Acqualatina: in fase di ultimazione la condotta di collegamento Roccagorga-Priverno


«Dopo la crisi idrica dell’estate 2017, dovuta a una siccità straordinaria» dichiara il Sindaco di Priverno Anna Maria Bilancia, «ci conforta vedere che gli impegni assunti da Acqualatina per migliorare la quantità della risorsa idrica sono giunti a uno stato di realizzazione avanzato.»
«I lavori in corso su Priverno rientrano in un progetto più ampio che coinvolge tutti i paesi dei Monti Lepini.» Ha dichiarato il Direttore Tecnico di Acqualatina, l’Ing. Ennio Cima. «L’intero progetto prevede l’interconnessione di tutti i Comuni con le centrali esistenti o, come nel caso di Priverno, con nuove fonti di approvvigionamento. Queste soluzioni permetteranno una stabilizzazione del servizio su tutta l’area, anche in caso di future siccità.»
I tecnici del Gestore hanno reso noto che i lavori di bonifica bellica sono conclusi e la Conferenza dei Servizi, propedeutica all’avvio dei lavori, ha dato esito positivo. Pertanto, nei prossimi giorni prenderanno il via sia la realizzazione della condotta, sia i lavori di allestimento del campo pozzi, tramite opere specialistiche di piping e collegamenti elettromeccanici.
Il primo tratto di condotta che verrà posto in opera interesserà i 2km che collegano Priverno a Roccagorga tramite la S.P. Torretta Rocchigiana. Mentre il progetto di recupero perdite di rete, che Acqualatina porta avanti su tutto l’Ato4, prevede una spesa complessiva di 9 milioni di euro, 3 dei quali riservati ai Comuni dei Monti Lepini. E’ stata da poco completa la mappatura e lo studio idraulico della rete comunale, attività che sono alla base della procedura di gara per l’affidamento definitivo dei lavori di ottimizzazione della rete idrica di distribuzione.
Sul fronte interventi previsti dal Piano degli investimenti, il Sindaco di Priverno, ha chiesto ad Acqualatina la possibilità di anticipare alcuni interventi sulla fognatura previsti già nel Piano degli Investimenti del territorio, nelle zone di San Martino, Ceriara e in altre aree in corso di verifica congiuntamente con i tecnici comunali.
L’incontro si è concluso con l’accordo di fissare quanto prima una nuova data per vagliare l’avanzamento lavori e il rispetto dei tempi concordati.


Leggi anche

L’assemblea dei soci del gestore idrico sardo ha approvato il bilancio relativo allo scorso anno, che segna un ulteriore passo nel processo di consolidamento della società. Insieme al fatturato, crescono i ricavi, su del 7,4%, che superano quota 270 milioni, e il margine operativo di esercizio, positivo per 86 milioni. Scendono invece i costi di esercizio, rispetto ai livelli del 2002, e i reclami …

Leggi tutto…

È la ricetta emersa dal convegno organizzato a Matera da Utilitalia e Acquedotto lucano per garantire l’approvvigionamento idrico sicuro nel Mezzogiorno, dove le criticità legate ai cambiamenti climatici vanno a sommarsi agli storici ritardi infrastrutturali. Aspetti sui quali i gestori si stanno muovendo, con gli investimenti annui pro-capite saliti a 65 euro per abitante, a fronte dei 55 euro del Centro-Nord, e una spesa di 2 euro per abitante in tecnologie digitali…

Leggi tutto…

Proseguono le iniziative dell’innovativa piattaforma di ricerca per la gestione del sistema idrico integrato. Gruppo CAP riunisce tutti i più importanti attori dell’innovazione, della ricerca e dello sviluppo del settore per pianificare i prossimi passi. Networking e approccio multidisciplinare per 8 aziende nel settore, 1 istituto di ricerca, 2 università lombarde. Living lab per la sperimentazione, gli impianti di depurazione di San Giuliano Est, San Giuliano Ovest e di Bresso Niguarda….

Leggi tutto…

Investimenti in crescita del 10% nel nuovo piano industriale. Iren destinerà i due terzi ai servizi regolati, in particolare l’idrico, per potenziare, ammodernare e digitalizzare le infrastrutture. La parte restante pari a 1,3 miliardi di euro sarà riservata alla crescita dimensionale del Gruppo: nel settore ambientale, con lo sviluppo di impianti di selezione e trattamento; nel teleriscaldamento, con l’estensione delle reti; nel gas …

Leggi tutto…

La nuova proposta di alta formazione dell’Università di Udine, in partenza per l’a.a. 2019/2020…

Leggi tutto…