Acqualatina: in fase di ultimazione la condotta di collegamento Roccagorga-Priverno


«Dopo la crisi idrica dell’estate 2017, dovuta a una siccità straordinaria» dichiara il Sindaco di Priverno Anna Maria Bilancia, «ci conforta vedere che gli impegni assunti da Acqualatina per migliorare la quantità della risorsa idrica sono giunti a uno stato di realizzazione avanzato.»
«I lavori in corso su Priverno rientrano in un progetto più ampio che coinvolge tutti i paesi dei Monti Lepini.» Ha dichiarato il Direttore Tecnico di Acqualatina, l’Ing. Ennio Cima. «L’intero progetto prevede l’interconnessione di tutti i Comuni con le centrali esistenti o, come nel caso di Priverno, con nuove fonti di approvvigionamento. Queste soluzioni permetteranno una stabilizzazione del servizio su tutta l’area, anche in caso di future siccità.»
I tecnici del Gestore hanno reso noto che i lavori di bonifica bellica sono conclusi e la Conferenza dei Servizi, propedeutica all’avvio dei lavori, ha dato esito positivo. Pertanto, nei prossimi giorni prenderanno il via sia la realizzazione della condotta, sia i lavori di allestimento del campo pozzi, tramite opere specialistiche di piping e collegamenti elettromeccanici.
Il primo tratto di condotta che verrà posto in opera interesserà i 2km che collegano Priverno a Roccagorga tramite la S.P. Torretta Rocchigiana. Mentre il progetto di recupero perdite di rete, che Acqualatina porta avanti su tutto l’Ato4, prevede una spesa complessiva di 9 milioni di euro, 3 dei quali riservati ai Comuni dei Monti Lepini. E’ stata da poco completa la mappatura e lo studio idraulico della rete comunale, attività che sono alla base della procedura di gara per l’affidamento definitivo dei lavori di ottimizzazione della rete idrica di distribuzione.
Sul fronte interventi previsti dal Piano degli investimenti, il Sindaco di Priverno, ha chiesto ad Acqualatina la possibilità di anticipare alcuni interventi sulla fognatura previsti già nel Piano degli Investimenti del territorio, nelle zone di San Martino, Ceriara e in altre aree in corso di verifica congiuntamente con i tecnici comunali.
L’incontro si è concluso con l’accordo di fissare quanto prima una nuova data per vagliare l’avanzamento lavori e il rispetto dei tempi concordati.


Leggi anche

Concluso ed entrato in servizio un nuovo tratto di infrastruttura che il gestore idrico sardo ha realizzato in piazza Sacro Cuore. Un chilometro di condotte in ghisa sferoidale posate in sostituzione della rete esistente, costituita da tubi in acciaio e in ferro ormai gravemente ammalorati. L’intervento è parte dell’ampio piano di efficientamento e ingegnerizzazione che interessa l’intera rete cittadina …

Leggi tutto…

È il progetto di Alto Trevigiano Servizi e Comune di Treviso. Il centro sarà realizzato in 18 mesi, nell’area del depuratore, di recente sottoposto dal gestore a un’importante opera di efficientamento energetico. Si estenderà su 300 metri quadri e sarà a disposizione degli atenei del territorio per lo studio degli impatti ambientali, del miglioramento dell’ecosistema e dei fattori di inquinamento e della loro riduzione …

Leggi tutto…

Sono 11 gli interventi previsti dal bando per un importo di 4,3 milioni. L’obiettivo: porre fine a diversi problemi legati sia all’inadeguatezza della rete di distribuzione, in alcuni casi sottodimensionata rispetto alle esigenze del territorio, sia alla sua totale mancanza in alcune aree rurali. Il termine per la presentazione delle offerte è fissato al prossimo 9 settembre…

Leggi tutto…

A lanciare l’allarme Alto Calore Servizi, gestore del servizio idrico in 125 comuni delle province di Avellino e di Benevento, con i primi disagi che già si sono manifestati in alcune località. Causa del problema il depauperamento delle falde, in atto da anni, non rigenerate dalle piogge di questo inverno, e gli altissimi livelli di dispersione delle reti. Con 60 milioni disponibili per fronteggiare il fenomeno, ma non utilizzati …

Leggi tutto…

Di fronte alla sfida imposta dai cambiamenti climatici e dalla trasformazione sempre più veloce delle città, la tecnologia e la digitalizzazione svolgeranno un ruolo centrale. Negli interventi istituzionali gli specialisti di enti e utilities mostreranno come le nuove tecnologie siano indispensabili per garantire la continuità dei servizi erogati, riprogettarli e migliorarne la gestione e la qualità in funzione delle nuove esigenze e in un’ottica di sostenibilità ambientale, anche grazie a una più efficiente e capillare raccolta dati….

Leggi tutto…