, che ha una lunghezza di 15 chilometri, garantirà una maggiore efficienza e sostenibilità alle infrastrutture elettriche dell’area beneventana e favorirà l’integrazione in rete dell’energia rinnovabile generata nella zona, dove rilevante è la produzione di elettricità da fonte eolica…

Leggi tutto…

È stato inaugurato il Terzo laboratorio dedicato allo sviluppo di innovazioni per la gestione sempre più intelligente della rete elettrica nazionale. Il nuovo centro, che sorge a Pero, si occuperà nello specifico di Analytics & Energy Systems, puntando a creare soluzioni smart per la gestione delle infrastrutture elettriche attraverso l’elaborazione e l’interpretazione di dati e lo sviluppo di algoritmi e strumenti avanzati di simulazione e previsione…

Leggi tutto…

La multiutility del Nord della Lombardia ha perfezionato con la Banca europea per gli investimenti un prestito, a 16 anni, a sostegno del suo Piano di investimenti 2019-2023. Le risorse serviranno a sostenere progetti nei diversi campi di attività del gruppo, dall’ambiente alle reti idriche, da quelle elettriche al teleriscaldamento, dall’illuminazione pubblica all’efficienza energetica dalle smart city alla sicurezza informatica, interessando circa 900.000 abitanti…

Leggi tutto…

L’operazione, conclusa in 10 giorni, che ha portato alla posa di 16 km di cavo in alta tensione, è stata eseguita con una speciale nave di Prysmian. L’intervento è parte integrante del nuovo elettrodotto a 150 kV che la società sta realizzando per collegare l’isola alla rete elettrica nazionale e rendere l’infrastruttura più sicura ed efficiente …

Leggi tutto…